Video

Perché Monica è un piccolo grande trionfo per le storie transgender

Una carezza sul corpo della sua protagonista, mai confinata dentro un'etichetta. Guarda il film in anteprima in varie città con Gay.it, scopri come.

ascolta:
0:00
-
0:00
4 min. di lettura

Monica si veste come un piccolo film indipendente, ma è qualcosa di più.

Presentata alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia (qui potete leggere la nostra recensione in anteprima), la pellicola è scritta e diretta da Andrea Pallaoro, regista 40enne di Trento, localizzato in America da almeno vent’anni.

È un film scritto su misura e ritmo della sua protagonista, Trace Lysette, attrice e modella transgender per la prima volta in gara nella storia del festival.

In un’epoca dove l’inclusività diventa spesso uno specchietto per le allodole per sedurre Twitter, Monica sfugge alla smania di spettacolarizzare una protagonista marginalizzata, raccontandola con silenzioso rispetto, quasi come se il regista sparisse e lasciasse a Trace Lysette la scelta di accompagnare la cinepresa dentro la sua storia.

Perché Monica è un piccolo grande trionfo per le storie transgender - MONICA manifesto ufficiale - Gay.it

Monica è una donna che dopo vent’anni lontana dalla sua famiglia, si ritrova a tornare nella casa dov’è cresciuta per assistere sua madre Eugenia (Patricia Clarkson), gravemente malata. Eugenia non vede sua figlia da quando se n’è andata, non la riconosce nemmeno, a tal punto da scambiarla per una nuova badante. Monica non rivela subito la sua identità, lasciando che a parlare siano i ricordi, un’infanzia mai mostrata ma sussurrata in piccoli ritagli di passato. Non sappiamo mai veramente se Eugenia riconosce o meno alla figlia, se adesso l’accetta silenziosamente o prova solo una grande simpatia per quella splendida ragazza capitata in casa sua.

Pallaoro non ha alcun interesse nell’appiccicare un’etichetta in fronte alla sua protagonista (nemmeno una volta dall’inizio alla fine del film viene utilizzata la parola ‘transgender’) ed è qui che la presenza di Lysette diventa essenziale: per anni il cinema, anglofono e ancor più italiano, ha raccontato le storie delle persone transgender a specifiche condizioni.

La combo morte e transessualità è sempre stato il gettone da giocare per guadagnarsi l’interesse del pubblico cisgender e cullarlo in una narrazione dove il mondo trans non era altro che un presagio di morte: da Boys Don’t Cry a The Danish Girl, lə protagonistə vengono torturatə e sconfittə, destinatə ad un tragico epilogo, a cui possiamo affezionarci solo se fanno spendere qualche lacrima in sala.

Se non c’è morte, c’è la risata volgare, la feticizzazione e umiliazione del corpo, ma anche la mostruosità, la transessualità riportata come un travestimento, un doppio io disturbato e inquietante, da Norman Bates in Psyco a Michael Caine in Vestito per Uccidere a Ted Levine in Il Silenzio degli Innocenti. In ogni caso a dare un volto a questi personaggi sono uomini eterosessuali e cisgender, elettrizzati dalla ‘sfida’ di cimentarsi sotto chili di trucco e costumi, guadagnandosi una nomination agli Oscar per aver ‘interpretato’ la transessualità, ridotta ad un costume da indossare, mimare, e buttare via una volta spenti i riflettori.

 

Monica
Monica è al cinema dal 2 Dicembre per ARTHOUSE

Ma Monica non nasce dal lavoro di un make up artist: non è una martire, non è una vittima, tantomeno lo zimbello di qualcuno.

È anche una massaggiatrice, anche una sex worker, anche una figlia ma soprattutto una donna che fa i conti con i pezzi del suo passato, vuole essere amata e riconosciuta ma nemmeno per un secondo piega il capo o chiede il permesso per essere sé stessa. “Succede che questo film metta al centro una donna trans e lo guardiamo attraverso i suoi occhi” spiega Lysette in un’intervista per Varierty “Che sfortunatamente è qualcosa di davvero raro e forse mai sentito in un film”.

L’identità di genere della sua protagonista è solo la cornice di una donna che come mille altri esseri umani cerca il suo posto del mondo, fa i conti con l’insicurezza di non essere compresa, compie scelte sbagliate, rimane delusa, cade e si rialza vivendo la propria banale, imperfetta, unica quotidianità.

Un film dove l’elemento trans è sottile ma mai indulgente, edulcorato, e offerto alla mercé dell’intrattenimento del pubblico, bensì integrato in un ruolo che potrebbe essere quello di ogni altra protagonista femminile. L’identità di genere è solo un particolare tra i tanti. Come ha detto Lysette alla rivista Them, ‘essere un’attrice trans non è per forza una cosa di nicchia’, e per quanto Hollywood ama confinarci dentro quell’etichetta, Monica è la dimostrazione che possiamo andare oltre.

Monica esce nei cinema italiani dal 1 Dicembre per ARTHOUSE.

Gay.it regala 10 biglietti per l’anteprima per ogni data . Utilizza il seguente form per richiedere i biglietti (max 2 per data). Disponibilità limitata.

Lunedì 28/11 ore 19.15 – Cinema Nuovo Aquila – ROMA (Esaurita)
– Martedì 29/11 ore 21.00 – Pop Up Cinema Jolly – BOLOGNA
– Mercoledì 30/11 ore 21.30 – Cinema Beltrade – MILANO (Esaurita)
– Venerdì 2/12 ore 20.00 – Cinema Lux – PADOVA
– Venerdì 2/12 ore 21.00 – Cinema Odeon – VICENZA
– Sabato 3/12 ore 21.00 – Cinema Edera – TREVISO
– Domenica 4/12 ore 18.00 – Cinema Visionario – UDINE
– Domenica 4/12 ore 16.00 – Cinemazero – PORDENONE
– Mercoledì 7/12 ore 21.00 – Cinema Centrale – TORINO
– Venerdì 9/12 ore 20.45 – Cinema Vittoria – TRENTO

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24
Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese - Lucy Clark - Gay.it

Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese

Corpi - Redazione 2.2.24
Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO) - Elliot Page 1 - Gay.it

Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO)

News - Redazione 25.3.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
nava mau baby reindeer

Nava Mau: chi è l’attrice trans* di Baby Reindeer che interpreta il ruolo di Teri

News - Gio Arcuri 26.4.24
Triptorelina - immagine di repertorio

Adolescente trans costretto alla mastectomia perché la triptorelina arriva in ritardo

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Lino Guanciale in "Ho paura torero": un’occasione sprecata - Sessp 19 - Gay.it

Lino Guanciale in “Ho paura torero”: un’occasione sprecata

Culture - Federico Colombo 15.1.24
@mattheperson

Una chiacchierata con Matt Taylor, tra TikTok e queerness

Culture - Riccardo Conte 13.2.24