I capezzoli sì, ma solo se maschili: l’ipocrisia del doppio standard di Instagram

Che succede se una donna pubblica i propri capezzoli sui social? A meno che non allatti, non abbia problemi di salute o sia una pasionaria, otterrà probabilmente una segnalazione. La vicenda di Grace Morgan e l'ipocrisia sul topless.

I capezzoli sì, ma solo se maschili: l'ipocrisia del doppio standard di Instagram - Capezzoli su Instagram - Gay.it
3 min. di lettura

Nipple, mamelon, chikubi, pezón. Che lo si dica in inglese, francese, giapponese o spagnolo, il capezzolo mantiene sempre quell’aurea di irrinuncabile simpatia. Tondo, sporgente, piatto o introflesso, nonostante le sue minuscole dimensioni il capo della mammella rimane al centro di accese battaglie, rappresentando ancora uno spartiacque di genere tra censura e libertà. Un’apice di pelle che, a sua insaputa, detta ancora legge e incarna – in tutti i sensi sensibili – un tabù in televisione, sulla stampa e soprattutto sui social. Ci pensate, pochi centimetri di pelle.

Mentre Instagram pullula di petti dalle parvenze maschili, guai a chi osa esporre sul proprio feed un seno dalle fattezze femminili. È l’annosa tiritera del doppio standard sui capezzoli, accettati se mostrati da un uomo, materiale da bollino rosso e da pixel se capita ad una donna. Tra le ultime vittime della mannaia social c’è Grace Morgan. Tattoo artist da oltre 60.000 follower, Grace Morgan ha condiviso negli scorsi giorni una foto che Instagram, poco dopo, ha rimosso per violazione delle linee guida, forse in risposta alle segnalazioni di alcuni utenti. Un “post rimosso per contenuto sessuale”, ricaricato dalla stessa in una versione alternativa, con pettorale possente, addominale scolpito e baffo “da uomo alpha”. E il suo sfogo, tra Stories e post, vale più di mille dissertazioni sull’argomento:

È la quinta volta che posto questa foto con questo piccolo edit visto che Instagram continua ad eliminarla per p0rnogr4f*a e non elimina magari profili nati per il revengep0r*. Quanto vi terrorizzano le donne che si autodeterminano e scelgono cosa fare del proprio corpo senza lo sessualizziate voi. Pensate essere qualcuno a cui fanno paura i capezzoli feminili tanto da triggerarsi e segnalare a destra e a manca.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GRACE MORGAN (@gracesmorgan)

Ad aggirare il sistema ci aveva provato qualche anno fa, e con non poca fortuna, una pagina Instagram pensata per mandare in tilt il meccanismo di riconoscimento del capezzolo femminile e di quello maschile. Genderless Nipples ha infatti raccolto oltre 150 foto di particolari di seni, con capezzoli e areole così zoomate da non distinguerne i corpi di provenienza. L’ultimo post, risalente al 2019, recita nella didascalia: “Nessuno dovrebbe essere in grado di prendere decisioni sul corpo altrui. Non un uomo. Non una donna. Non un politico. Non Instagram. Nessuno”. Eppure Instagram, i cui standard ricalcano quelli più diffusi tra la community fuori dai social, una qualche decisione l’ha presa nel tempo sul consenso alla pubblicazione dei capezzoli femminili.

Tra i contenuti proibiti sulla piattaforma, citiamo, “capezzoli femminili in vista, tranne che nel contesto di allattamento al seno, parto e momenti successivi al parto, situazioni correlate alla salute o atto di protesta”. Chi si occupa della moderazione dei contenuti, quindi, travalica la presunta sensibilità degli utenti circa il seno esclusivamente femminile solo se la donna protagonista dello scatto è madre premurosa, malata o pasionaria. Come se, in un contesto che non inserisce nessun comma per le mammelle specificatamente maschili, mostrare i capezzoli femminili a scopo artistico (o anche senza alcuno scopo specifico, eh!) non sia una forma di manifestazione dura contro le impronte maciste che marcano l’apparato umano tutto.

Viene da chiedersi il ruolo che i social network potrebbero ricoprire, data la pervasività degli spazi virtuali nella vita di ciascuno di noi, nell’effettiva eliminazione di certi stigmi. Una domanda che non può che rimanere insoluta, alla luce dei casi di censura programmata suddetti, ma anche della lettura degli ultimi Facebook Papers, nuovi documenti interni all’azienda diffusi online nelle scorse ore. Documenti che certificano la scarsa cura nel limitare l’odio, la violenza e la disinformazione da parte del social, che da una parte fomenta il diffondersi delle fake news e dall’altra cancella la natura. Insomma, da che pulpito.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24

Continua a leggere

Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: "Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi". L'intervista - Rey Sciutto cover - Gay.it

Rey Sciutto, trionfatore di The Floor: “Cerco di promulgare una società più inclusiva, abbattendo stereotipi”. L’intervista

Culture - Federico Boni 5.2.24
metoogarcons-violenza-sugli-uomini

#MeTooGarçons e le violenze subite dagli uomini: “Un tema molto nascosto nella comunità LGBTIQ+”

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
Peppi Nocera coming out La Badante shitstorm

Il coming out non è solo gay, Peppi Nocera travolto dalle polemiche dopo la nostra intervista

Culture - Redazione Milano 22.1.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Ethan Alexander, il prete gay, palestrato e tatuato diventato virale su Instagram (VIDEO) - Ethan Alexander - Gay.it

Ethan Alexander, il prete gay, palestrato e tatuato diventato virale su Instagram (VIDEO)

News - Redazione 21.3.24
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Balducci, Marchisio, Martin e tanti altri - specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Balducci, Marchisio, Martin e tanti altri

Culture - Redazione 11.3.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24