Coming out o l’obbligo di definirsi?

E se ci definissimo ai nostri termini?

ascolta:
0:00
-
0:00
coming out o forzatura
Photographer Kayt Webster-Brown for VINGT Magazine Fashion & Editor Jheanelle Feanny
2 min. di lettura

Lo scorso primo Novembre Kit Connor, star di Heartstopper, ha confermato di essere bisessuale. Una forzatura più che un coming out, dopo mesi che i fan della serie l’hanno accusato di queerbaiting, l’attore appena diciottenne è tornato al volo su Twitter per togliere ogni dubbio alle pressioni esterne: “Sono bi. Congratulazioni per aver costretto un diciottenne a rivelarsi. Penso che alcuni di voi non abbiano capito il senso dello show. Addio”.

Queerbaiting è tra le parole più inflazionate dalla bolla LGBTQIA+. Nell’arena di Twitter e Instagram, è un termine che fa capolino ogni tre giorni, generando quell’indignazione che come ampia parte dell’attivismo social, nasce e muore nel giro di quattro infografiche. Quello di Connor è l’effetto collaterale di un dibattito polarizzante che non riesce ad uscire dalle sue  pareti virtuali, e finisce per arrovellarsi dietro gli stessi cinque concetti ripetuti a pappagallo, impedendo una conversazione con il mondo reale.

Ad uscirne svilite sono le cause stesse: le industrie, il sistema circostante, e i media mainstream continueranno ad appropriarsi della cultura queer, senza creare una reale inclusione dentro e fuori lo specchietto per allodole costruito per il pubblico medio, monetizzando sulle nostre cause giusto il tempo di un Pride. D’altra parte, le persone LGBTQIA+ continueranno a vivere in funzione di una morale comune, invalidando il proprio percorso di scoperta e conoscenza personale per fretta di rispondere all’impellente richiesta di definirsi, allo sguardo di una società che vuole conferme a tutti i costi.

L’exploit di nuovi termini e parole coniate negli ultimi quattro anni, permette di dare senso e forma alle mille sfumature di un’identità di genere e sessuale che la cultura eteropatriarcale ci ha costretto a confinare in due opzioni a senso unico. Ma  renderle l’obiettivo primario del processo è un’arma a doppio taglio: scegliere di presentarsi al mondo con il termine che ci rappresenta di più non è un dovere, ma uno step personale determinato da fattori che non dovrebbero dipendere da nessuna pressione esterna.

Nel caso di Connor c’è un pressappochismo ulteriore: se un uomo va con una donna o viceversa, automaticamente parliamo di eterosessualità. Che i soggetti coinvolti siano bisessuali non viene contemplato. Se da una parte una coppia composta da un uomo e una donna ha sicuramente più privilegi e meno ostacoli in una società eteronormata rispetto tanti altri casi nello spectrum LGBTQIA+, bollarle come etero di default contribuisce solo ad invalidare e cancellare ulteriormente le persone bisessuali dall’immaginario comune.

A maggior ragione, obbligare qualcunə a presentarsi con un’etichetta o l’altra, rischiando gogna pubblica in caso contrario, è un gesto violento e disumanizzante. Se smettessimo di trattare le persone, in particolare le persone queer, come totem comportamentali, modelli impeccabili e immutabili, potremmo finalmente permetterci di scoprirci, esplorarci, e (ri) nascere alle nostre condizioni. Anche quando le parole non bastano.

Leggi anche: Queerbaiting: ci sta sfuggendo leggermente di mano?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24

Hai già letto
queste storie?

agedo

‘Il coming out è solo il primo step’, la storia di Andrea e suo figlio trans Alexein

Corpi - Riccardo Conte 19.9.23
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
coming out più famosi della storia

I 30 coming out che hanno fatto la storia

News - Redazione 4.12.23
Andrea Crippa Lega coming out eterosessuale

Il coming out del deputato semplice leghista On. Antonio Crippa come persona eterosessuale

News - Redazione Milano 4.2.24
Karan Brar, l'ex stellina Disney tra salute mentale e coming out: "Sono bisessuale, vi racconto come mi sono trovato" - Karan Brar 2 - Gay.it

Karan Brar, l’ex stellina Disney tra salute mentale e coming out: “Sono bisessuale, vi racconto come mi sono trovato”

Culture - Redazione 1.12.23
Elite 7, André Lamoglia orgoglioso di interpretare un ragazzo bisessuale: “Inclusività e rappresentazione fondamentali” - Elite 7 Andre Lamoglia orgoglioso di interpretare un ragazzo bisessuale - Gay.it

Elite 7, André Lamoglia orgoglioso di interpretare un ragazzo bisessuale: “Inclusività e rappresentazione fondamentali”

Serie Tv - Redazione 20.9.23
Amaury Lorenzo, l'attore brasiliano della soap Terra e Paixão fa coming out - Amaury Lorenzo - Gay.it

Amaury Lorenzo, l’attore brasiliano della soap Terra e Paixão fa coming out

Culture - Redazione 24.10.23
Roma lgbtqia+

Coming Out Day 2023, il comune di Roma celebra la giornata dicendo basta all’omobitransfobia

News - Redazione 10.10.23