Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar

Da oggi nei cinema d'Italia la commovente storia del rifugiato gay afgano in fuga dalla guerra, candidato a 3 premi Oscar. Ecco com'è nato l'acclamato documentario.

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - IWP FLEE foto6 Amin boy headphones copyright FinalCutforReal - Gay.it
Flee, la recensione del film da Oscar
8 min. di lettura

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - Flee scaled - Gay.it

Esce oggi 10 marzo al cinema con I Wonder Pictures l’acclamato Flee di Jonas Poher Rasmussen, qui da noi recensito in anteprima. Primo film di sempre ad ottenere tre nomination agli Oscar come Miglior Film d’Animazione, Miglior Documentario e Miglior Film Internazionale, Flee è il racconto animato del viaggio verso la salvezza del rifugiato afghano Amin, gay in fuga dalla guerra.

Flee ha avuto la sua prima assoluta al Sundance Film Festival 2021, dove vinse il premio come Miglior documentario straniero, seguita dall’anteprima italiana alla 17ª edizione del Biografilm Festival 2021, dove si è aggiudicato il premio come Miglior film del concorso internazionale, e l’Audience Award all’interno del concorso internazionale. Sono poi arrivati due riconoscimenti all’European Film Awards 2021 e al National Board of Review 2021, oltre alla nomination come Miglior film d’animazione ai Golden Globes 2022.

Un’incredibile e commovente storia vera, quella diretta da Jonas Poher Rasmussen, dalla lunga gestazione, in questo post raccontata.

Le origini di Flee

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - IWP FLEE foto4 Amin and Kasper copyright FinalCutforReal - Gay.it

Il regista e documentarista radiofonico Jonas Poher Rasmussen incontrò il suo amico Amin Nawabi (uno pseudonimo) negli anni ’90 quando Amin si trasferì nella piccola città dove Jonas è cresciuto. Ha incontrato per la prima volta il nuovo arrivato ben vestito su un treno locale quando erano studenti del liceo – visti i pochissimi immigrati, Amin spiccava tra la folla. Senza conoscere l’intera portata della storia di Amin, Jonas vide un immigrato afgano che ben acclimatato alla Danimarca grazie ad una forte etica del lavoro e grandi capacità sociali. Inconsapevole fino a molto tempo dopo che il viaggio del suo amico verso l’età adulta era una storia straordinaria come nessun’altra. A partire dalla morte di suo padre a Kabul quando era un bambino, e arrivando fino a Mosca, quando i membri della sua famiglia hanno fatto diversi tentativi strazianti di reinsediarsi in Europa occidentale, l’infanzia di Amin è stata definita da periodi di attesa, speranza, e fuga.

Dopo il liceo, Jonas ha iniziato a fare documentari radiofonici, e lui e Amin hanno pensato di lavorare insieme su una storia sul passato di Amin, ma quest’ultimo non era ancora pronto a venire a patti con le sue esperienze – troppo dolore e sofferenza sono rimasti nascosti sotto la superficie, e temeva sia per la sua sicurezza che per quella della sua famiglia, così abbandonarono l’idea sapendo che l’avrebbero visitata di nuovo al momento giusto.

La svolta animata come via d’accesso al racconto

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - Flee - Gay.it

Durante un workshop di animazione-documentario, nel 2013 Jonas ha capito come poteva aiutare Amin a raccontare la sua storia in un modo che sembrava sicuro. “Amin voleva fare i conti con il suo passato, perché tutto il trauma associato alla sua infanzia stava creando una distanza tra tutti nella sua vita, non essere in grado di condividere il suo pieno sé era diventato un pesante fardello per lui. Inoltre, voleva condividere la sua storia anche per far capire alla gente cosa significa fuggire per salvarsi la vita”, ricorda Jonas, “L’animazione ha fatto sentire Amin a suo agio con la sua storia, potevamo usare la sua vera voce nel film e sarebbe comunque rimasto anonimo. E questo era importante per Amin, perché ha una famiglia che è tornata in Afghanistan e vuole rispettare anche la loro privacy.”

Utilizzando questo formato unico Amin e Jonas hanno potuto raccontare insieme questa importante storia, e mostrare vividamente alle persone il trauma che viene prima che i rifugiati arrivino “in modo sicuro” in un nuovo Paese. Anche il momento sembrava giusto e maturo, poiché Jonas, come Amin, aveva una relazione seria, era arrivato quindi il momento di stabilirsi e mettere a tacere il passato. Jonas ha così contattato la produttrice Monica Hellström presso la compagnia danese Final Cut for Real. Insieme hanno iniziato a sviluppare la storia e a condurre interviste preliminari con Amin. Jonas e il suo team di sviluppo hanno immaginato due stili di animazione molto diversi per inquadrare la storia di Amin. In forma di sceneggiatura, il film si concentra su un uomo che guarda indietro ai primi anni della sua vita, esaminando gli eventi traumatici che lo hanno modellato come un giovane immigrato che è diventato un accademico di successo. Dopo aver represso molti di questi ricordi, troppo dolorosi da ricordare, Jonas ha immaginato di utilizzare stili di animazione che riflettevano i suoi diversi stati d’animo.

“Volevo che questi episodi e queste esperienze prendessero vita attraverso scene, piuttosto che teste parlanti: l’animazione porta questo tipo di narrazione a un altro livello in termini di possibilità creative per raccontare questa vita precedente”.

La maggior parte di FLEE utilizza animazioni a colori 2D convenzionali per mostrare eventi veri nel passato di Amin, incorniciati come istantanee vivide dei suoi primi anni – i ricordi di ciò che gli è successo nella vita. Altre sequenze, in modo più grafico e astratto, corrispondono a eventi traumatici della sua vita che egli lotta per ricordare, tra cui scene strazianti della sua famiglia in fuga da Mosca come profughi trafficati. Per le sequenze animate, Jonas insieme alla produttrice Monica Hellström e Final Cut for Real si sono rivolti al Sun Creature Studio di Copenaghen.

La storia di Amin

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - IWP FLEE foto3 Amin and director copyright FinalCutforReal - Gay.it

Prima dello sviluppo dell’animazione, Jonas voleva ascoltare la storia di Amin attraverso la sua voce e i suoi ricordi – la maggior parte dei quali non aveva mai condiviso con nessuno prima. Per creare una sceneggiatura per il progetto, il regista ha iniziato una serie di interviste che si sono svolte nel corso di diversi anni. Jonas spiega: “Avendo già realizzato documentari radiofonici, ho usato la tecnica di intervista che ho impiegato per anni, in cui i soggetti si sdraiano e chiudono gli occhi, ricordando come le cose sembravano, odoravano e che sensazioni evocavano, così i loro ricordi diventano forti e immediati, come se si stessero dispiegando nel presente.”

Le storie che Amin ha condiviso erano potenti e la complessità era sbalorditiva. Dettagli della sua vita prima del liceo sono venuti fuori nel corso di sessioni multiple, collegando i punti tra il suo doloroso esodo dall’Afghanistan al suo purgatorio pre-adolescenziale a Mosca, dove lui e la sua famiglia aspettavano nel limbo per i loro documenti di immigrazione, e infine in Danimarca, dove l’adolescente ha creato una nuova casa da solo, separato dalla sua famiglia.

“Quanto più si addentrò in situazioni traumatiche, tanto più si ricordò di dettagli concisi del suo passato”, dice Jonas. “Nel corso di tre o quattro anni, abbiamo fatto più di una dozzina di interviste insieme, ognuna derivante da una sessione iniziale di tre giorni in cui Amin ha riversato la sua storia di vita in dettagli spesso grafici e strazianti.”

Una volta completate le interviste, Jonas ha dato forma ad una sceneggiatura inquadrando i principali incidenti nella tumultuosa vita del suo amico, e mantenendolo sempre presente nel progetto. “Amin ha fatto parte del processo fin dall’inizio”, dice Rasmussen. “È merito suo se siamo riusciti a fare questo film. Dopo che ho finito la sceneggiatura, l’ha letta e ha visto il montaggio approssimativo basato sullo script, il tutto seguendo l’evoluzione dello stile visivo. Ha ricevuto il credito di scrittore sul film, perché è la sua storia, raccontata con la sua voce.”

Il team

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - IWP FLEE foto5 Amin and mother copyright FinalCutforReal - Gay.it

Poi è venuto il momento di assemblare il team di animazione che avrebbe portato in vita queste storie. Con Sun Creature a bordo e la produttrice di animazione Charlotte De La Gournerie, si sono formate due diverse squadre per creare i distinti stili di animazione per il film. Le principali sequenze bidimensionali sono state supervisionate dal co-fondatore e direttore dell’animazione Kenneth Ladekjær, il cui approccio alla sottigliezza dell’emozione realistica ha impressionato Jonas e i suoi produttori. Le sequenze in bianco e nero sono state raccontate da Simon Rouby e successivamente animate da Gilles Cuvelier, espandendosi sui disegni di Rouby. Vivement Lundi ha continuato a creare sfondi e compositing.

Il direttore artistico Jess Nicholls era entusiasta di unirsi al progetto e prendere il controllo dello sviluppo da Guillaume Dousse. “Quando ho finito di leggere la sceneggiatura di FLEE, ho capito che era un’opportunità irripetibile nell’animazione, il tipo di progetto per cui metti in pausa tutto il resto in attesa di farlo.”

A Jess Nicholls piaceva anche il fatto che fosse un film d’animazione per adulti. “La gente spesso associa l’animazione con l’intrattenimento per bambini spensierati, ma avevo già visto un cambiamento con Waltz con Bashir, che è uscito quando avevo 19 anni”, dice Nicholls. “È stato uno dei film catalizzatori che mi ha portato in Danimarca per studiare animazione. Avevo già visto opere animate che scavavano in questioni profonde prima – anche i grandi blockbuster lo fanno – ma FLEE ha raggiunto una piattaforma per adulti, offrendo un livello accessibile e visivamente stimolante.”

Linguaggio Visivo

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - IWP FLEE foto7 Amin in nightclub copyright FinalCutforReal scaled - Gay.it

Dalla sceneggiatura di Rasmussen, il team di animazione ha iniziato a formare un’estetica visiva per il film. Mentre la scrittura si concentrava sulle persone e le relazioni in una data scena, Nicholls portava la sua esperienza nella telecamera, nell’illuminazione e nell’ambientazione. Il regista di animazione Ladekjær, nel frattempo, si è concentrato sul movimento e l’emozione dei personaggi. “I tre approcci si completano a vicenda e gettano le basi affinché Jonas possa partecipare al processo di editing”, afferma Nicholls. “Lì, Jonas e Janus Billeskov Jansen hanno magistralmente aggiunto un altro livello di profondità alla narrazione, lavorando a stretto contatto con i produttori Monica Hellström e Signe Byrge Sǎrensen.”

Il montaggio

Flee, la storia vera dietro il documentario da Oscar - IWP FLEE foto6 Amin boy headphones copyright FinalCutforReal scaled - Gay.it

Intervallato al film animato FLEE vi sono una manciata di scene live-action tratte dai cinegiornali d’epoca, che collocano la storia di Amin nello spazio e nel tempo, rafforzando allo stesso tempo la natura documentaria del progetto. Rasmussen ha trascorso ore su Youtube alla ricerca di filmati d’archivio della vita quotidiana in Afghanistan e a Mosca durante gli anni ’80 e ’90, tessendoli nel montaggio.

“Volevo aggiungere questo filmato al film in modo che ogni volta che vedi un cinegiornale, ti ricordi che questo è in fondo un documentario”, dice Rasmussen. “Sta creando un contesto storico per il film, ma sta anche dicendo al pubblico che questa storia è reale – non è finzione.”

Con FLEE, la sfida per Jansen è avvenuta nelle restrizioni imposte agli editori – in contrasto con le libertà che Jonas aveva trovato nel processo. “In un lungometraggio i personaggi possono vivere o morire – il loro destino è nelle tue mani, nella sala di montaggio, mentre non è possibile in un ibrido animato come questo”, dice Jansen. “Non stavamo seduti ad aspettare il filmato. Poiché ci vuole così tanto per fare l’animazione, abbiamo dovuto editare esattamente in prima pagina usando il materiale grezzo, perché il tempo è denaro. Non dovevamo lavorare con il dialogo, che era rinfrescante, e avevamo il controllo su dove volevamo avere un’ampia visuale, o un’inquadratura più intima, o per quanto tempo certe scene si sono svolte. Tutte le mie abilità e decenni di esperienza si sono riuniti per preparare questo per gli animatori.”

Trovare casa

Con FLEE, un gruppo di registi in collaborazione ad ogni livello di produzione si è riunito per raccontare la storia di un uomo che lotta per trovare la vera definizione e il significato di casa. Dopo molti anni, Amin trova questo significato nella forma di un partner amorevole, una professione significativa – e una vera e propria casa, nella campagna danese.

“Così tante persone nel mondo sono alla ricerca di un posto da chiamare casa, e Amin ha cercato di farlo per tutta la sua vita”, dice Rasmussen. “Come qualcuno che si muove sempre da un posto all’altro e non si sente mai radicato in un punto, durante la realizzazione di questo film ho capito che ancora non aveva una casa. In qualche modo era ancora in fuga. Ma alla fine, essere in grado di aprirsi e raccontare tutta la sua storia lo ha fatto venire a patti con il suo passato, col senso di colpa per i sacrifici che la sua famiglia ha dovuto fare per Amin per avere una buona vita. Tramite il processo di lunghe interviste nel corso degli anni, Amin si è reso conto conto che era pronto a stabilirsi. Poteva vivere con i traumi del suo passato, ed essere in pace nel presente, una persona intera.”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

Barbie 2? Margot Robbie frena i rumor: “Non riesco ad immaginare un sequel” - Ken di Barbie e gay 2 - Gay.it

Barbie 2? Margot Robbie frena i rumor: “Non riesco ad immaginare un sequel”

Cinema - Redazione 27.11.23
il caftano blu, primo film marocchino alla shortlist degli oscar 2024

Il Caftano Blu è il film queer marocchino di maggior successo al mondo

Cinema - Redazione Milano 23.11.23
Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d'Italia - Pedro Almodovar Rossy de Palma e Veronica Forque sul set di Kika – Foto di Jean Marie Leroy © El Deseo - Gay.it

Cinque film di culto di Pedro Almodóvar tornano nei cinema d’Italia

Culture - Redazione 10.5.24
Lilly_wachowski_GLAAD_2016

Trash Mountain, Lilly Wachowski torna alla regia con un film queer

Cinema - Redazione 14.2.24
Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione - 030 PT Atsushi Nishijima 20211110 00201 1 - Gay.it

Povere Creature di Lanthimos, capolavoro di libertà sessuale e autodeterminazione femminista. Recensione

Cinema - Federico Boni 18.1.24
Our Son, primo trailer per il film con Luke Evans e Billy Porter coppia gay divorziata in guerra per il figlio - Our Son - Gay.it

Our Son, primo trailer per il film con Luke Evans e Billy Porter coppia gay divorziata in guerra per il figlio

Cinema - Redazione 22.11.23
I film LGBTQIA+ della settimana 13/19 maggio tra tv generalista e streaming - film queer 1 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 13/19 maggio tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 13.5.24
Sundance Film Festival 2024, i film LGBTQIA+ più attesi - Sundance 2024 - Gay.it

Sundance Film Festival 2024, i film LGBTQIA+ più attesi

Cinema - Federico Boni 19.1.24