Alessandro Zan ha 24h di tempo per salvare il DDL Zan – Intervista video

A 48 ore dalla discussione al Senato, in diretta con Gay.it il deputato PD ci spiega quali sono gli ultimi, difficili passaggi per cercare di approvare la legge.

Alessandro Zan - Federico Boni - Gay.it
Alessandro Zan - Federico Boni - Gay.it
4 min. di lettura

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺 (@gayit)

 

Qui il testo del DDL Zan dal sito del Senato 

A due giorni dalla discussione in Senato per l’approvazione del disegno di legge contro l’odio omolesbobitransfobico, altrimenti noto come DDL Zan,  è arrivato il “fulmine a ciel sereno”, come ha sintetizzato Arcigay nella sua nota: dalla trasmissione televisiva Che Tempo Che Fa su Rai 3, domenica 24 Ottobre 2021 il segretario del Partito Democratico Enrico Letta ha ufficialmente aperto a una mediazione, incaricando il deputato On. Alessandro Zan, primo firmatario del disegno di legge, di cercare una mediazione in Parlamento. Giova qui ricordare che il DDL Zan è stato già approvato un anno fa alla Camera dei Deputati, e ora si discute per la sua definitiva approvazione al Senato.

A due giorni dalla discussione al Senato, e dopo l’apertura di Enrico Letta a un possibile dialogo con le altre forze parlamentari, Gay.it ha intervistato in diretta sui propri social network il deputato Alessandro Zan.

“La mediazione non è di per sé un fatto negativo” ha ricordato Zan che ha precisato come il testo approvato alla Camera dei Deputati un anno fa sia già una mediazione “Ma la mediazione è positiva se non lede la dignità delle persone, non rende la legge discriminatoria e non introduce disparità di trattamento”. Dunque quale sarà questa mediazione?

NESSUNA MEDIAZIONE DEL PD SULLE PERSONE TRANSGENDER
Il Partito Democratico non è disposto a passi indietro sostanziali, sicuramente non sulla tutela delle persone transgender, sulla quale invece, oltre alle richieste di Lega e Fratelli d’Italia, si registra un approccio possibilista di Italia Viva, disposta ad approvare una legge che non tuteli le persone transgender. “Sull’identità di genere non possiamo mediare – ha spiegato Zan al nostro caporedattore Federico Boni – perché la definizione giuridica persona transgender è già presente nel nostro ordinamento, e dunque per il Partito Democratico non è accettabile che le persone transgender siano escluse, ricordo che l’Italia è il paese con più omicidi di persone transgender in Europa”. Tuttavia l’On. Zan lascia aperta la mediazione sull’articolo 1, quello che riguarda le definizioni.
Ad oggi, al comma d) dell’articolo 1 del DDL si legge: per identità di genere si intende l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corri­spondente al sesso, indipendentemente dal­l’aver concluso un percorso di transizione.
Quale sarà mai la mediazione sulla definizione a cui sembra mostrare apertura l’On. Zan?

DDL ZAN Articolo 1
DDL Zan – Articolo 1 – testo integrale >

NESSUNA MEDIAZIONE DEL PD SULLA SCUOLA
Più vago sulla scuola, l’On. Zan ha comunque precisato che è ormai prassi che anche il Presidente della Repubblica sia solito sottolineare la lotta all’omotransfobia il 17 Maggio e che il DDL semplicemente ribadisce che, come già da legge sulla buona scuola del 2015, sono previsti percorsi contro le discriminazioni. Su cosa dunque si potrà mai mediare a proposito di scuola? “Ascolteremo dai diretti interessati” ha precisato Zan. Sulla questione scuola – insegnare o no ai bambini ad accettare la diversità per prevenire l’odio omotransfobico – il Partito Democratico farà concessioni a Italia Viva e Lega?

TEMPI
“Finora siamo stati rigidi per evitare di tornare nuovamente alla Camera per approvare daccapo un testo modificato” ha spiegato Zan “ma ora il tentativo di Letta è chiaro: mi ha dato mandato per capire se esiste, prima ancora che una mediazione, un possibile dialogo con le forze parlamentari per eventualmente apportare lievi modifiche che non snaturino e sviliscano la sostanza della legge, approvarla al Senato, così da tornare rapidamente alla Camera per approvare soltanto i pochi emendamenti”.
Ma ci sono i tempi? “Con la legge di bilancio che terrà impegnato il Parlamento un paio di mesi, l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica a gennaio e la possibilità di elezioni anticipate che non possiamo escludere, il passaggio è stretto” ammette Zan. “Ho 24 ore per cercare dialogo e mediazione e trovare un punto di caduta”. E sulla possibilità che la presidente del Senato Casellati conceda voto segreto, Zan spiega che per lui non andrebbe concesso, ma che è prerogativa della Presidenza decidere. “Con la richiesta del ‘non passaggio agli articoli’ abbiamo poche possibilità di errore, se la legge va sotto Mercoledì, l’iter si interrompe e purtroppo con la questione del green pass abbiamo molti senatori che erano favorevoli, che saranno assenti e rischiamo di vedere la legge affossata”.
LA MEDIAZIONE DISPERATA
24 ore di tempo per trovare una mediazione, o meglio ancora “un dialogo”, spiega Zan. Probabilmente l’ultimo, disperato tentativo di coinvolgere parti di Italia Viva e Forza Italia e provare a capire se esistono i numeri. Correndo il rischio al buio. “Quello che il segretario Letta ha fatto è proprio di evitare di andare al buio, nelle prossime 24 ore io sonderò per capire se c’è possibilità di dialogo e mediazione su questioni tecniche che non snaturino la sostanza del disegno di legge”.
“Ma la mediazione con chi, con Lega e Fratelli d’Italia che non hanno fatto altro che tendere trappole finora?” chiede Federico Boni di Gay.it
“A loro chiederò almeno la non belligeranza sui mille emendamenti, sarebbe già qualcosa” spiega Zan. Che ci tiene a precisare “bisogna ricordare che il PD ha perso le elezioni del 2018 – quando Zan era renziano ndr – e poi c’è stata la scissione di Renzi – Zan è rimasto nel PD ndr –  alla fine oggi il PD ha il 12% dei voti, è sottodimensionato rispetto ai consensi che riscuote nel paese”.
Dunque il DDL Zan è già su un binario morto?
“Abbiamo il dovere di provarci fino in fondo e non per questioni di bandiera, ma per le persone discriminate, perché questa è una legge che ha a che fare con la vita reale di persone che subiscono odio, violenze, vessazioni”.
Lo sappiamo bene. Ma abbiamo la sensazione che anche questa volta non ci sarà alcuna legge. A meno di auspicabili sorprese da Italia Viva e Forza Italia. Oppure, se il Partito Democratico medierà al ribasso. Tra meno di 48 ore sapremo la verità. L’Onorevole Zan ha 24 ore di tempo per mediare. “Il movimento fa giustamente le sua battaglie di avanguardia chiedendo il massimo – spiega Zan – ma il Parlamento rappresenta tutti i cittadini”.
Come abbiamo ben spiegato su questo sito, basterebbero i voti di Italia Viva: ma Matteo Renzi ha deciso che il DDL Zan, così com’è, non deve passare. A meno di clamorosi colpi di scena.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24

Leggere fa bene

Matteo Salvini annuncia la candidatura di Roberto Vannacci alle Europee il giorno della Liberazione - Matteo Salvini e Roberto Vannacci - Gay.it

Matteo Salvini annuncia la candidatura di Roberto Vannacci alle Europee il giorno della Liberazione

News - Redazione 26.4.24
stati-uniti-ban-terapie-affermative

Stati Uniti, continuano i ban alle terapie affermative per i minori: 100.000 lǝ adolescenti abbandonatǝ a loro stessǝ

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans - Ron DeSantis Trump Biden - Gay.it

Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans

News - Redazione 22.1.24
chiamamifaro, il nuovo album è "Disco Default"

Chiamamifaro, è uscito “Disco Default”: “Mentre aspetto di fare il grande salto, mi godo la salita” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 6.5.24
Elly Schlein

Donne LGBTI+ e politica: pregiudizi, molestie, violenze, così la resistenza patriarcale tenta di dissuaderle

News - Francesca Di Feo 29.3.24
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+? - Claudia Sheinbaum 1 - Gay.it

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+?

News - Redazione 4.6.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24