Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

“Ciò che accade ai nostri figli e ai nostri nipoti è molto più importante del denaro”, ha precisato il presidente, noncurante dei fondi tagliati dall'Europa alla sua Ungheria per l'omobitransfobia istituzionale da lui imposta.

ascolta:
0:00
-
0:00
meloni orban
meloni orban
2 min. di lettura

L’UE minaccia sanzioni e strappi, ma l’Ungheria non molla la presa dalla propria omobitransfobia istituzionale. Viktor Orban, presidente dal 2010, ha ribadito la propria posizione nei confronti dell’Europa nel corso di una trasmissione radio.

Non esiste una somma di denaro per la quale sia ammissibile l’ingresso dei migranti nel Paese o dei propagandisti LGBT nelle nostre scuole”, ha tuonato Orban, che ha così deciso di sfidare apertamente quell’Unione Europea che da mesi chiede lo stralcio delle leggi omobitransfobiche approvate nel Paese. “Ciò che accade ai nostri figli e ai nostri nipoti è molto più importante del denaro”, ha sottolineato Orban, dopo aver ricordato come la Commissione europea abbia trattenuto 20 miliardi di euro destinati a Budapest. Ma a lui non importa.

La contestatissima legge ungherese contro la “propaganda gay” è  finita alla Corte di giustizia europea. La legge vieta qualsiasi “promozione LGBTIQ+” nei confronti dei minori, come avviene in Russia dal 2013. Ma con una differenza sostanziale: l’Ungheria fa parte dell’Unione Europea.

Il Consiglio europeo ha chiesto a più riprese al governo ungherese di cestinarla, ma Orban non ha mosso un dito, pretendendo persino l’approvazione elettorale tramite referendum apposito fortunatamente bocciato. Ursula Von Der Leyen, Presidente della Commissione europea, ha più volte minacciato l’Ungheria, sbandierando anche l’ipotesi di salate ripercussioni economiche. Puntualmente arrivate.

Orban ha fatto ricorso alla Corte di Giustizia UE in difesa della sua legge,  con conseguente condanna insieme a Polonia e Italia da parte del Parlamento europeo per “retorica anti-LGBTQIA+“.  Nel frattempo le librerie del Paese vengono multate se non coprono libri a tematica LGBTQIA+ con appositi avverimenti, mentre una mostra del World Press Photo è stata vietata ai minori perché contenente scatti raffiguranti drag queen. A fine 2023 60 persone transgender hanno presentato ricorso al Tribunale Europeo dei Diritti dell’Uomo contro le leggi anti-trans ungheresi, ma Orban, nel frattempo pubblicamente ammirato ed elogiato da Matteo Salvini e Giorgia Meloni, prosegue sulla propria strada, forte anche dell’ennesimo trionfo elettorale del 2022, con Fidesz che si è confermato primo partito della nazione con il 53,31% dei voti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey - Ian McKellen Oscar Conlon Morrey - Gay.it

Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey

Culture - Redazione 19.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
Vittorio Menozzi, Grande Fratello

Vittorio Menozzi, dopo il Grande Fratello in arrivo un nuovo programma tv: di cosa si tratta?

News - Luca Diana 14.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24

Continua a leggere

Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti - Ron DeSantis 2 - Gay.it

Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti

News - Federico Boni 26.10.23
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23
alessia-crocini-paolo-mieli-nichi-vendola-gpa

“Parole di Paolo Mieli vergognose”, la reazione di Alessia Crocini dopo l’attacco a Vendola

News - Francesca Di Feo 28.11.23
A sin: Giorgia Meloni con Elena Donazzan (è noto che la prima non ami la seconda) - a destra Cloe Bianco

Nessuna pace per Cloe Bianco, Elena Donazzan sarà candidata alle Europee da Fratelli d’Italia

News - Redazione Milano 7.12.23
Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane? - Donald J. Trump - Gay.it

Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane?

News - Federico Boni 17.1.24
Matteo Salvini a Firenze per il meeting di Identità e Democrazia

Gli imbarazzanti alleati europei di estrema destra della Lega di Salvini

News - Lorenzo Ottanelli 4.12.23
Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans - Ron DeSantis Trump Biden - Gay.it

Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans

News - Redazione 22.1.24