Foto

Il cervello è unisex! #educarealledifferenze

Claudia Flandoli, illustratrice e fumettista di Urbino, illustra una graphic novel per spiegare che gli studi scientifici affermano che il cervello è unisex

Il cervello è unisex! #educarealledifferenze - Cervello - Gay.it
2 min. di lettura

Pochi giorni fa su Donna Moderna è uscita un’interessante graphic novel  sul “gender” del cervello, che risulterebbe essere unisex, smentendo l’idea secondo la quale il cervello degli uomini è biologicamente diverso da quello delle donne, o viceversa.

L’articolo, strutturato sotto forma di fumetto o graphic novel (che dir si voglia), è opera di Claudia Flandoli, illustratrice e fumettista di Urbino, con una formazione trasversale tra illustrazione, grafica e biologia. Una delle molte scienziate-artiste del nostro tempo. Non è un caso, infatti, che l’ultimo fumetto di Claudia parli proprio di studi scientifici fatti sul cervello umano: il fumetto illustra alcuni risultati di studi svolti sulle differenze strutturali  tra il cervello degli uomini e quello delle donne. Esempio? Che cosa sta dietro la decisione, presa da un uomo e da una donna, di andare ad un evento come il Family Day ?

Uno studio illustrato nella novel, condotto da Daphna Joel e collaboratori vari, spiegherebbe il cervello come un “mosaicodi differenze, non tutte direttamente assimilabili al sesso biologico. Qui sono state analizzate le diverse parti del cervello di 1400 persone, ognuna delle quali sembrerebbe avere un ventaglio di caratteristiche, alcune più comuni nei maschi e altre nelle femmine, ma nessuna esclusiva dell’uno o dell’altro sesso.

Il team di Daphna Joel ha dimostrato come ognuna di queste parti sia indipendente dalle altre e come, perciò, sia impossibile collocare ciascuna persona nel suo complesso in un punto di una linea immaginaria tra “maschile” e il “femminile”, se non prendendo in esame una caratteristica per volta. Il fumetto di Claudia Flandoli ben si collega all’idea generatrice di #educarealledifferenze, un progetto lanciato a Roma nel settembre 2014 dalle associazioni Scosse, Stonewall e Il Progetto Alice e da altre più di 200 realtà di tutto il territorio nazionale e proseguito con un secondo incontro nel settembre scorso.

Educare alle differenze è un’iniziativa indipendente e autofinanziata che ha lo scopo di sostenere una scuola pubblica, laica e democratica che accolga interventi educativi finalizzati a dare alle nuove generazioni gli “strumenti” per costruire una società plurale e aperta. Una società che includa e valorizzi tutte le differenze, anziché escluderle e/o discriminarle.

Il progetto ha avuto per ora un grande successo, maha incontrato anche tanti ostacoli da parte di chi, nelle scuole pubbliche, sostiene lafamiglia tradizionale“. Ma questo non ha indebolito chi lo porta avanti, anzi. Da ogni regione, infatti, sempre più persone hanno preso parte agli incontri a Roma, e aderito sul proprio territorio, mostrando il bisogno comune di costruire una rete di sinergie e connessioni tra chi realizza progetti dedicati all’identità di genere e ai diversi modelli familiari, chi lavora sulla valorizzazione delle differenze e chi sulla prevenzione delle violenze legate a genere e orientamento sessuale.

Il breve video qui sotto spiega in un minuto e mezzo una delle spiacevoli conseguenze di un’educazione orientata al binarismo di genere, che distingue l’uomo dalla donna sin dalla più tenera infanzia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

Leggere fa bene

Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto” - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 7.11.23
Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Letizia Petris, Grande Fratello

Grande Fratello, Letizia Petris aveva una fidanzata. Gli attacchi dell’ex e della sua attuale compagna

News - Redazione 14.9.23
Aiutiamo Milena Cannavacciuolo, fondatrice di Lezpop in riabilitazione dopo il coma. Parte la raccolta fondi - Milena Cannavacciulo - Gay.it

Aiutiamo Milena Cannavacciuolo, fondatrice di Lezpop in riabilitazione dopo il coma. Parte la raccolta fondi

News - Federico Boni 24.10.23
some-prefer-cake-2023

A Bologna “Some Prefer Cake” 15° edizione del festival di cinema lesbico

Cinema - Francesca Di Feo 22.9.23
Nyad, Annette Bening è l'atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer - NYAD - Gay.it

Nyad, Annette Bening è l’atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer

Cinema - Redazione 30.10.23