Monza, la giunta PD spiega perché ha bocciato la mozione a favore delle famiglie arcobaleno

La replica dell'assessora del comune di Monza, Andreina Fumagalli e del consigliere comunale di Cavenago di Brianza, Davide Usai alle accuse di aver voltato le spalle alla comunità LGBTQIA+.

ascolta:
0:00
-
0:00
monza-mozione-famiglie-arcobaleno-pd
MONZA, CONSIGLIO COMUNALE - LA PROTESTA DURANTE LA BOCCIATURA DELLA MOZIONE "CARO SINDACO, TRASCRIVI"
3 min. di lettura

La notizia di un sindaco del Partito Democratico che aveva “voltato le spalle” alle famiglie arcobaleno a Monza aveva deluso e sconcertato molt* di coloro che riponevano nella sinistra di Elly Shlein la fiducia per un sostegno incondizionato alla comunità LGBTQIA+ nella lotta per i diritti.

Era successo l’11 dicembre scorso, quando il consiglio comunale di Monza aveva respinto la proposta – ispirata all’iniziativa Caro Sindaco trascrivi di +Europa – di trascrivere gli atti di nascita dei figli delle coppie omogenitoriali con entrambi i nomi dei due genitori, presentata da Paolo Piffer della lista Civicamente.

Tra contrari e astenuti, in quel frangente il PD aveva contribuito a bocciare la mozione – con buona pace del sindaco Paolo Pilotto, in passato militante di Democrazia Cristiana ed ex insegnante di religione, accusato in seguito di essere una figura incompatibile con le battaglie progressiste portate avanti dal PD in un momento così delicato.

La decisione del Governo Meloni di opporsi alle trascrizioni dei certificati di nascita per i minori nati da coppie omogenitoriali – circolare Piantedosi – sfrutta infatti il vuoto legislativo che attualmente caratterizza l’Italia in questo ambito, nonostante le recenti pressioni del Parlamento Europeo per l’adozione di un certificato unico europeo, che richiederebbe l’approvazione unanime del Consiglio degli Stati Membri.

Un caso emblematico di questa situazione è quello di Padova, dove, a seguito della direttiva del governo, 33 bambini hanno visto il nome di una delle due madri rimosso dai propri certificati di nascita.

Una decisione che ha fatto rumore, tanto da portare la Procura di Padova a rivedere la propria posizione, sottoponendo nuovamente il caso all’attenzione della Corte Costituzionale.

Il caos normativo e l’attacco mirato alla comunità LGBTQIA+ portato avanti dal Governo Meloni chiedono quindi l’intervento una sinistra compatta, che non si lasci intimorire ma sopratutto che rimanga salda sulle proprie posizioni.

Per comprendere meglio la vicenda monzese, avevamo parlato con Giulio Guastini (+Europa), uno dei promotori della mozione nonché fermo sostenitore della teoria secondo la quale la giunta PD si fosse “nascosta dietro presunta illegalità della mozione per salvaguardare gli equilibri di coalizione ed evitare di mettere in difficoltà il sindaco”.

Non si è però fatta attendere troppo la risposta di Andreina Fumagalli (assessora del comune di Monza) e Davide Usai (consigliere comunale di Cavenago di Brianza), che in una nota congiunta hanno difeso la propria posizione e il proprio impegno nella promozione dei diritti LGBTQIA+, definendo nel contempo la mozione proposta da Paolo Piffer un mero stunt pubblicitario, un attivismo inamovibile e di facciata destinato a non provocare alcun cambiamento a livello sistemico.

La riportiamo, lasciando ai lettori il beneficio del dubbio nel formulare la propria opinione sulla vicenda.

Andreina Fumagalli

Ognuno è libero di scegliere di lottare come vuole: Si può lottare facendo azioni di bandiera ma all’atto pratico inutili e si può lottare facendo un lavoro continuo di condivisione e di sensibilizzazione.

Come attivista LGBTQIA+ ho scelto la strada del lavoro continuo di condivisone delle lotte e di sensibilizzazione ai diritti delle minoranze.

La mozione proposta dal consigliere Piffer in sostanza non aggiunge nulla ad una lotta importantissima per i diritti dei figli delle coppie omogenitoriali, sembra piuttosto l’ennesimo tentativo di appuntarsi sul petto la coccarda arcobaleno per dare un sostegno di facciata, l’ennesimo tentativo di cavalcare la lotta per i diritti della comunità LGBTQIA+ a fini propagandistici.

Dobbiamo essere pragmatici: finché non convinceremo il legislatore a promulgare una legge che tuteli i diritti dei figli delle coppie omogenitoriali, non ci sarà parità di diritti e ci sarà sempre discriminazione.

Avere una legge è un percorso lungo, che ha inizio quando il legislatore comprende che la cittadinanza ha richieste che prima non erano espresse, quando il Parlamento comprende che la società è più avanti di quanto si creda.

Creare momenti di confronto e di discussione per recepire le richieste delle famiglie arcobaleno è un impegno politico che va oltre una semplice mozione, con buona pace di chi ci accusa di essere “progressisti solo a parole”.

A livello locale L’Amministrazione Comunale monzese in questo primo anno e mezzo di governo ha già portato al tavolo Pari Opportunità Brianza Oltre l’Arcobaleno, associazione LGBTQIA+ del territorio, ha stilato il Regolamento per le carriere ALIAS all’interno del Comune, ha patrocinato e sostenuto il Brianza Pride, ha approvato l’adesione alla Rete RE.A.DY.

Attività amministrativa concreta che ha impatto diretto sulla vita delle cittadine e cittadini LGBTQIA+ Monzesi.

Davide Usai

Il Partito Democratico alla manifestazione nazionale di novembre ha dato voce e spazio alle famiglie arcobaleno per raccontare quali sono i diritti negati a queste famiglie e le richieste per eliminare queste inaccettabili discriminazioni.

Come principale partito del campo progressista non siamo interessati a mozioni di facciata presentate con il chiaro scopo di ricercare un titolo facile sulla pelle delle famiglie omogenitoriali.

La mozione presentata in Consiglio Comunale a Monza in particolare vedeva tra i primi firmatati anche tre consiglieri del Partito Democratico: Brizzolara, Gentile e Bonetti; a dimostrazione di come sia stata ricercata una via di condivisione.

La maggioranza ha proposto un emendamento che avrebbe permesso al testo di passare al voto dell’aula, emendamento rigettato però dallo stesso Consigliere Piffer, a conferma che non vi sia mai stata una volontà di condivisione su questo tema cruciale ma solo puro opportunismo politico.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Trending

Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24

Leggere fa bene

Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: "Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo" - Pride Kamala Harris - Gay.it

Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: “Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo”

News - Redazione 17.6.24
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24
giovani-transgender-careggi-genitori-lettera-europa

La disperata lettera all’Europa di 259 genitori di adolescenti transgender per fermare l’attacco del Governo Meloni al Careggi di Firenze

News - Francesca Di Feo 9.2.24
Conte Schlein Todde Sardegna

Alessandra Todde vince in Sardegna anche grazie all’appoggio della comunità Lgbtq+

News - Lorenzo Ottanelli 27.2.24
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
Roberto Vannacci

500.000 voti spediscono Roberto Vannacci in Europa, il generale eletto con la Lega

News - Redazione 10.6.24
Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans - Ron DeSantis Trump Biden - Gay.it

Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans

News - Redazione 22.1.24