DDL Zan, Malpezzi vs. Faraone: “Dice bugie, impossibile mediare sugli emendamenti di Italia Viva”

"Noi vogliamo fare una buona legge, non una legge a tutti i costi", ha ribadito Alessandro Zan, ribadendo il no a qualsiasi mediazione con Lega, Forza Italia e Italia Viva.

DDL Zan, Malpezzi vs. Faraone: "Dice bugie, impossibile mediare sugli emendamenti di Italia Viva" - DDL Zan Malpezzi vs. Faraone - Gay.it
3 min. di lettura

Rinviata a dopo la pausa estiva del Senato la legge contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo, Alessandro Zan ha fatto il punto della situazione in diretta social, insieme alla collega senatrice del Pd Simona Malpezzi. Dinanzi a Lega, Forza Italia e Italia Viva che accusano Pd, 5 Stelle e LeU di non voler approvare la legge, avendo detto no a modifiche che andrebbero a snaturare il provvedimento, Zan e Malpezzi hanno provato a dare dei chiaramenti, replicando alle accuse del capogruppo IV Davide Faraone.

Noi siamo rimasti bloccati rispetto a questo disegno di legge“, ha precisato la capogruppo Pd al Senato Malpezzi, “perché i decreti hanno sempre la precedenza, avendo un tempo di scadenza, rispetto alle proposte di legge parlamentari. Sono settimane che ci troviamo a dover convertire decreti. Noi avevamo fatto una proposta in capigruppo, sapendo che sarebbero arrivati i decreti. Abbiamo detto, utilizziamo i lavori non canonici e proviamo a lavorare sul DDL Zan, in modo da completare la discussione generale e andiamo avanti. Ci hanno detto di no da Lega, Forza Italia e anche da Italia Viva. Io non ho sbandierato quanto accaduto in commissione, per correttezza istituzionale. Perché in una squadra bisogna provare a tenere dentro tutti. E siccome Italia Viva alla Camera l’aveva votato, mi sono detta di abbassare i toni per provare a riportarla dentro, insieme a noi. Ma oggi in capigruppo è successa una cosa che mai mi sarei aspettata. Mentre organizzavamo i lavori che comprendono due decreti, abbiamo fatto proposte di calendario e a quel punto Davide Faraone l’ha approvato, per poi chiedere di mettere agli atti la necessità di una riunione di maggioranza per trovare una quadra di mediazione sul DDL Zan, per votarlo magari in settimana. Io sono saltata sulla sedia. Se tu vuoi chiudere il pacchetto non presenti degli emendamenti. Contemporaneamente a quelle parole mi è apparsa una sua agenzia, in cui Faraone ha detto che noi avevamo respinto la sua proposta di calendarizzare il provvedimento. E’ una bugia. La proposta non c’è mai stata. Il calendario era all’unanimità. Lui non ha proposto di calendarizzare, ma la richiesta di altre possibili mediazioni. Mediare su ciò che noi riteniamo non mediabile. Emendamenti che vogliono togliere l’identità di genere, emendamenti di IV. Chiaro che la mediazione non sia possibile“.

Una ricostruzione a dir poco incredibile, e inedita, con Malpezzi che ha annunciato la richiesta di due voti segreti della Lega sul DDL Zan, nel caso in cui fosse subito tornato in aula. “La Lega con cui dovremmo mediare“, ha rimarcato la senatrice Pd, con Faraone, seduto al suo fianco in commissione, che nel frattempo aveva fatto uscire un nuovo comunicato, “dicendo che noi avevamo mandato i diritti in vacanza. E mi sono arrabbiata, la considero una strumentalizzazione. Perché raccontare delle bugie? Davide dice che noi non stiamo più cercando di calendarizzarlo. Ed è una bugia. Abbiamo trovato un muro quando abbiamo chiesto di provare a lavorarci prima, abbiamo chiesto di calendarizzarlo subito al ritorno, la prima settimana di settembre, e Faraone ha detto di no, chiedendo di aspettare la prossima capigruppo. Mi dispiace, e rilancio la domanda. Perché questa strumentalizzazione, non raccontare che c’è una congestione nei provvedimenti. Il fatto che nascano simili menzogne mi fa pensare che ci sono altri interessi, ma non si può fare politica sulle tutele delle persone”.

Zan, sempre in diretta, ha invece fatto notare come nel 90% degli emendamenti presentati da Lega, Forza Italia e Italia Viva (oltre 1000), imperi l’ostruzionismo, mentre nel restante 10% “questi emendamenti stravolgono la legge, rendendola discriminatoria“. “Ci sono due emendamenti di IV, con l’obiettivo, dicono loro, di trovare una mediazione. Ma noi del Pd, LeU e 5 Stelle non siamo disposti ad accettare mediazioni sulla dignità delle persone. Trovare una mediazione a tutti i costi per fare una legge discriminatoria, peggiore della realtà, è inaccettabile. Questi emendamenti di IV renderebbero la legge fragile dal punto di vista giuridico“. Il deputato Pd ha spiegato i motivi di questa fragilità giuridica, che vedrebbe i termini “genere, identità di genere e orientamento sessuale” sostituiti dai più generici “omofobia e transfobi”, per poi respingere al mittente le accuse in arrivo da chi vorrebbe stravolgere la legge, chiedendo ulteriori ritocchi.

Noi non siamo contro le mediazioni, perché il DDL approvato alla Camera lo scorso novembre è già frutto di tantissime mediazioni. Ma questi emendamenti non mediano su questioni legate al procedimento penale, ma sulla dignità delle persone. Inserire omofobia e transfobia non è accettabile, così come non lo sono tutti quegli emendamenti che fanno sparire l’identità di genere. Questo voler portare in aula una legge in due giorni, all’ultimo momento, una legge con 1000 emendamenti, non ha senso. Se non avessero presentato emendamenti l’avrei capito, ma in 2 giorni come fai ad approvarla con 1000 emendamenti, senza falcidiarla. È impossibile. Ora ripartiremo a settembre, sperando che l’estate serva a Italia Viva a rivedere le proprie posizioni, sostenendo la legge senza mediazioni al ribasso. Perché le mediazioni da loro presentate sono al ribasso.

Noi vogliamo fare una buona legge, non una legge a tutti i costi“, ha concluso Zan. Non una legge escludente, “non in nostro nome“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 4.8.21 - 20:10

Trasparenza! Aiuta sempre a mettere " lorsignori" difronte alle loro responsabilità. Pensano di aver a che fare con idioti minuscapienti e la mancanza di " glasnost" li aiuta a fare ciò' che loro sia piu' conveniente (tradotto : farsi i ca..i loro a nostre spese).

Trending

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24

Hai già letto
queste storie?

milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Florida legge anti-LGBT Gay.it

Roma, il Comune ipotizza corsi LGBTQIA+ nelle scuole. E la destra attacca

News - Redazione 20.10.23
elezioni-argentina-reazioni-comunita-lgbtqia

“L’Argentina rischia la regressione come l’Italia, ma non passeranno”: la comunità LGBTQIA+ Argentina e l’elezione di Javier Milei – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Olanda, vince l'estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+? - Geert Wilders - Gay.it

Olanda, vince l’estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+?

News - Federico Boni 23.11.23
Elezioni USA 2024, Donald Trump vs. Ron DeSantis. È incubo omobitransfobia con il candidato repubblicano - donald trump vs. ron desantis - Gay.it

Elezioni USA 2024, Donald Trump vs. Ron DeSantis. È incubo omobitransfobia con il candidato repubblicano

News - Federico Boni 2.11.23
Elon Musk: "Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà". Per la gioia di Meloni e Salvini - Giorgia Meloni a Montecitorio con Elon Musk - Gay.it

Elon Musk: “Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà”. Per la gioia di Meloni e Salvini

News - Redazione 25.3.24
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23