16 libri sulle donne che amano le donne

di

Da Patricia Highsmith a Sarah Waters, passando per Goliarda Sapienza e Violette Leduc: ecco alcuni tra i più bei romanzi che parlano di lesbiche.

CONDIVIDI
47 Condivisioni Facebook 47 Twitter Google WhatsApp
59504 0

Dall’800 ai giorni nostri, ecco una selezione dei più bei romanzi sull’amore tra donne.

Carmilla (1872) – J.S. Le Fenu

Il racconto dello scrittore irlandese Le Fenu – sicuramente uno dei modelli del Dracula di Stoker che uscirà pochi anni dopo – è una delle più inquietanti e struggenti storie di vampiri che sia mai stata scritta e allo stesso tempo una seducente e diabolica storia d’amore tra due donne. 

Il pozzo della solitudine (1928) – Radclyffe Hall

Nello splendore della villa di famiglia di Morton Hall, Sir Philip e Lady Gordon aspettano la nascita dell’erede. Quando anziché il maschio desiderato, nasce una femmina, decidono comunque di chiamarla Stephen. La bambina rivela ben presto abitudini e atteggiamenti che la rendono diversa dalle sue coetanee e la isolano da chi la circonda. Raggiunta la maturità Stephen Gordon si innamorerà perdutamente di un’altra donna.

La foresta della notte (1936) – Djuna Barnes

Al centro della Foresta della notte dorme la Bella Schizofrenica, in un letto dell’Hotel Récamier. T. S. Eliot, accompagnando questo libro alla sua uscita, scrisse che vi trovava “una qualità di orrore e di fato strettamente imparentata con quella della tragedia elisabettiana”.

schermata-2016-10-06-alle-16-52-57

Carol (1952) – Patricia Highsmith

Therese, 19 anni, è un’apprendista scenografa che, per raggranellare qualche soldo, accetta un lavoro temporaneo in un grande magazzino durante il periodo natalizio. Il suo rapporto sentimentale con Richard si trascina stancamente, senza alcuna passione tra voglia di coinvolgimento e desiderio di fuga: anche il viaggio che hanno progettato in Europa ora la intimorisce. In una gelida mattina di dicembre, nel reparto giocattoli dove lavora, compare una donna bellissima e sofisticata, in cerca di doni per la figlia.

carol_patriciahighsmith

La ragazza di nome Giulio (1964) – Milena Milani

Apparve nel 1964, suscitando grande scandalo. Il libro venne sequestrato per “aver gravemente offeso il comune senso del pudore” e l’autrice fu incriminata e condannata a sei mesi di reclusione. Nel successivo processo d’appello buona parte del mondo culturale e artistico sostenne Milena Milani che venne assolta e il libro fu dissequestrato.

La giungla di fruttirubini (1973) – Rita Mae Brown

Preferendo da sempre le donne agli uomini come partner sessuali, la protagonista Molly Bolt, orgogliosa, vitale, irriverente nei confronti dei ruoli tradizionali, maschili e femminili, appena può abbandona il Sud degli Stati Uniti – un Sud povero affettivamente, intellettualmente, economicamente – per la mitica, opulenta, avventurosa New York. ”

la-giungla-dei-fruttirubini

 Thérèse e Isabelle (1982) – Violette Leduc

All’interno d’un collegio femminile due adolescenti intraprendono una relazione, all’interno della quale ognuna fa scoprire all’altra la realtà della passione fisica. Thérèse, la narratrice in prima persona, racconta del piacere sessuale provato durante le tre notti passate strettamente abbracciata ad Isabelle.

Il colore viola (1982) – Alice Walker

In una comunità nera del profondo Sud americano, dove le donne sono trattate come schiave dai maschi di famiglia, Celie viene violentata da colui che crede suo padre, privata dei figli, sposata a un uomo che odia. Sua sorella Nettie riesce a sfuggire a un analogo destino, ma questo costerà alle due donne una separazione lunga trent’anni, durante la quale nulla sapranno l’una dell’altra. Solo con l’arrivo nella sua casa dell’amante del marito, la vita di Celie cambierà colore.

Scritto sul corpo (1992) – Jeanne Winterson

Una storia d’amore e una meditazione sul corpo, nella sua concretezza fisica e come deposito di sentimenti ed emozioni. Oggetto d’amore è una donna sposata, protagonista invece un narratore il sui sesso non viene mai specificato: una voce che riflette e racconta, la passione, l’eros, la differenza sessuale, la perdita, parlando contemporaneamente al maschile e al femminile.

L’arte della gioia (1994) – Goliarda Sapienza

L’arte della gioia è un libro postumo: giaceva da vent’anni abbandonato in una cassapanca e, dopo essere stato rifiutato dai principali editori italiani, venne stampato in pochi esemplari da Stampa Alternativa nel 1998. Ma soltanto quando uscì all’estero – in Francia, Germania e Spagna – ricevette il giusto riconoscimento. Nel romanzo, tutto ruota intorno alla figura di Modesta: una donna vitale e scomoda, potentemente immorale secondo la morale comune.

41kgqferafl-_sx324_bo1204203200_

Il tuo nome scritto sull’acqua (1996) – Gonzalez Frei Irene

È uno strano sogno a far presagire a Sofia un evento destinato a imprimere una svolta decisiva alla sua vita, salvandola da un matrimonio deperito tra quotidianità ed eccessi erotici e riconciliandola con se stessa. Nel sogno, si era trovata davanti a uno specchio e vi era scivolata dentro, sovrapponendosi alla propria immagine in un bagliore di felicità. E il giorno dopo, nella realtà, Sofia incontra Marina, una giovane donna che le somiglia in modo sorprendente. L’attrazione è subito magica, forte, totale, e diventa complicità, comunione d’anime e corpi, bisogno di fuga da tutto e da tutti.

Carezze di velluto (1998) – Sarah Waters

Ostricara nella taverna dei genitori sulle coste del Kent, astro nascente dello scintillante firmamento del varietà londinese, prostituta da strada e infine mantenuta di una capricciosa dama: nonostante la giovane età, in pochi anni Nancy si è ritrovata a interpretare così tanti ruoli da credere di dover ormai prendere posto nel buio della sala e limitarsi a fare da spettatore al magico teatro della vita. Ma proprio quando tutto sembra perduto, la sua innata passione la spinge a recitare il ruolo più impegnativo ed esaltante: essere finalmente se stessa, libera di amare ed essere riamata senza condizionamenti di sorta.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...