DDL Zan, parla il Movimento Arcobaleno: “Nessuna modifica o compromesso è più accettabile”

"Di chi ha paura la politica?", si sono domandati i firmatari dell'appello alla vigilia del ritorno del DDL Zan al Senato.

DDL Zan, parla il Movimento Arcobaleno: "Nessuna modifica o compromesso è più accettabile" - PAURADICHI - Gay.it
3 min. di lettura

Domani al Senato il centrodestra ha proposto una misura-tagliola che affosserebbe per sempre il provvedimento. Per questo oggi pomeriggio avvieremo un confronto per arrivare a una mediazione“. Così Enrico Letta, segretario Pd, ha oggi ribadito l’intenzione di voler provare a trovare un’intesa con le altre forze parlamentari per approvare la legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo, domani attesa al Senato con l’incubo dei due voti a possibile scrutinio segreto per non passare alla discussione sugli articoli richiesti dalla Lega. Da noi intervistato in diretta Instagram, Alessandro Zan ha ieri provato a spiegare le ragioni di questo apparente (?) cambio di rotta da parte del Partito Democratico, precisando che non saranno ammesse mediazioni sull’identità di genere che Italia Viva, Forza Italia e Lega vorrebbero cancellare dalla legge.

Ma il movimento LGBT si è ritrovato compatto con una nuova campagna social, #PAURADICHI, prendendo posizione contro l’ipotesi di ulteriori ritocchi alla legge. “Nessuna ulteriore modifica o compromesso è più accettabile. Di chi ha paura la politica?“, si sono domandati i firmatari dell’appello.

Chiediamo a tutte le senatrici ed i senatori, di ogni schieramento di non escludere proprio le migliaia di persone transgender, non binarie, che sono fra le più esposte alla violenza. Questo è quel che avverrebbe togliendo dalla legge l’espressione “identità di genere”. Inserire “omofobia e transfobia”, come propongono alcuni, renderebbe inoltre la legge inefficace, a rischio di incostituzionalità, rendendola incompatibile con gli attuali 604 bis e ter, il dispositivo dell’ex Legge Mancino-Reale. Chiediamo inoltre di mantenere in tutte le scuole la celebrazione della giornata del 17 maggio, che si celebra da anni in tutta Europa ed è un presidio minimale di educazione al rispetto e alla diversità.

Richieste che una larga fetta della politica nazionale finge di non voler ascoltare. “Questa legge tutela persone in carne ed ossa, le persone LGBTQIA+, tutte le donne, le persone disabili, nonchè chiunque possa essere considerato “diverso” ed essere bersaglio dell’odio motivato da sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere, disabilità“, proseguono i firmatari della campagna. “Non ha quindi senso inseguire ulteriori improbabili compromessi privi di ogni garanzia politica con chi non ha mai voluto questa proposta di legge. Chiediamo a tutti coloro che si erano espressi favorevolmente alla Camera di rispettare gli impegni presi e a coloro che si erano opposti di riconsiderare il loro voto. La nostra società è ormai più avanti della nostra classe dirigente ed ha dimostrato di essere lontana dall’estremismo dei movimenti omofobi e oscurantisti. La maggior parte della popolazione è favorevole all’approvazione di questa legge e ha capito che non toglie diritti e libertà a nessuna persona, ma aggiunge tutele necessarie integrando le norme che già puniscono l’odio razziale, etnico, nazionale e religioso”.

Oggi pomeriggio, alle ore 17:00, si riuniranno in Senato i capigruppo di maggioranza per provare a trovare un’intesa sul DDL Zan, da domani di nuovo in aula a palazzo Madama.

REALTÀ PROMOTRICI

AGEDO – Associazione Genitori Parenti e Amici di persone LGBTI
ALFI – Associazione Lesbica Femminista Italiana
ARC – Cagliari
Arcigay – Associazione LGBTI+ Italiana
Associazione LGBT+ Quore
Cammini di Speranza – Associazione persone cristiane LGBT+
C.C.O. Mario Mieli
CILD – Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili
CondividiLove
Coordinamento Torino Pride
EDGE
Famiglie Arcobaleno
Gaynet – Formazione e Comunicazione sui temi LGBTI
I sentinelli di Milano
MIT Movimento Identità Trans
NUDI – Nessuno Uguale Diversi Insieme
La Tenda di Gionata ODV
Lesbicx
Omphalos LGBTI
Polis Aperta
Rete Genitori Rainbow
Rete Lenford – Avvocatura per i diritti LGBTI+

———————

REALTÀ ADERENTI

Intersexioni
Possibile LGBTI+
Gruppo Trans APS
3volteGenitori – rete italiana di genitori cristiani con figl* LGBT+
Gruppo Kairos Genitori cristiani con figli LGBT+, Firenze
Parola… e parole, gruppo cristiano di genitori di persone LGBT+ e genitori LGBT+, Roma
Famiglie In Cammino, genitori di persone LGBT, Bologna
Gruppo In Viaggio per Emmaus, genitori e figli LGBT+ cristiani della Sicilia
Gruppo Mosaiko, cristiani LGBT+, Roma
Gruppo Davide, genitori e persone LGBT+ credenti, Parma
La Rete, Rete Cristiana di persone LGBT+ della Campania
Progetto Adulti Cristiani LGBT+
Progetto Giovani Cristiani LGBT+
Gruppo Zaccheo, cristiani LGBT+ della Puglia
L’Ulivo della Vita, genitori cattolici con figli LGBT+, Puglia
Progetto Ruah, cristiani omosessuali del Friuli Venezia Giulia e Veneto Orientale
Gruppo Il Pozzo di Sicàr, Torino
Gruppo TuttiFiglidiDio, genitori cristiani con figli LGBT+, Mestre
Gruppo Ponti Da Costruire, Campania
Libera Rugby Club, Roma
CEST CEntro Salute Trans e gender variant
Tgenus Associazione attivisti Transgender
IGLBC Italian GLBT Business Chamber
AITGL Associazione Italiana Turismo GLBTQ+
Sportello d’ascolto LGBT+, Mestre (VE)
Baa Ba LGBT+ Aps
LuccAut
Mixed LGBTI
Collettivo Asessuale Carro di Buoi

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: "La transfobia ha invaso l'America, è vergognoso e doloroso" - annette bening figlio trans Stephen Ira - Gay.it

Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: “La transfobia ha invaso l’America, è vergognoso e doloroso”

Cinema - Redazione 2.11.23
Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che "lascerà Hollywood" per buttarsi in politica - Angelica Ross di Pose - Gay.it

Angelica Ross di Pose e AHS annuncia che “lascerà Hollywood” per buttarsi in politica

Cinema - Redazione 26.9.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24
educazione affettiva educazione sessuale

Educazione all’affettività e alla sessualità nelle scuole definita “porcheria” dal leghista Sasso: bocciata dalla Camera

News - Redazione Milano 6.10.23
Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora - Sammy Mahdi - Gay.it

Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora

News - Redazione 28.9.23
meloni orban

Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

News - Redazione 22.1.24