Ora Giorgia Meloni prende in giro la comunità LGBTQIA+: “Quando sono stanca divento aggressiva”

La pezza peggio del buco: ecco cosa ha detto la possibile Presidente del Consiglio sul discorso da propaganda neo-fascista pronunciato in Spagna.

ascolta:
0:00
-
0:00
giorgia meloni lgbtq gender vox la stampa
giorgia meloni lgbtq gender vox la stampa
3 min. di lettura

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺🌍 (@gayit)

“Sì alla famiglia tradizionale, no alla lobby LGBT! Sì all’identità sessuale, no all’ideologia gender!”. Così Giorgia Meloni in Spagna lo scorso Giugno, durante un comizio del partito Vox a Marbella (Spagna) a sostegno di Macarena Olona, candidata alla presidenza dell’Andalusia, aveva aizzato il popolo dell’ultra-destra spagnola.

Un discorso dai contenuti reazionari, pronunciato con toni da propaganda neo-fascista. In alto – per chi non l’avesse visto finora – è possibile visionare il discorso della leader di Fratelli d’Italia.

E ora che Meloni si avvicina alla possibilità di vincere le elezioni del 25 Settembre 2022 ed essere incaricata di formare un governo in qualità di Presidente del Consiglio dei Ministri, eccola tornare su quel momento. Con i toni di chi vorrebbe mostrarsi improvvisamente moderata.

In un’intervista a La Stampa pubblicata oggi, Meloni risponde così alle domande di Francesco Olivo:

Rifarebbe il discorso al comizio di Vox?

Cambierei il tono, non il contenuto, perché quelle sono cose che ho detto molte volte. Quando dici cose decise vanno dette con un altro tono.

Se n’è accorta subito?

Quando mi sono rivista non mi sono piaciuta. Quando io sono molto stanca, mi capita di non riuscire a modulare un tono appassionato che non sia aggressivo.

E le accuse alla lobby Lgbt?

La lobby, non è la comunità omosessuale, sono cose diverse.

Un vero e proprio tentativo di raggirare l’intelligenza delle persone della comunità LGBTQAI+. Risposte che non fanno che acuire la ferita lasciata dalla possibile Presidente del Consiglio. Non solo Meloni conferma il contenuto del suo discorso, ma cerca anche di indorare la pillola spiegando il suo tono dai rabbrividenti toni neo-fascisti era causato dalla stanchezza.

Nel discorso pronunciato davanti al popolo di estrema destra di Vox in Spagna, Meloni aveva proferito parole durissime, degne della peggior destra transnazionale (Trump, Orban eccetera).

“Sì alla famiglia naturale, no alla lobby LGBT! Sì all’identità sessuale, no all’ideologia gender! Sì alla cultura della vita. No all’abisso della morte. Sì all’universalità della Croce. No alla violenza dell’Islamismo. Sì ai confini sicuri. No all’immigrazione di massa. Sì al lavoro della nostra gente. No alla grande finanza internazionale”.

Si era poi scagliata contro “l’ideologia dominante del politicamente corretto“, che vorrebbe distruggere “l’identità, la centralità della persona, le conquiste della nostra civiltà.”

Quindi Meloni si era scagliata contro la fantomatica – e inesistente – teoria gender:

“Guardate l’ideologia gender. Se andate oltre gli slogan, vi accorgerete di come il vero obiettivo dell’ideologia gender non sia quello tanto decantato della lotta alle discriminazioni, e neanche quello del superamento delle differenze maschio-femmina. Il vero obiettivo non dichiarato, ma tragicamente evidente, è la scomparsa della donna e soprattutto la fine della maternità. L’uomo oggi può essere tutto, padre e madre, in un’ampia gamma che va dal femminile al maschile, mentre le parole più censurate dal politicamente corretto sono madre e moglie”.

Ieri il New York Times, in riferimento alla situazione politica italiana dopo la crisi del Governo Draghi, ha sottolineato il possibile pericolo che con Meloni possa esserci nel cuore d’Europa un presidente neo-fascista. A tal proposito Olivo de La Stampa interpella Meloni:

Un articolo del New York Times la dipinge come un pericolo per l’Italia.

Non ha nessun senso. È la classica cosa imbeccata.

Da chi?
Si stanno muovendo una serie di think tank della sinistra italiana che vanno in giro per dire che se vince la Meloni l’Italia viene risucchiata da un buco nero. Una strategia irresponsabile. Come si è dimostrato con la posizione di FdI sull’Ucraina non c’è nulla da temere. Questo gioco di terrorizzare i mercati ha uno scopo.

 

Così Giorgia Meloni prova a dipingersi come una moderata presentabile agli occhi del mondo. Ancora una volta calpestando senza alcuna sensibilità la dignità delle persone LGBTQ+: “Quando io sono molto stanca, mi capita di non riuscire a modulare un tono appassionato che non sia aggressivo”. (gf)

 

L’Intervista integrale su La Stampa qui >

 

Ecco 10 dichiarazioni di Giorgia Meloni sulla comunità LGBTQ+ che Gay.it ha raccolto qualche giorno fa >

Quando nel 2009 Giorgia Meloni voleva combattere l’omofobia – VIDEO >

Giorgia Meloni su Gay.it >

 

Foto di copertina tratta dal canale social di Giorgia Meloni

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24

Continua a leggere

DDL Varchi, Alessia Crocini in commissione al Senato smonta le fake news sulla GPA: "Propaganda omofoba" - DDL Varchi Alessia Crocini in commissione al Senato smonta le fake news sulla GPA - Gay.it

DDL Varchi, Alessia Crocini in commissione al Senato smonta le fake news sulla GPA: “Propaganda omofoba”

News - Redazione 22.5.24
tweet transfobico casa editrice libertà di parola rowling

J.K. Rowling attacca la nuova legge scozzese contro l’omobitransfobia: “Arrestatemi”. E il premier inglese è con lei

News - Federico Boni 2.4.24
Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24
Famiglie Arcobaleno alla riscossa in 12 Piazze

Famiglie alla riscossa, festa in 12 piazze in tutta Italia: “Governo ideologico e politica incattivita e populista”

News - Redazione 18.4.24
Arcigay Io Voto Elezioni Europee 2024

Porto 8 persone a votare contro i fascisti e poi vado a bere, la campagna di Arcigay è virale

News - Mandalina Di Biase 6.6.24
Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24
Carolina Morace

Europee 2024, intervista a Carolina Morace (M5S): “Pace e diritti, sì alla GPA regolamentata. Atlete trans? È difficile”

News - Federico Boni 13.5.24
papa-francesco-persone-trans

Papa Francesco come Giorgia Meloni: “Teorie gender pericolosissime, GPA da proibire a livello universale”

News - Redazione 8.1.24