Intervista a Dimitri Cocciuti, showrunner di Drag Race Italia. Tutti i segreti dietro la prima edizione

Alla vigilia della prima puntata di Drag Race Italia, il responsabile del format risponde alle domande di Gay.it: "Lo show segna un prima e un dopo nella narrazione tv italiana"

Intervista a Dimitri Cocciuti, showrunner di Drag Race Italia. Tutti i segreti dietro la prima edizione - Drag Race Italia - Gay.it
4 min. di lettura

Start your engines. Stanotte, a cavallo tra giovedì 18 e venerdì 19 novembre, è stata rilasciata sulla piattaforma Discovery+ la prima storica puntata della prima altrettanto storica edizione di Drag Race Italia. Il programma dedicato all’arte drag sbarca sulle nostre frequenze, con otto performer pronte a sfidarsi tra prove di cucito, sfilate e lip-sync. Otto drag queen provenienti da tutta Italia, che mostreranno al pubblico i loro molteplici talenti e racconteranno le loro storie personali.

Intervista a Dimitri Cocciuti, showrunner di Drag Race Italia. Tutti i segreti dietro la prima edizione - Drag Race Italia - Gay.it
Il cast e i giudici di Drag Race Italia, in onda dal 18 novembre

Dietro alla nascita del riadattamento italiano del format – nato dalla mente di RuPaul – l’azzardo di un autore, Dimitri Cocciuti, attualmente responsabile format per la casa di produzione Ballandi.

Nel giorno del debutto, lo showrunner ha risposto alle nostre domande, rivelandoci i segreti della stagione:

Drag Race arriva in Italia, una scommessa che ti vede protagonista. Cosa ti ha spinto a realizzare la prima edizione?

Innanzitutto grazie per questo spazio, è sempre bello parlare con voi di Gay.it! Per la realizzazione di Drag Race Italia ci sono due persone a cui devo in primis dire grazie: Laura Carafoli, senior vp chief content officer di Discovery e tutto il gruppo editoriale di cui è a capo che ha accolto con enorme entusiasmo la nostra proposta, e Mario Paloschi, CEO di Ballandi, l’azienda per cui lavoro da tanti anni e che ha sposato da subito l’idea di portare in Italia “Drag Race”. Conosco “RuPaul’s Drag Race” sin dalle prime edizioni e ho sempre sentito che un formato del genere poteva e doveva trovare spazio anche noi, perché Drag Race è molto di più di un programma di intrattenimento, è una rivoluzione culturale e sociale che, specie di questi tempi, non può fare altro che bene a tuttǝ noi. Far parte di questo progetto con questa responsabilità e aver contribuito a dargli vita è per me il coronamento di un sogno.

Quali sono state le maggiori difficoltà e le maggiori soddisfazioni nella costruzione dello show?

Drag Race è una macchina meravigliosa e al tempo stesso estremamente complessa; la cura di ogni dettaglio è conditio sine qua non, niente viene e può essere lasciato al caso, ma più che una difficoltà questo per noi è stato uno stimolo a essere perfezionistǝ. Esistono già altre versioni internazionali, tra Spagna, Olanda, Uk, Canada… non potevamo essere da meno! Vedere le luci della Werkroom (un tributo all’italianità con un “Ciao Italia” al suo ingresso che trovo pazzesco) e del Main Stage (che strizza l’occhio a quello americano) accendersi è stata la soddisfazione più grande!

Drag Race Italia propone di fatto una rivoluzione nell’ambito della rappresentatività queer in tv. Credi che dalla tv e dal digitale possa partire una rivoluzione culturale, che diventi anche politica e sociale?

Io credo che quella rivoluzione sia già tra noi e sia parte di noi. Per me Drag Race Italia segna un prima e un dopo nella narrazione televisiva del nostro paese. Un prima dove le tematiche queer si inseriscono in punta di piedi nel racconto del piccolo schermo, un dopo dove il concetto di inclusività anche in tv diventa specchio del paese reale.

C’è qualcuno che si è tirato indietro di fronte all’invito di partecipare al programma?

Abbiamo fatto casting e scouting, c’è stata una risposta straordinaria da parte di tuttǝ.

Tra tutti i momenti collezionati nel corso della registrazione del programma, quale farai fatica a dimenticare?

Potrei sembrare banale, ma è stata ed è un’esperienza indimenticabile nel suo complesso. Se dovessi scegliere un momento forse ti direi il giorno della fine delle registrazioni. C’è stato un momento in cui tutta la squadra era raccolta nell’area del Main Stage e sul palco insieme a Priscilla abbiamo fatto un discorso improvvisato molto emozionante. E’ stato il momento in cui ho sentito nella sua massima espressione tutto il calore della famiglia di Drag Race Italia: le drag queen, i giudici, tutta la squadra di lavoro. Non lo dimenticherò mai. La bellezza di questo programma è il grande senso di appartenenza di ognunǝ di noi e tutto l’amore messo per realizzarlo.

Oltre 1000 performer si sono presentate ai provini, segno del fascino che il format esercita anche sul panorama drag nazionale. Ti aspettavi una partecipazione così massiccia?

Credo che RuPaul’s Drag Race sia stato in questi anni fonte di ispirazione per tante artiste italiane; modello per le nuove generazioni, sguardo sul presente per le generazioni di artiste che ha prima di loro hanno portato talento e tanto, tanto impegno. L’arrivo nel nostro paese di un formato che valorizza finalmente l’arte drag non poteva che generare questo entusiasmo, segno di una passione viva. Questo per noi è motivo di grande orgoglio.

Nell’ultima edizione britannica di Drag Race ha partecipato Victoria Scone (una donna cisgender), l’ultima stagione di All Stars negli USA è stata vinto da Kylie Sonique Love, una donna trans. Pensi che un’eventuale seconda stagione ancora più inclusiva sia realizzabile in Italia?

Drag Race Italia, così come tutto l’universo Drag Race, fa dell’inclusività la sua bandiera. Le nuove season delle varie versioni sono un esempio in tal senso e noi non saremo da meno!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Kamala Harris Brat

Perché Kamala Harris è una brat, cosa significa e quali star l’hanno già acclamata

News - Mandalina Di Biase 23.7.24
Deadpool & Wolverine, trionfo queer tra risate, allusioni sessuali, celebrazione mutante e un'iconica Madonna - TDW 14349 R - Gay.it

Deadpool & Wolverine, trionfo queer tra risate, allusioni sessuali, celebrazione mutante e un’iconica Madonna

Cinema - Federico Boni 24.7.24
Tommaso Stanzani, primo bacio social all'amato Oreste Gaudio (VIDEO) - Tommaso Stanzani primo bacio social allamato Oreste Gaudio VIDEO - Gay.it

Tommaso Stanzani, primo bacio social all’amato Oreste Gaudio (VIDEO)

Culture - Redazione 24.7.24
Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi - olimpiadi parigi atleti queer - Gay.it

Parigi 2024, ecco gli atleti dichiaratamente LGBTQIA+ che si sono qualificati alle Olimpiadi

Corpi - Federico Boni 23.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Claudia Pandolfi Giffoni

Claudia Pandolfi in lacrime a Giffoni per “Il ragazzo dai pantaloni rosa”: “Sento la responsabilità di questo film”

Cinema - Emanuele Corbo 23.7.24

Continua a leggere

Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Real Time, non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style - Real Time non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style 1 - Gay.it

Real Time, non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style

Culture - Redazione 21.3.24
Rai3 celebra il 17 maggio con la prima tv di Il Signore delle Formiche di Gianni Amelio, film sul "caso Braibanti" - il Signore delle Formiche - Gay.it

Rai3 celebra il 17 maggio con la prima tv di Il Signore delle Formiche di Gianni Amelio, film sul “caso Braibanti”

Cinema - Redazione 17.5.24
Sanremo 2025 slitta a causa della Coppa Italia? - Sanremo 2025 - Gay.it

Sanremo 2025 slitta a causa della Coppa Italia?

Culture - Redazione 8.7.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Dott. Mauro Barone

La perfezione non esiste: chirurgia plastica, dismorfofobia, vigoressia. Il viaggio personale e professionale del Dott. Mauro Barone – Intervista

Corpi - Luca Diana 8.7.24
Belve, Alessandro Borghi: "Ossessionato dal sesso, mai andato a letto con un uomo ma mai dire mai" (VIDEO) - Belve Alessandro Borghi - Gay.it

Belve, Alessandro Borghi: “Ossessionato dal sesso, mai andato a letto con un uomo ma mai dire mai” (VIDEO)

Culture - Redazione 9.4.24
Marco Mengoni, sanremo 2024

Sanremo 2024, il Festival di Marco Mengoni minuto per minuto: in diretta dall’Ariston

News - Luca Diana 6.2.24