HIV: i farmaci iniettabili funzionano meglio delle pillole

Un’iniezione mensile ha sicuramente dei vantaggi: minor frequenza significa meno interruzioni della quotidianità e meno preoccupazioni.

E’ in via di sperimentazione un farmaco per la cura dell’HIV da iniettare una volta al mese. Mantenere un regime giornaliero di pillole è difficile per qualsiasi malato: dimenticarsi una pastiglia, prenderla in ritardo o perderla mentre si è in viaggio, ha delle conseguenze ed è quindi fonte di ansia per molti malati. Lo stesso rito quotidiano psicologicamente è un continuo ricordare la propria sieropositività. Un’iniezione mensile ha sicuramente dei vantaggi: minor frequenza significa meno interruzioni della quotidianità e meno preoccupazioni.

Una nuova sperimentazione presentata alla 21ma conferenza sull’Aids a Durban, in Sud Africa, ha offerto delle buone notizie a riguardo. Due dosi di antiretrovirali sono riuscite a mantenere la carica virale a zero nel 90% dei pazienti sieropositivi che hanno partecipato all’esperimento abbandonando le pillole giornaliere. David Margolis, della Viv Healthcare, ha presentato i risultati dall’ultimo trial, il quale sperimentava una formula iniettabile del farmaco Edurant.
I partecipanti all’esperimento erano tutte persone a cui era appena stato diagnosticato l’HIV. Dopo aver preso una combinazione orale di farmaci per 20 settimane (cabotegravir con lamividna/abacavir), sono stati divisi in tre gruppi: il primo gruppo ha continuato con le pillole quotidiane, il secondo con una dose iniettata ogni 4 settimane di due farmaci e il terzo con una dose maggiore degli stessi due farmaci ogni 8 settimane. Tutti i tre gruppi hanno avuto successo: dopo 48 settimane col nuovo regime le persone con livelli di virus non tracciabili erano l’89 % nel primo gruppo, il 92% nel secondo e il 91% nel terzo.
Recarsi dal medico per una iniezione ogni 4 o 8 settimane è una opzione particolarmente interessante per persone che devono convivere tutta la vita (almeno allo stato attuale delle cose) coi trattamenti antiretrovirali. Il problema è che al momento tali farmaci non possono essere rimossi dal corpo se incorrono dei problemi in quanto si tratta di farmaci a lungo rilascio. In altre parole, se ci sono effetti collaterali, bisogna aspettare che il corpo metabolizzi il farmaco completamente. E questo è sicuramente un problema notevole.
Deanna Kerrigan della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health ha diffuso i risultati di una ricerca riguardante le iniezioni a lungo termine. In essa si evince che le persone in cura con le iniezioni hanno una maggiore capacità di sopportazione degli effetti collaterali, a causa della minore frequenza delle iniezioni e del minor impatto sullo stile di vita. A livello psicologico, alcuni partecipanti alla sperimentazione hanno riferito che lo stigma vissuto è inferiore proprio perché viene rimosso il ricordo quotidiano di vivere con l’HIV.
Lo studio andrà avanti, la versione a iniezione mensile passerà alla fase 3 (quella conclusiva) verso la fine del 2016. I ricercatori stanno anche valutando come se le iniezioni possono costituire una strada percorribile anche per la profilassi pre-esposizione (PrEP).

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Storie

Dopo la rottura, si finge l’ex su Grindr e in...

Il ragazzo offriva incontri di gruppo e invitava tutti a casa dell'ex.

di Alessandro Bovo | 18 Gennaio 2019