Con LA NIÑA e le sue “Vanitas” a rivendicare la propria femminilità

L’artista napoletana è tornata con un nuovo album e un viaggio musicale imperdibile

ascolta:
0:00
-
0:00
la nina vanitas
2 min. di lettura

Vuole essere un samurai, ma non chiamatela regina: LA NIÑA è tornata ed è qui per restare. Non perché improvvisamente la sua musica abbia deciso di sottoscrivere certe dinamiche di mercato – e abbiamo già appurato con Eden nel 2021 che la sua forza sta proprio nell’esserne ben lontana –, quanto perché Carola Moccia è riuscita a condensare in otto tracce tutte le direzioni che è capace di prendere e a fare in modo che ognuna trascini sempre più a fondo nel suo universo, senza mai lasciare andare la presa sulle orecchie e sul cuore. Le otto tracce sono quelle di Vanitas, il nuovo album della cantante napoletana.

Quando l’universo musicale de LA NIÑA è nato nel 2019, l’artista venne definita “la Liberato femminile”, paragone un po’ riduttivo se si pensa a brani come Croce o Salomé. Poi è diventata “la Rosalía italiana”, e infine è stata definita l’ibrido perfetto tra Rosalía e Teresa De Sio. Ma forse nessuna di queste basta più a descriverla.

la nina vanitas
La copertina di “Vanitas”, il nuovo album de LA NIÑA

Con Vanitas LA NIÑA va persino oltre l’incontro tra modernità e tradizione – che è poi il fil rouge della conversazione quando si parla di lei. In Vanitas sperimenta e azzarda, vincendo il confronto, mischiando una dopo l’altra le sonorità acustiche e trap, tribali e giapponesi, reinventando ancora nelle sue corde le canzoni della tradizione, da O surdato ‘nnammurato a Indifferentemente, e le arie classiche.

Quello di Vanitas è un viaggio tra sonorità musicali, ma anche nell’universo femminile, di una femminilità che non fa sconti a nessuno e che rivendica la sua sfacciataggine e la sua carnalità. Passionalità ed esperienze mistiche, come quella con Mysie in Blu, si fondono per raccontare vite ed esperienze, malelingue pungenti come una Vipera esorcizzate in una presa di coscienza di quella passionalità, che dice che a volte conta solo la carne. La rivendicazione della propria forza come quella di un samurai passa per la distorsione di uno shamisen giapponese e poi, come in un vero e proprio viaggio, l’esplosione di suoni ed energia lascia gradualmente il posto a una lentezza incalzante e profonda.

Un po’ lontana dal politicamente corretto, e forse proprio per questo più vera, LA NIÑA celebra la propria femminilità, ma non solo: nell’universo di Vanitas c’è spazio per tuttə, quelle minoranze che, come ha raccontato nella nostra intervista, lo sono in quanto non identificabili in un maschio etero. Chiunque voglia urlare il proprio essere liberə e pretendere di essere compresə.

Impossibile non scatenarsi appena attacca la prima nota ed essere gli stessi dopo che si spegne l’ultima. LA NIÑA ancora una volta non riesce ad essere una cosa sola, espandendo il suo universo con radici antiche e futuro ai suoi poli, reinventandosi e sorprendendo. Tutte le “vanitas”, meritate e conquistate.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

Leggere fa bene

George Michael, arriva la moneta da 5 sterline della zecca reale britannica - George Michael - Gay.it

George Michael, arriva la moneta da 5 sterline della zecca reale britannica

Culture - Redazione 28.2.24
The Woman in Me, guerra di offerte tra studios per tramutare l'autobiografia di Britney Spears in film - The Woman in Me cover e data duscita dellautobiografia di Britney Spears - Gay.it

The Woman in Me, guerra di offerte tra studios per tramutare l’autobiografia di Britney Spears in film

Musica - Redazione 31.10.23
(IPA)

Addio Sandra Milo

News - Redazione Milano 29.1.24
marina cicogna gay it

Addio a Marina Cicogna, la donna più queer, androgina e anticonformista del cinema

Cinema - Chiara Zanini 4.11.23
lana

Lana Del Rey venera il demonio? La cantautrice risponde

Musica - Riccardo Conte 9.10.23
Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: "Ho paura, temo ripercussioni" - stupro - Gay.it

Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: “Ho paura, temo ripercussioni”

News - Redazione 15.1.24
Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa: il nuovo romanzo di Michela Marzano - Matteo B Bianchi 16 - Gay.it

Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa: il nuovo romanzo di Michela Marzano

Culture - Federico Colombo 12.10.23
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23