Drusilla Foer a Sanremo 2022: ecco tutto quello che ha detto in conferenza stampa

"Io sarei dovuta essere la figura scandalosa di questo Festival, ma insomma non mi sembra che ne manchino".

drusilla foer sanremo 2022 cosa ha detto
drusilla foer sanremo 2022 cosa ha detto conferenza stampa
5 min. di lettura

Drusilla Foer, co-conduttrice di Sanremo 2022 al fianco di Amadeus nella terza serata, in conferenza stampa ha risposto alle domande dei giornalisti. Tra le altre anche una posta dal nostro direttore riguardo il monologo di Checco Zalone definito “transfobico”.

Ecco tutto quello che Foer ha detto in conferenza stampa.

Drusilla, era attesissimo il suo arrivo. Che impressione le fa? cosa si aspetta?

Allora, sono molto contenta di essere in questo luogo musicale che è Sanremo. Non è solo un luogo musicale è un luogo di aggregazione, lo vediamo dai dati dell’Italia che ama la musica, che ama stare insieme davanti alla tv, a vedere una manifestazione colma di amore per la musica. Felicitazioni per questo dato e per il pubblico molto giovane, che credo sia frutto di un’indagine attenta e professionale di Amadeus. Lui è capace di guardare cosa gira nella musica e non solo i super noti. Io ho trovato che queste siano state serate piene di affettività. Sono contenta perché dove c’è affetto io mi diverto. Io intendo divertirmi con Amadeus che è un uomo simpatico e un grande professionista, con idee precise. 

Sono contenta perché io sarei dovuta essere la figura scandalosa di questo Festival, ma insomma non mi sembra che ne manchino. Sono forse la donnina più normale come idea, sono solo molto alta. Mi sembra che siano venuti a galla dagli ospiti e dagli interpreti la volontà di parlare di certi temi. La musica è un veicolo importantissimo perché è emotivo, e quando la musica esprime certi contenuti è già una vittoria. 

E poi finalmente mi posso mettere otto vestiti da sera perché quando mi ricapita.

 

Rispondi al sondaggio: Drusilla Foer a Sanremo 2022: trionfo dell’inclusività o scelta conservatrice? >

 

Ieri sera Checco Zalone ha fatto un monologo discusso. La comunità LGBTQ+ è divisa. Gran parte ha ritenuto il monologo fortemente omotransfobico. Le chiedo una sua opinione.

La mia opinione è che ognuno può esprimere il proprio pensiero con la propria arte. Il Festival di Sanremo è un luogo di grande visibilità, non ho un’opinione specifica. Se questo solleva un dibattito che porta qualcuno ad avere una convinzione, credo che sia comunque stato un momento di valore. Sono un soggettino che si mette a disposizione del dubbio e dell’inaspettato. Poi ci sono casi in cui non so se una cosa mi sia piaciuta tanto o poco. Credo che Checco abbia fatto un’operazione molto forte, abbia voluto smuovere le acque. E laddove ci sono acque smosse sono sempre contenta. Trovo che una tv di stato che permetta ad un’artista di smuovere le acque sia una televisione di civiltà. Mi va benissimo, sono contenta che sia successo perché è un segno di civiltà.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺 (@gayit)

In 72 anni di Festival abbiamo avuto 4 donne con le redini del Festival tra conduzione e direzione artistica, non sarebbe ora avere di nuovo delle donne a condurre?

Sarebbe molto ganzo, sarebbe molto carino. Ammesso che questa signora (lei ndr) risulti brava nel farlo. Io sono per la meritocrazia; è chiaro che certi lavori sono fatti da più tempo da uomini e quindi le donne devono guadagnare terreno. Mi ricordo una volta un signore attore disse che gli scienziati sono sempre stati uomini per questa capacità “penetrativa”, io ho detto no bischero, sono stati uomini perché non facevano studiare le donne. A me piacerebbe anche un papato donna, bisogna provare tutto.

Sarebbe anche interessante avere un parere femminile sulla musica e sarebbe interessante avere 12 “valletoni” maschi sul palco. 

Lei nel suo libro parla di una vita come di una caccia al tesoro. Questa esperienza a Sanremo cosa aggiunge al suo percorso?

Io quando parlo con i ragazzi dico “la vita è una caccia al tesoro, bisogna tendere a qualcosa di prezioso”, ma la preziosità della caccia al tesoro è la caccia, è il percorso. La vera caccia al tesoro siamo noi, comprendere sé stessi alla fine del percorso è la vera vittoria. 

Quindi Sanremo fa parte della mia voracità di esperienze nella vita, della mia tutt’ora curiosità verso ciò che la vita mi mette di fronte. Sono molto grata a questa esperienza perché è un passo verso il tesoro. 

Il suo primo pensiero dopo la richiesta di partecipare a Sanremo è stato verso la scalinata da affrontare o a cosa lei avrebbe potuto portare a questa edizione.

Ho avuto un buio assoluto. Quando me l’hanno proposto ho detto sì, per la mia fame di esperienza. Poi ho pensato anche alla scalinata, francamente.

Poi, data la grande approvazione che le persone hanno dimostrato per la mia partecipazione, perché si sono sentite rappresentate da quello che sono, anzi mi correggo, da quello che dico e da quello che penso. Quindi è diventata anche una responsabilità. Io non sono un soggetto che si sottrae dalle responsabilità, laddove trovo qualcosa che non mi piace o stride un po’ con il mio cuore, io cerco di espormi su quei temi, che non sono solo LGBT, ma c’è la violenza sulle donne, la meritocrazia sul lavoro. Io sono contenta quando divento la bandiera di qualcosa. Ma io sono la bandiera di ciò che penso e io penso tante tante cose. 

Cosa hai preparato per stasera?

Abbiamo preparato poco, vero Amadeus? Non si è preparato quasi niente. Abbiamo ambedue l’intenzione di divertirci. Forse avrò un momento per fare una chiacchiera un pochino più personale. Sì, io sono molto tranquilla perché non si è preparato molto. Magari arriva la paura tutta alla fine ma spero davvero di divertirmi e divertire. Amadeus mi ha detto “io non sono uno che si mette a scrivere”, allora io sono stata felicissima. Tutti mi state dicendo invece “a Sanremo bisogna fare così”, allora io sono messa malissimo. 

Che cosa l’ha conquistata di un gentiluomo come Amadeus? E un ricordo del passato, cosa le ha dato un’emozione?

Amadeus mi ha sedotto, la cosa che più mi seduce in un uomo e in una donna è la naturalezza. La naturalezza trovo sia un valore sempre premiante. Poi magari Amadeus è una carogna tremenda, poi domani ve lo dico. Ad oggi si è comportato in modo molto naturale.

Per quanto riguarda il mio ricordo di Festival, io da piccolina non ho vissuto molto in Italia ed ero una cretina perché vedere il Festival era per me un qualcosa di molto provinciale. Pensi come si è deficienti a una certa età. Un ricordo bello è mio babbo che cantava alla mamma “Dio come ti amo” e lì ho saputo che quella roba era di Modugno e mi sono molto commossa quando ho visto un vecchio signore, colto, gentile, ancora con i tratti belli che cantava “Chiamami ancora amore”. Mi ha molto commossa che un’Italia avesse bisogno che un signore maturo dicesse quelle parole. Questa cosa mi ha molto commossa. 

Visto il record di ascolti, hai l’ansia di salire sul palco o ti gasa?

Io penso di andare alla fiera della salsiccia. Io mi voglio solo divertire e fare delle cose, dire delle cose onorando l’invito che mi è stato fatto. Io ho un’usanza in teatro, faccio lo spettacolo per il singolo e non per la platea Questo mi concentra sull’intenzione del mio lavoro. Penserò a una sola persona che dal divano sta guardando Sanremo e questo mi darà tranquillità, credo. 

Che musica ascolti?

Io ascolto tutto, il metal, il rock, la musica napoletana. Il “fatto musicale” è per me di forte ispirazione. Certo dipende dall’età, quando mi sento un po’ così ascolto solo quartetti di Ravello; però insomma a Londra con il metal mi sono divertita quando sono stata una mattacchiona randagia. 

Lei doveva far scandalo, oggi dice che vuole divertirsi. Lei non vuole fare un dibattito?

Il divertimento non è un luogo stupido, è denso di informazioni. Non presuppone che si dicano solo sciocchezze o superficialità. Io per come lavoro sono più vicina a un personaggio drammatico che comico. Io cercherò di divertirmi. Cercherò di tirare fuori dei temi quando c’è da farlo. Quando arriverà il momento cercherò di assolvere a un dovere che è solo verso me stessa di onorare quel palco con riflessioni, con la “croccantezza” e con il pensiero.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24

Continua a leggere

Trionfa Angelina Mango, i nostri momenti preferiti della finale - Sessp 36 - Gay.it

Trionfa Angelina Mango, i nostri momenti preferiti della finale

News - Federico Colombo 11.2.24
Marco Mengoni, sanremo 2024

Sanremo 2024, il Festival di Marco Mengoni minuto per minuto: in diretta dall’Ariston

News - Luca Diana 6.2.24
Sanremo 2024 pagelle Gay.it

Sanremo 2024, le pagelle di Gay.it (o per meglio dire le prime sensazioni)

Musica - Giuliano Federico 15.1.24
Rose Villain

Rose Villain, dagli esordi alla nuova avventura al Festival di Sanremo: ecco ciò che sappiamo su di lei

Culture - Luca Diana 19.1.24
Marco Mengoni baci Gay.it

Marco Mengoni: “Tutti i baci hanno gli stessi diritti” e “sì, io sono antifascista”

Musica - Redazione Milano 7.2.24
Sanremo 2024 Ariston Rooftop

Sanremo 2024, cronaca dalle prove generali

Musica - Giuliano Federico 5.2.24
Emma, la commovente lettera di Ilenia Colanero: l’Apnea mi ha salvato la vita - Sessp 31 - Gay.it

Emma, la commovente lettera di Ilenia Colanero: l’Apnea mi ha salvato la vita

Musica - Federico Colombo 8.2.24
Mahmood Sanremo 2024 Tuta Gold - Prove Orchestra Rai

Sanremo 2024: Mahmood, la “tuta gold” e il sangue sulla carta

Musica - Mandalina Di Biase 11.1.24