Era la notte del 28 giugno…

Tra realtà e leggenda i fatti che avvennero quel 28 giugno 1969 a New York rimangono una pietra miliare della storia gay. Eppure, il bar dove tutto iniziò non è proprio quello che ti aspetteresti...

Era la notte del 28 giugno... - stonewallinnBASE 1 - Gay.it
3 min. di lettura

La leggenda narra che arrivò a Manhattan nei primi anni ’90 con poco più di 30 dollari, giovane, senza esperienza ma con una grinta feroce. Lo so che la prima persona che vi viene in mente leggendo questo incipit è la ben nota regina del pop nonché ladra di bambini africani, Luis Veronica "non-so-cantare-ma-stica-tanto-i-gay-mi-comprano-anche-se-incido-un-colpo-di-tosse" Madonna, ma invece no!

Era la notte del 28 giugno... - stonewallinnF1 - Gay.it

Ero io che, poco più che ventenne sbarcavo a NY senza avere più un dollaro in tasca dopo aver dilapidato una fortuna il mese precedente a Miami e che, se non fosse stato per la benevolenza di uno sconosciuto che mi ospitò per una settimana, avrei fatto la fine della baby prostituta di Taxi Driver. Quelli erano gli anni del mio attivismo politico, quelli in cui pensavo che l’essere omosessuale ci ponesse in una condizione di responsabilità e di solidarietà reciproca, ben molto tempo prima che, amaramente, mi rendessi conto quanto, almeno in Italia, la coscienza di gruppo e il sentimento d’orgoglio fossero condizioni che la maggior parte degli omoitalici non sentivano affatto.

Fu quindi con una certa emozione che una sera mi diressi al Village portando i miei omaggi al santuario laico del movimento gay, il T con 0 della lunga marcia dei diritti, il locale dove, la notte del 28 giugno 1969 ebbero inizio le rivolte degli omosessuali newyorkesi che avrebbero innescato una reazione a catena in tutto il paese e poi nel resto del mondo: lo Stonewall Inn.

Conservo ancora una foto, di quelle che si facevano ancora con la macchinetta a pellicola. Ci sono io con una salopette a righe, una canottiera verde, una fratta di capelli in testa e un’espressione compiaciuta davanti alla vetrata del locale dove un neon rosso lampeggia gridando ad intermittenza il nome del bar.

Era la notte del 28 giugno... - stonewallinnF2 - Gay.it

L’interno era piuttosto lugubre e cadente. C’era un biliardo dove un paio di ragazzi tiravano con le stecche. Il soffitto aveva fili a vista tenuti su da del nastro isolante, il barista sembrava piuttosto inconsapevole dell’onore di poter lavorare in un luogo così carico di storia e guardava annoiato una larva poco più che ventenne che si dimenava mezzo nudo su una pedana al centro del locale. Ci sono luoghi il cui mito è incommensurabilmente più grande della loro misera realtà ma, nonostante questo, l’emozione fu comunque grande.

Questi sono i giorni dell’anniversario del Gay Pride e ogni volta che si pone enfasi sulla miliarità di ricorrenze così importanti, si corre sempre il rischio di sprigionare un terribile tanfo di naftalina. Ma forse è ancora necessario farlo. Anche in questi anni e soprattutto in Italia dove, dal 1969 a oggi, la comunità gay non mi sembra sia progredita né in termini di diritto né tanto meno come affermazione e rivendicazione della propria identità.

Era la notte del 28 giugno... - stonewallinnF3 - Gay.it

Convinto come sono che buona parte delle giovani leve gay (al pari dei loro coetanei etero) abbiano un totale disinteresse per l’attivismo politico e una preoccupante ignoranza sui fatti storici che riguardano la propria comunità, ritengo che valga la pena ricordare cosa successe in quell’afosa notte d’estate, in un bar con una porta con una piccola feritoia attraverso la quale il buttafuori scrutava chiedendo ai clienti una parola d’ordine in perfetto stile carbonaro, in una città che noi abbiamo immaginato sempre essere faro di tolleranza e democrazia ma che all’epoca tutto era tranne che questo e che forse non lo sarebbe stato mai se gli omosessuali non avessero reagito con la rabbia dell’esasperazione e se l’ironica epica del momento non si fosse incarnata in una Giovanna D’Arco di nome Sylvia Rivera, che brandendo un tacco (che sia vero o meno è un immagine che meriterebbe lo stesso onore attribuito da Delacroix alla rivoluzionaria de La libertà guida il popolo) diede il via alla rivolta contro l’ennesima e ingiustificata retata dei poliziotti a danno degli omosessuali.

Ecco, nonostante lambisca pericolosamente il ridicolo ostinandomi a ballare in discoteca canzoni imbarazzanti cantate da starlette ancora più indecenti, ho una discreta età e sento la responsabilità di quelli che come me hanno cercato di fare qualcosa per questa comunità e mi riterrei soddisfatto se nonostante la facezia del mio scritto, anche soltanto una persona che fino a ora era all’oscuro dei fatti del ’69, avesse la curiosità di informarsi e quindi di scoprire o riscoprire l’orgoglio di essere persone fiere di essere gay.

di Insy Loan ad alcuni meglio noto come Alessandro Michetti

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

favoloska firenze

Il Pride antagonista di Firenze e l’associazione anarchici-LGBTIQ+ sul sito di Rai News

Culture - Redazione Milano 2.10.23
cremona pride: 6 luglio 2024

Cremona Pride 2024: il 6 luglio

News - Giorgio Romano Arcuri 12.12.23
vicenza pride 2024

Vicenza Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 27.2.24
aosta pride week 2023

Tutto esaurito per l’Aosta Pride Week 2023, la sfida alla “normalità” della comunità LGBTQIA+ valdostana

News - Francesca Di Feo 9.10.23
Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno - abruzzopride pescara - Gay.it

Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno

News - Redazione 14.12.23
Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario - VIDEO - Mumbai Pride - Gay.it

Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario – VIDEO

News - Redazione 5.2.24
taranto pride 2024, sabato 1 giugno

Taranto Pride 2024: sabato 1° Giugno

News - Redazione 6.2.24
Brianza Pride - Monza, 16 Settembre 2023 - foto: IG

L’Onda Pride 2023 non si ferma, come sono andati i Pride di Scafati e Brianza, tra luci e ombre

News - Francesca Di Feo 19.9.23