Ecco i legami anti LGBTQ tra la Russia ed il cuore dell’Europa

La destra francese è strettamente connessa ai movimenti anti LGBTQ+ filo Putiniani e per la famiglia "tradizionale". Un'inchiesta del politologo Remy Bonny.

Russia
7 min. di lettura

Negli ultimi anni, gli oligarchi vicini al Cremlino hanno costruito una ragnatela di collegamenti con il movimento francese ultraconservatore e anti-LGBTQ+. Esistono collegamenti con la Russia: dal gruppo anti-“parità dei matrimoni” Mannif Pour Tous, ai democratici cristiani francesi all’ambiente di estrema destra intorno alla famiglia Le Pen.

La lotta contro l’uguaglianza LGBTQ+ è una parte importante della guerra di superiorità culturale della Russia per i valori tradizionali. Si tratta di un elemento centrale nella loro strategia per minare l’Unione europea e la democrazia liberale. La Russia prende di mira il movimento LGBTQ+ perché è il movimento per i diritti civili più visibile e di successo degli ultimi due decenni all’interno della democrazia liberale.

A livello internazionale, la Russia ha lavorato molto per infiltrarsi nelle reti anti-LGBTQ+. Soprattutto il Congresso mondiale delle famiglie ha svolto un ruolo chiave nella missione della Russia di connettersi con i responsabili politici europei. Ricerche precedenti hanno dimostrato che la Russia ha stabilito collegamenti con i responsabili politici ungheresi e polacchi attraverso queste conferenze omofobiche e transfobiche.

Mentre in Ungheria i collegamenti conducono direttamente all’élite politica al potere, in Francia esiste una grande ragnatela di collegamenti con diverse élite politiche. Think-tank, politici di estrema destra, estremisti religiosi, cristiano-democratici e ONG hanno tutti legami con gli stessi oligarchi ultraconservatori russi.

I collegamenti tra la Russia e il “Rassemblement National” di estrema destra della Francia (ex “Front National”) non sono nuovi. Già da molti anni giornalisti e ricercatori hanno smascherato legami finanziari e ideologici tra il partito politico e il Cremlino.

Mettendo insieme tutti i pezzi, è ora sicuro affermare che la maggior parte di queste connessioni sono state stabilite durante conferenze internazionali per preservare i valori familiari tradizionali.

Il 10 e 11 settembre 2014, il Cremlino ha ospitato il Forum internazionale sulla grande famiglia e il futuro dell’umanità. La conferenza sostituiva il Congresso Mondiale delle Famiglie, che originariamente si sarebbe tenuto in Russia quell’anno. Tuttavia, diversi partner americani si sono ritirati dalla conferenza dopo l’annessione illegale della penisola ucraina della Crimea da parte della Russia. Pertanto, le organizzazioni russe legate a persone facoltose chiudono il Cremlino hanno organizzato una conferenza alternativa ma comunque simile.

L’estrema destra francese e la Russia

france-far-right-anti-lgbt-russia

I collegamenti tra la Russia e il “Rassemblement National” di estrema destra della Francia (ex “Front National”) non sono nuovi. Già da molti anni giornalisti e ricercatori hanno smascherato legami finanziari e ideologici tra il partito politico e il Cremlino.

Mettendo insieme tutti i pezzi, è ora sicuro affermare che la maggior parte di queste connessioni sono state stabilite durante conferenze internazionali per preservare i valori familiari tradizionali.

Il 10 e 11 settembre 2014, il Cremlino ha ospitato il Forum internazionale sulla grande famiglia e il futuro dell’umanità. La conferenza sostituiva il Congresso Mondiale delle Famiglie, che originariamente si sarebbe tenuto in Russia quell’anno. Tuttavia, diversi partner americani si sono ritirati dalla conferenza dopo l’annessione illegale della penisola ucraina della Crimea da parte della Russia. Pertanto, le organizzazioni russe legate a persone facoltose chiudono il Cremlino hanno organizzato una conferenza alternativa ma comunque simile.

Aymeric Chauprade

Uno dei principali oratori della conferenza è stato il membro del Parlamento europeo Aymeric Chauprade del “Rassemblement National”. Secondo la rivista francese Mediapart, Chauprade ha uno stretto rapporto con l’oligarca conservatore Konstantin Malofeev. L’alleato di tutti i tempi di Putin è uno dei più grandi sostenitori della rete internazionale anti-LGBTI ed è ampiamente conosciuto come l’oligarca dietro il sostegno russo ai ribelli nella guerra civile nell’Ucraina orientale.

Sempre nel 2014, Chauprade ha presentato Malofeev al fondatore di FN Jean-Marie Le Pen. “È stato attraverso Chauprade che ho incontrato Konstantin Malofeev. Sai come succedono queste cose, pranziamo, ceniamo, diciamo “Conosco qualcuno che forse può aiutarti a trovare un prestito”. “, Ha detto a Mediapart padre Le Pen. Indagini successive hanno scoperto che il Front National ha ricevuto un prestito di 2 milioni di euro tramite un’oscura costruzione finanziaria dalla Russia nella Repubblica Ceca.

Grégoire Boucher.

L’ hackeraggio delle mail dell’account di un diplomatico russo nel 2014, ha rivelato l’intero elenco dei partecipanti alla conferenza di Mosca del 2014 tra cui Chauprade. In quell’elenco, sono stati trovati altri membri della FN. Uno di loro era Grégoire Boucher, il tesoriere di Jeanne, la fondazione dietro Marine Le Pen che gestisce i flussi finanziari. Come figura del cattolicesimo tradizionale, è  ospite fisso alla Radio Courtoisie (una radio cattolica francese). È stato anche l’organizzatore del “Jour de colère” (Il giorno del colera) nel gennaio 2014, una protesta collegata al gruppo Alt-Right Dies Iræ.

L’ex assistente personale di Malofeev, Alexey Komov, è attualmente il rappresentante regionale in Russia per il Congresso mondiale delle famiglie. Komov è stato una delle figure chiave nello scandalo russo intorno al partito di estrema destra Lega dell’ex vice primo ministro Matteo Salvini. Durante una conferenza nazionale della Lega nel 2013, Komov ha ricevuto molti applausi dopo aver detto “quest’anno il Parlamento russo e il presidente Putin hanno firmato il disegno di legge per vietare la propaganda omosessuale a minori e bambini”.

Fabrice Sorlin

Il più notevole è Fabrice Sorlin. Sorlin era attivo proprio come Boucher all’interno del gruppo Alt-Right Dies Iræ. Il Southern Poverty Law Center classifica il gruppo sotto la guida di Sorlin come una “brutale milizia cattolica […], la cui missione era quella di preparare i giovani cattolici francesi bianchi a una guerra civile contro immigrati, neri e musulmani”.

Nel 2013, Sorlin è diventato il rappresentante francese del Congresso mondiale delle famiglie. Ha anche partecipato alla conferenza del 2014 a Mosca. Sulla lista dei partecipanti trapelata c’è scritto che Sorlin, proprio come il viaggio di Chauprade a Mosca è stato pagato dalla “Fondazione di Sant’Andrea il Primo Chiamato”. È un’organizzazione presieduta dalla moglie di un altro alleato di tutti i tempi di Putin: Vladimir Yakunin. Yakunin è stato fino al 2015 CEO delle Ferrovie russe e in seguito si è trasferito a Berlino dove ha fondato il think tank “Dialogue of Civilisations” (DOC). Sua moglie ha partecipato più volte al Congresso Mondiale delle Famiglie.

Nel 2017, Sorlin ha organizzato una conferenza regionale del Congresso mondiale delle famiglie a Parigi insieme ad Alexey Komov. L’elenco degli oratori includeva tra gli altri l’oligarca georgiano Levan Vasadze, che ha inviato “squadre per dare la caccia agli omosessuali” a Tbilisi nel 2019 e John Laughland, un assistente eurodeputato del partito populista olandese “Forum voor Democratie” con legami con la Russia. Uno degli argomenti all’ordine del giorno della conferenza erano le “tattiche e strategie della lobby gay nell’Unione europea”.

Il sostegno di Sorlin alla Russia non è un segreto. Secondo il Southern Poverty Law Center, era presidente di un gruppo francese chiamato Alliance France Europe Russia (AAFER). Sorlin vive dal 2015 a Mosca con sua moglie e otto figli. L’assenza di “propaganda omosessuale” nelle scuole russe è uno dei motivi principali per cui preferisce che i suoi figli crescano in Russia, ha detto a Sputnik nel 2019.

Un articolo su un blog conservatore dimostra che Sorlin continua a lavorare a Mosca per creare relazioni tra Francia e Russia. Ma si è anche unito alle proteste antigovernative “Gilets Jaunes” a Parigi nel 2018. Nelle sue foto durante la protesta, teneva in mano la bandiera della Repubblica popolare di Donetsk (DNR), l’autoproclamata provincia ribelle filo-russa indipendente. in Ucraina. Sembra essere a capo della “rappresentanza non ufficiale di DNR in Francia”.

Grégory Jullien

Un altro nome interessante nell’elenco dei partecipanti trapelato alla conferenza di Mosca del 2014 è Grégory Jullien. Jullien è stato, secondo l’elenco dei partecipanti, invitato alla conferenza da Alexey Komov. In qualità di presidente del Consiglio strategico eurasiatico, Jullien è un lobbista accreditato al Parlamento europeo.

Sembra essere particolarmente attivo nelle sfere attorno al Dialogo delle civiltà di Vladimir Yakunin.

Mannif Pour Tous

Molti dei leader di estrema destra menzionati prima erano molto attivi all’interno del movimento contro l’uguaglianza nel matrimonio in Francia. Ma l’organizzazione stessa ha anche mantenuto i legami con la Chiesa ortodossa russa. Nel 2014, una delegazione di Mannif Pour Tous ha portato una visita a Mosca. Caroline Roux, uno dei leader di Mannif Pour Tous, e Grégor Puppinck, il direttore del conservatore Centro europeo per il diritto e la giustizia, facevano parte della delegazione.

La delegazione è stata invitata dall’unità per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca della Chiesa ortodossa russa. Durante la loro permanenza a Mosca hanno portato in visita le due camere del Parlamento russo, la Duma russa e il Consiglio della Federazione.

In un’intervista a padre Ignace Shestakov, rappresentante del Patriarcato di Mosca al Consiglio d’Europa a Strasburgo, uno dei partecipanti ha spiegato l’obiettivo della visita: “trovare partner di cooperazione in Russia in difesa dei valori tradizionali”.

C’è un legame con i cristiano-democratici?

Un altro nome notevole nell’elenco dei partecipanti trapelato alla conferenza anti-LGBTI 2014 a Mosca, è il nome di Marie-Christine Amiot. Anche se Amiot non sembra essere una personalità pubblica, è elencata sul sito web del Partito popolare europeo (PPE) come assistente politico del loro Whip Office.

L’elenco dei partecipanti afferma che Amiot è stato invitato alla conferenza da Igor Beloborodov. È a capo dell’Unità demografica dell’Istituto russo di studi strategici (RISS) e vive a Tiraspol, la capitale del “conflitto congelato con la Russia”, regione della Transnistria della Moldova.

Il RISS è un think tank sostenuto dal presidente Vladimir Putin. L’organizzazione è stata accusata di aver elaborato il piano per interferire nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti e in molte altre operazioni di intelligence internazionali volte a minare l’Unione europea e la democrazia liberale.

Come fondatore di RISS, Leonid Reshetnikov è molto vicino a Beloborodov.

Reshetnikov è una delle maggiori spie del KGB e dell’FSB della Russia, ed è accusato tra l’altro, insieme a Konstantin Malofeev, di aver pianificato un colpo di stato in Montenegro. La famiglia di Reshetnikov è ben rappresentata nella lista degli amici di Beloborodov su Facebook. È anche collegato a molti parlamentari russi ed europei, uomini d’affari, giornalisti e, ovviamente, leader ortodossi russi. Tra questi c’è Pavel Belobrádek, l’ex vice primo ministro della Repubblica Ceca. Un’altra connessione che cattura l’attenzione: Timur Aliyev. Aliyev è l’assistente personale di Ramzan Kadyrov, il leader ceceno accusato di aver organizzato la persecuzione più strutturale degli omosessuali dalla Seconda Guerra Mondiale.

Beloborodov mantiene una posizione conservatrice sulle relazioni ed è un vero sostenitore della “teoria demografica dell’inverno”, che accusa gli omosessuali del declino demografico. In un’intervista sull’HIV / AIDS con il quotidiano russo Meduza, ha affermato che “non esiste forma migliore di protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili, in particolare l’AIDS, della famiglia monogama – una famiglia eterosessuale”.

Un’e-mail è stata inviata ad Amiot per questo articolo per confermare la sua presenza e chiederle del suo rapporto con Beloborodov, ma lei non ha risposto.

Spiderweb

È chiaro che gli oligarchi e altri individui vicini alle operazioni di intelligence russe hanno utilizzato piattaforme anti-LGBTI come un modo per creare reti e collaborare con influenti élite politiche francesi. La portata del Cremlino attraverso queste reti estende i tradizionali partiti di estrema destra. Proprio come in Ungheria, anche i cristiano-democratici sembrano essere collegati a questi agenti dell’intelligence russa.

Dopo aver concluso tutto questo, sorgono molte altre domande. Perché i politici conservatori corrono il rischio di collaborare con i russi su questo? Qual è il valore aggiunto per loro di lavorare insieme a un potere il cui obiettivo è unicamente quello di minare la loro sovranità nazionale? Domande per ora senza risposta.

[symple_box color=”gray” fade_in=”false” float=”center” text_align=”left” width=”100%”]

L’autore:

Rémy Bonny è un politologo e attivista LGBTQI dal Belgio. È un analista della relazione tra movimento LGBTI e dinamiche internazionali, in particolare nell’Europa orientale e nell’Asia centrale. Negli ultimi anni, Rémy ha condotto ricerche sulle interazioni tra stati illiberali come la Federazione russa di Vladimir Putin e l’Unione europea e le ex repubbliche sovietiche. Pertanto, ha vissuto a Budapest, Bruxelles, Varsavia e Venezia. In qualità di sostenitore e ricercatore di politica LGBTQI, Rémy viaggia in tutto il mondo per parlare con organizzazioni LGBTI, politici di alto livello e accademici della sua ricerca e della situazione nei loro paesi e nell’UE. Il suo lavoro è stato riconosciuto da molti media e istituti internazionali. È stato uno degli oratori che ha avuto il privilegio di parlare durante la 50a commemorazione ufficiale della Rivolta di Stonewall a New York City.

Segui Remy su Twitter.com.

[/symple_box]

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 18.8.20 - 10:30

Tutti a sparare contro l'ue e a riempirsi la bocca della parola sovranità e poi scopri, in realtà è la scoperta dell'acqua calda, che la destra vuole venderci ai russi e i grillini ai cinesi. Quanto patriottismo nella destra e nei grillini!

Trending

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24

Continua a leggere

Jill Biden in difesa dei diritti LGBTQIA+. "I repubblicani vogliono che abbiate paura, non glielo permetteremo" (VIDEO) - Jill Biden - Gay.it

Jill Biden in difesa dei diritti LGBTQIA+. “I repubblicani vogliono che abbiate paura, non glielo permetteremo” (VIDEO)

News - Federico Boni 25.3.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby - Roma Lazio il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti in vista del derby - Gay.it

Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby

News - Redazione 5.4.24
Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: "Vergogna, è un pericolo per la Costituzione" - Vannacci - Gay.it

Vannacci nominato Capo di Stato maggiore, Zan: “Vergogna, è un pericolo per la Costituzione”

News - Redazione 4.12.23
donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24