Giornata Internazionale Contro l’Omobitransfobia 2022: la Chiesa Protestante con la comunità LGBTQ+

Dal 15 al 21 Maggio la Chiesa Protestante si schiera dalla parte giusta della storia.

ascolta:
0:00
-
0:00
chiesa protestante omosessualità
chiesa protestante omosessualità
3 min. di lettura

«Nell’amore non c’è paura»

È con un versetto del Vangelo secondo Giovanni che la Chiesa Protestante di Firenze si schiera apertamente a fianco della comunità LGBTQ+ in occasione della giornata internazionale contro l’omotransfobia, che sarà il 17 Maggio 2022.

Dal 15 al 21 Maggio, diverse istituzioni facenti parte della rete protestante in Italia, capitanate dalla Diocesi d’Italia della Chiesa Protestante Unita e dalla Chiesa Protestante Unita “Agape” di Firenze organizzeranno una serie di eventi volti a supportare la comunità LGBTQ+ nella sensibilizzazione verso le problematiche di discriminazione e violenza.

Il programma delle iniziative organizzate dalla Chiesa Protestante per la giornata internazionale contro l’omotransfobia

«Dopo due anni di iniziative on-line e solo parzialmente in presenza torneremo a incontrarci e ad abbracciarci per combattere questa grave piaga dell’omobitransfobia, acuita dall’inazione del parlamento italiano che non è in grado di approvare una legge che sanzioni e contrasti questo tipo di odio e che faciliti la formazione per l’accettazione delle diversità»

Questa la dichiarazione da parte della Chiesa Protestante Italiana in riferimento al recente vergognoso episodio nell’ambito del quale il DDL Zan è stato affossato tra applausi e risate di chi dovrebbe governare e proteggere anche la fetta di popolazione che si permette d’ingiuriare.

Di seguito, il programma degli eventi:

  • Domenica 15 Maggio, h 15:00 – Workshop «La Bibbia condanna l’omosessualità? Come comprendere la Parola di Dio per l’oggi. L’evento si svolgerà presso la Società Ricreativa «L’Affratellamento di Ricorboli» in Via G. P. Orsini 73 a Firenze e trasmesso su Zoom a questo link.
  • Martedì 17 Maggio h 21:00 – Convegno «Le nuove sfide del movimento LGBTQ+ dopo la pandemia: dal matrimonio egualitario alla fluidità di genere presso la Casa del Popolo di Settignano in Via S. Romano, 1 Loc. Settignano.
  • Sabato 21 Maggio, h 15:00 – Tavola rotonda sul tema «Le Chiese di fronte alle sfide della contemporaneità nell’etica familiare e sessuale» sempre presso presso la Società Ricreativa «L’Affratellamento di Ricorboli» Via G. P. Orsini, 73 a Firenze.

Qui il programma completo.

Da dove nasce l’iniziativa?

Tutto comincia nel lontano 2007, quando l’allora predicatore laico della Chiesa Valdese, Andrea Panerini – che oggi è invece Vescovo della Chiesta Protestante Unita – volle organizzare veglie di preghiera informali contro l’omofobia unificando sotto di esse cristiani da ogni confessioni in occasione della giornata internazionale contro l’omotransfobia. 

A oggi, il comitato è ben strutturato e organizzato, composto da protestanti, anglicani e cattolici non romani che desiderano mostrare la loro vicinanza alla comunità LGBTQ+ tramite azioni concrete di divulgazione e sensibilizzazione, collaborando anche con associazioni tematiche in questo senso.

L’obiettivo, unirsi per combattere la piaga dell’omotransfobia in un messaggio di speranza che arriva da una frangia della società che – in altri contesti – si è sempre invece messa in contrapposizione. Ed è questo che forse rende ancora più bello e significativo l’impegno della Chiesa Protestante.

“Siamo persone che rifiutano paure e pregiudizi verso tutte le minoranze discriminate e gli esseri umani di ogni nazione”

giornata-internazionale-contro-lomotransfobia

Cristianità ed LGBTQ+ possono convivere?

È una domanda piuttosto spinosa – nonché uno degli argomenti dei workshop che si svolgeranno nei prossimi giorni proprio nell’ambito della settimana organizzata dalla Chiesa Protestante in occasione della giornata internazionale contro l’omotransfobia.

Il discorso sarebbe lungo e contorto, tuttavia è innegabile notare un’apertura – seppur cauta – da parte delle istituzioni ecclesiastiche di tutto il mondo verso la comunità LGBTQ+. In molti risultano però ancora scettici.

Un risentimento più che giustificato, viste le continue discriminazioni subite dalla comunità LGBTQ+ proprio a causa dei dogmi imposti dalla confessione cristiana a condanna di tutto ciò che non è eterocis, ma si tratta solo di questo? Le motivazioni potrebbero essere ancora più profonde.

Da una parte ci sono le persone, che oggi più che mai comprendono il peso delle azioni e delle parole d’odio e vogliono smarcarsi da una cristianità tradizionalista in controtendenza con il progresso sociale pur non rinunciando alla propria fede.

Dall’altra c’è la voglia della cristianità di svecchiare la propria immagine per rimanere rilevante.

Un sentimento che la comunità LGBTQ+ non riesce ancora a percepire come genuino nella maggior parte dei casi, anche perché se da una parte ci si apre alla diversità, dall’altra la religione continua a opprimere alcune fasce della popolazione – come in America, dove si sta discutendo se rendere illegale l’aborto.

Ma è forse proprio per questo che è importante mostrare la parte giusta della fede, quella che viene dal basso e irrompe con idee che parlano davvero di amore, inclusione e tolleranza.

Un passo alla volta.

 

 

Foto cover: European Forum LGBT – Foto nell’articolo: Sharon McCutcheon su Pexels 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga - Joker 2 - Gay.it

Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga

Cinema - Redazione 22.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

Continua a leggere

thomas-insulti-social

Aggredito dal branco un anno fa, Thomas ora è vittima dell’omobitransfobia social

News - Francesca Di Feo 8.2.24
lesbica aggressione

In Molise botte e insulti a una trentenne perché lesbica, aggressori rinviati a giudizio

News - Francesca Di Feo 4.10.23
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23
alfortville arrestato 14enne bullo che insultava 15enne transgender

Insulti e minacce di morte a una 15enne trans, arrestato a scuola un 14enne: polemiche in Francia

News - Giuliano Federico 22.9.23
diritti non capricci carriere alias macconi

Vietare la carriera alias nelle scuole, così il governo manda avanti scagnozzi e arcivescovo: presidio a Milano

News - Giuliano Federico 10.9.23
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo - Sindaco di Napoli incontra le due turiste trans vittime di violenza - Gay.it

Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo

News - Redazione 17.1.24