DDL Zan, M5S: “No mediazioni al ribasso, cosa direbbe Draghi all’UE?”. Intervista a Maiorino

"Se domani il DDL dovesse essere affossato il parlamento si prenderebbe una grandissima responsabilità, anche dinanzi all'Europa. È geopolitica. Da che parte vuole stare l'Italia, con Orban o i Paesi d'occidente?".

DDL Zan, M5S: "No mediazioni al ribasso, cosa direbbe Draghi all’UE?". Intervista a Maiorino - Alessandra Maiorino - Gay.it
3 min. di lettura

Poche ore al ritorno del DDL Zan al Senato, con Alessandro Zan incaricato dal segretario Pd Enrico Letta di provare a trovare un punto d’incontro con le altre forze di maggioranza, accarezzando per la prima volta l’ipotesi di modifiche alla legge. Un cambio di rotta particolarmente contestato dal movimento arcobaleno che ha ribadito il proprio dissenso ad ulteriori compromessi al ribasso, seguendo la linea politica tracciata dal Movimento 5 Stelle.

I ‘grillini’ non solo non hanno presentato alcun emendamento al DDL, ma hanno sempre ribadito la necessità di votare la legge contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo così com’è anche al Senato, bocciando qualsiasi ipotesi di modifica e inserendo il diritto all’identità di genere tra i diritti indissolubilmente legati alle libertà individuali della persona nella loro Carta dei Principi e dei Valori. “L’identità di genere, così come l’orientamento sessuale, non possono essere oggetto di contrattazione, e sono certa che Alessandro Zan convenga con me su questo“, ha scritto sui social Alessandra Maiorino, senatrice del Movimento da noi contattata per avere un quadro più amplio della situazione.

Partiamo dalla stretta attualità. È appena iniziato il tavolo dei capigruppo capitanato dal leghista Andrea Ostellari per provare a trovare un’intesa sul DDL Zan.

Abbiamo incaricato la senatrice Malpezzi di fare la portavoce per Pd, 5 Stelle e LEU. Ma sottolinerei quanto sia anomalo che un presidente di commissione convochi i capigruppi dei gruppi, che possono essere convocati solo dalla presidente del Senato Casellati. Ostellari non è neanche più relatore, perché nel momento in cui siamo andati in aula senza relatore lui è decaduto. Noi tutti, Pd, 5 Stelle e LEU, riteniamo che si può parlare di qualcosa se non si ha una spada di Damocle sulla testa, ovvero la richiesta del non passaggio agli articoli fatta da Fratelli d’Italia e anche dalla Lega. È strano sedersi ad un tavolo con qualcuno che ti tiene la pistola puntata, o togli la pistola e si parla oppure non è un dialogare.

 

Ancora oggi Ostellari ha ribadito le richieste della Lega, ovvero cambiare gli articoli su “scuola, libertà di pensiero e genere”. Si può mediare su tutto questo?

No, è evidente che loro puntano al cuore della legge. Per me la legge va bene così ma se uno deve fare un passo avanti ci sono delle questioni che possono essere rinunciabili ma altre no, perché diventerebbe qualcos’altro, perché non tutelerebbe tutto e tutti, perché odio e discriminazione si combattono anche contro la cultura, e se tu togli le scuole rinunci alle fondamenta. Faresti una cosa a metà. Ci sono cose irrinunciabili.

Siete stati sorpresi dall’inatteso cambio di rotta di Enrico Letta, segretario Pd che ha incaricato Alessandro Zan di trovare un punto d’incontro tra i partiti di maggioranza, accarezzando per la prima volta l’idea di modifiche al DDL?

A me è sembrato che abbia innanzitutto sorpreso il Pd. Noi abbiamo lasciato il timone in mano al Pd, abbiamo sostenuto graniticamente questa legge, che io considero mia. Mi auguro che stiano facendo le scelte giuste.

Secondo lei, ci sarebbe davvero il tempo di tornare alla Camera dinanzi all’approvazione di tot modifiche e soprattutto ci sarebbe la certezza che una volta tornati a Montecitorio e a seguire a Palazzo Madama non ripartirebbe il teatrino con ulteriori richieste, polemiche, perdite di tempo?

La Camera dovrebbe discutere solo delle modifiche e non dell’intera legge, la 3a lettura dovrebbe essere veloce. Certo, i nostri deputati vorrebbero comunque sapere di cosa si tratterebbe, perché andrebbe digerita. Siamo qui a dover decidere se la legge deve andare avanti o morire. E non vedo grosse sfumature tra le due cose.

Ma dinanzi ai freddi numeri, che in Senato senza Italia Viva vedono il DDL impossibilitato a passare, come uscire dall’angolo.

Credo che ci siano pezzi di Forza Italia con i quali sia possibile dialogare, ma non al punto da escludere Italia Viva. Si è creata questa cosa gelatinosa tra IV e il centrodestra e non credo che vadano in cortocircuito tra loro.

Domani si riparte con la richiesta di non passaggio agli articoli, che potrebbe essere a scrutinio segreto. Cosa dobbiamo aspettarci?

Dipende anche da fattori non politici, come le presenze. Non so se tutti i 315 senatori si rendano conto del passaggio cruciale. Questo dipende anche dalla bravura dei vari capigruppo. Ma se domani il DDL dovesse essere affossato il parlamento si prenderebbe una grandissima responsabilità, anche dinanzi all’Europa. E non credo che Draghi possa sedere con disinvoltura nei consessi Europa a rappresentare l’Italia con una roba del genere.

Premier Draghi che non ha mai messo bocca sul DDL Zan, che è legge parlamentare e non di governo.

È vero, si tiene fuori dall’agone politico. Ma Draghi è persona di cultura europea, sa che la Commissione Europea sta emettendo sanzioni a carico di Polonia e Ungheria. Andare a sedersi di fronte alle istituzioni europee con un fallimento del genere rispetto alla tutela delle persone LGBT che non è più una questione di secondo piano ma geopolitica. Da che parte stai? Con Orban o con la Germania, la Francia, la Spagna, con i Paesi più avanzati? È una questione molta politica.

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Intervista a Dario Guidi, campionissimo di 100% Italia insieme all'amato Giorgio Luongo - Dario Guidi e Giorgio Luongo 1 - Gay.it

Intervista a Dario Guidi, campionissimo di 100% Italia insieme all’amato Giorgio Luongo

News - Federico Boni 13.9.23
francesca pascale politica libero

Francesca Pascale scende in politica, voci di una possibile candidatura

News - Redazione Milano 20.11.23
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
Cantalice, consigliere FDI contro la piazza rainbow: "Oscena e divisiva, qui i gay non ci sono" - cantalice rainbow - Gay.it

Cantalice, consigliere FDI contro la piazza rainbow: “Oscena e divisiva, qui i gay non ci sono”

News - Federico Boni 20.9.23
Accusato di omotransfobia, Andrea Delmastro Delle Vedove di FDI celebrato nella villa di Luchino Visconti - Andrea Delmastro Delle Vedove - Gay.it

Accusato di omotransfobia, Andrea Delmastro Delle Vedove di FDI celebrato nella villa di Luchino Visconti

News - Redazione 17.10.23
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
grecia-stefanos-kasselakis

Grecia: Stefanos Kasselakis apertamente gay anticapitalista ed ex Goldman Sachs alla guida della sinistra radicale

News - Francesca Di Feo 25.9.23