Addio Carmen Pignataro, luce del teatro femminista e queer

Personalità influente del teatro italiano, luce della scena romana, Carmen Pignataro è scomparsa a Roma il 19 agosto

ascolta:
0:00
-
0:00
carmen pignataro
carmen pignataro
3 min. di lettura

Un amore immenso per il palcoscenico, un sigaro, un bicchiere di rhum o di gin in mano, una moto: erano questi alcuni dei tratti distintivi di Carmen Pignataro, animatrice della scena culturale romana per oltre quattro decenni, venuta a mancare sabato 19 agosto a 71 anni.

Nonostante la stampa generalista in questi giorni non gliel’abbia riconosciuto a dovere (fanno eccezione per ora Il Manifesto e Repubblica), Carmen Pignataro è stata una figura significativa, e lo è stata anche per la comunità lgbtqia+, anche se da dietro le quinte. L’amico Pino Strabioli l’ha ricordata sia in radio (intervenendo alla trasmissione Pantagruel), sia con un breve articolo per l’edizione italiana di The Hollywood Reporter: “una mente libera e aperta”, ha detto, come libero ed aperto era e rimarrà lo spazio dei Giardini della Filarmonica quando ospita i Solisti del teatro.

Moltissimi i post e commenti condivisi per lei sui social: da Dacia Maraini a Vladimir Luxuria, Lorenzo Balducci, Eleonora Danco, Giulia Anania, Federica Tuzi, la compagnia Frosini / Timpano, Karma B, Carmen Giardina, Marco Carniti, Laura Lattuada, Orazio Rotolo Schifone, Sara Palma, Giovanni Galati, Marinella Zetti, Cecilia D’Elia, Alda D’Eusanio, Eva Grimaldi, Alessia Fabiani, fino alle addette stampa Carla Fabi, Roberta Savona, Patrizia Renzi e le selezionatrici del festival lesbico Immaginaria, che l’aveva coinvolta nella giuria lo scorso aprile.

Organizzatrice e agente teatrale, Carmen Pignataro nasce in Calabria, a Cosenza, il 20 febbraio 1955 e approda a Roma per gli studi universitari alla Sapienza. Negli anni settanta diviene una militante (prima di Avanguardia Operaia, poi femminista) e si dedica alla cura e alla ricerca di spettacoli con cui, insieme a Dacia Maraini, Edith Bruck e altre donne, anima il Teatro La Maddalena, frequentato da Isabella Rossellini, Maria Schneider, Natalia Ginzburg, Adele Faccio, Adele Cambria, Emma Bonino e molte altre personalità. Pignataro dà poi vita a due edizioni della rassegna internazionale Cinema Donna e al festival L’altra metà della scena. Negli anni ottanta e novanta è agente di artiste quali Piera Degli Esposti, Franca Valeri e Patty Pravo, ma anche Annalisa Scafi con cui lavorerà per oltre vent’anni, mentre nel palinsesto dell’Estate Romana coinvolge Mia Martini, Giuni Russo, Fiorella Mannoia, persino Susan Sontag.

Addio Carmen Pignataro, luce del teatro femminista e queer - carmen pignataro in moto foto di ugo g caruso - Gay.it

In un’intervista del 2016 registrata a Teatro91, un altro importante spazio da lei co-fondato, si legge: “La Maddalena era un luogo di formazione e valorizzazione delle culture delle donne, le spettatrici come le artiste. Poi vennero i laboratori, dal 1981 al 1985 circa (in realtà cominciarono nel 1979, ndr). Docenti di scrittura Edith Bruck e Dacia Maraini; per il teatro Piera Degli Esposti, Lucia Poli e Marisa Fabbri; per il cinema Lina Wertmuller, Loredana Rotundo, Annabella Miscuglio, Rony Daopoulo, Sofia Scandurra. Partecipanti da tutta Roma non solo le femministe militanti. All’inizio tra i soci c’era anche Moravia, poi si decise il separatismo”.

Nel 1994 Gianni Borgna, Assessore alla Cultura del Comune di Roma, propone a Pignataro il bellissimo spazio all’aperto dei Giardini della Filarmonica in via Flaminia, dove realizzerà per ben 29 anni la rassegna estiva I Solisti del teatro. Qui ‘solisti’ sta per ‘specialisti’, e la programmazione è spesso queer.

Prosegue anche l’attività di produttrice per Piera Degli Esposti e Lucia Poli, e diventa responsabile dell’Off Off Theatre diretto da Silvano Spada. Ha inoltre lavorato con Laura Betti al Fondo Pasolini.

Addio Carmen Pignataro, luce del teatro femminista e queer - 1 carmen pignataro con federica tuzi e carla fabi foto di federica tuzi - Gay.it

 

Nella stessa intervista del 2016, Pignataro fa notare come a Roma manchi ora “l’esistenza di una vera Casa (della donna) come luogo di scambio per le donne, nella quale si passava l’intera giornata. Pignataro oggi usa il bar, ma non è la stessa cosa, manca la possibilità di una nascita collettiva delle produzioni, anche per le artiste giovani. La Maddalena era una casa“, facendo riferimento alla storica Casa Internazionale delle Donne nel Palazzo del Buon Pastore, dove quasi trent’anni fa subì il furto dei suoi materiali di lavoro, perdendo quindi gran parte del proprio archivio, mentre alcuni riferimenti si possono trovare oggi ad Archivia (Archivi Biblioteche Centri Documentazione delle Donne), che ha sede nello stesso complesso.

Dopo la camera ardente in Campidoglio martedì mattina, i Solisti del teatro hanno interrotto la programmazione prevista per la serata ai Giardini della Fisarmonica per celebrarla con un rito informale, o meglio, “un microfono aperto ai ricordi”. 

 

Immagine di copertina: Carmen Pignataro – foto dal sito di Immaginaria

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Frankenstein Guillermo del Toro

Una lettura mostruosa dei corpi queer

Culture - Federico Colombo 31.10.23
dritto e rovescio

Questi uomini non sono mostri, ma figli del patriarcato: le parole di Elena Cecchettin

News - Riccardo Conte 20.11.23
Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024 - Sessp 24 - Gay.it

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024

Musica - Federico Colombo 31.1.24
"Raffa in the Sky", al Teatro Donizetti di Bergamo l'opera lirica ispirata a Raffaella Carrà - raffa in the sky - Gay.it

“Raffa in the Sky”, al Teatro Donizetti di Bergamo l’opera lirica ispirata a Raffaella Carrà

Culture - Redazione 12.9.23
donne-lesbiche-guadagnano-di-piu

Le lesbiche guadagnano di più delle donne etero a causa degli uomini

News - Francesca Di Feo 10.1.24
mit

Il MIT ha bisogno d’aiuto: partecipa alla raccolta fondi

News - Redazione Milano 19.10.23
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
Un Bagno di Folla: al Teatro Arcimboldi arriva il primo bagno genderless - Schermata 2023 10 02 alle 13.28.46 1 - Gay.it

Un Bagno di Folla: al Teatro Arcimboldi arriva il primo bagno genderless

Culture - Redazione Milano 2.10.23