La Cassazione conferma: il termine “fr*cio” è sempre diffamatorio

"Le suddette espressioni costituiscono, oltre che chiara lesione dell'identità personale, veicolo di avvilimento dell'altrui personalità".

ascolta:
0:00
-
0:00
cassazione
3 min. di lettura

La Cassazione non arretra di un passo: la parola “frocio” è un termine sempre discriminatorio, passibile di denuncia per diffamazione nei confronti delle persone che ne sono oggetto.

Secondo quanto affermato il procuratore, Mauro Clerici, l’uso della parola “frociodentro e fuori dai social network non può essere considerata una semplice goliardia.

Il caso più recente è partito da un’istanza presentata dallo Sci.G Club Gay Milano LGBTQIA+. Nella querela, si faceva riferimento a un tweet contenente il termine offensivo. Da qui il procedimento, che ha visto i giudici dalla nostra parte. Nella sentenza, si sottolinea e ribadisce che la parola “frocio” costituisce – come già noto da anni – una vera e propria offesa.

Il caso precedente

La decisione della Cassazione si è basata anche su un precedente caso analogo. In tale occasione, una donna trans aveva utilizzato il termine “frocio” per riferirsi a un politico con cui sosteneva di avere avuto una relazione.

La vicenda era esplosa quando Efe Bal, impegnata da anni nella lotta per la regolarizzazione della prostituzione, aveva pubblicato su Facebook una testimonianza in cui affermava di aver avuto un rapporto sessuale a pagamento con un consigliere comunale, definendolo un “frocio” e uno “schifoso”.

Quest’ultimo aveva reagito presentando una querela per diffamazione contro la donna.

Il caso era quindi arrivato in tribunale e, sia in primo grado che in appello, la donna era stata condannata a una pena pecuniaria e a un risarcimento, sebbene l’ammontare richiesto sia stato ridotto rispetto alle istanze iniziali.

La difesa aveva quindi presentato ricorso alla Corte di Cassazione, cercando di ottenere l’annullamento della sentenza punitiva.

Nel corso del processo in Cassazione, il fulcro delle tesi difensive è stato l’evoluzione della coscienza sociale riguardo a tali epiteti e l’attribuzione di un carattere dispregiativo ad essi.

La difesa aveva sostenuto che, nel contesto attuale, tali termini sono stati declassati a espressioni neutre o addirittura ridimensionate nella loro offensività.

Tuttavia, la Cassazione aveva respinto tali argomentazioni e confermato che gli aggettivi utilizzati nella situazione in questione rappresentano una chiara lesione dell’identità personale e un veicolo di avvilimento dell’altrui personalità.

Insulti omofobi: la Cassazione rimane sulla sua posizione

Il caso più recente coinvolge sempre l’insulto in questione ed i social: su Twitter, un utente aveva commentato sotto a un post dello Sci.G Club Gay Milano LGBTQIA+ scrivendo: “i froci sono così, bisogna rassegnarsi, stanno riuscendo a sessualizzare pure il club dello Sci.G Milano, non si riesce ad andare oltre“.

Da qui la querela, e la sentenza favorevole e il risarcimento. 

Oggi la Cassazione riconferma infatti che il termine “frocio” non solo lede l’identità personale delle persone gay, ma è anche un veicolo di avvilimento della loro personalità. Per solidificare la base della sentenza, la Corte ha peraltro sostenuto che la stragrande maggioranza della popolazione italiana percepisce questo termine come offensivo.

Le suddette espressioni – afferma la Suprema Corte – costituiscono invece, oltre che chiara lesione dell’identità personale, veicolo di avvilimento dell’altrui personalità e tali sono percepite dalla stragrande maggioranza della popolazione italiana, come dimostrato dalle liti furibonde innescate, in ogni dove, dall’attribuzione delle qualità sottese alle espressioni di cui si discute e dal fatto che, nella prassi, molti ricorrono, per recare offesa alla persona, proprio ai termini utilizzati dall’imputato“.

In un contesto storico come quello a cui facciamo fronte oggi, una sentenza di questo tipo invia un segnale importante nell’affermazione dei diritti delle persone LGBTQIA+, oggi sotto attacco.

Riconoscere che l’utilizzo di termini dispregiativi ha un impatto negativo son solo sulle persone e sulla loro dignità, ma anche sulla percezione dell’intera comunità, è un enorme passo avanti.

La decisione della Cassazione ha il potenziale di influenzare – almeno in parte – il modo in cui la società affronta la discriminazione e il linguaggio offensivo nei confronti delle persone LGBTQIA+, favorendo una maggiore consapevolezza e sensibilità riguardo all’uso di parole che possono danneggiare le persone sulla base del loro orientamento sessuale o identità di genere.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno - Arcigay Livorno - Gay.it

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno

News - Redazione 8.3.24
Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli - Salvatore Sparavigna - Gay.it

Omofobia, condannato a 6 mesi Salvatore Sparavigna. Insultò Antonello Sannino, Presidente Arcigay Napoli

News - Redazione 29.3.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
camara-squalificato-omofobia

Il centrocampista Mohamed Camara squalificato dopo aver coperto il logo della campagna anti-omofobia della Federcalcio francese

News - Francesca Di Feo 31.5.24
Rossario Lonegro Terapie RIparative - BBC

La Bbc intervista Rosario Lonegro, italiano sottoposto all’orrore delle terapie di conversione: “Il periodo più buio della mia vita”

Corpi - Francesca Di Feo 5.6.24
Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24