Foto

I due ragazzi russi abbracciati nella Mercedes raccontano la terribile situazione LGBTQIA+ in Russia

La scultura, magnifica e raggelante, installata da Elmgreen & Dragset nella mostra "Useless bodies?" alla Fondazione Prada a Milano.

ascolta:
0:00
-
0:00
Elmgreen & Dragset - Fondazione Prada - Useless bodies?
Elmgreen & Dragset - Fondazione Prada - Useless bodies?
3 min. di lettura
Elmgreen & Dragset - Fondazione Prada - Useless bodies?
Elmgreen & Dragset – Fondazione Prada – Useless bodies?

Se ne stanno abbracciati nel portabagagli di una vecchia Mercedes station wagon con targa russa. Uno assorto nel sonno, l’altro guardingo, sguardo sospeso nella possibilità di un imminente pericolo. Due ragazzi teneramente raccolti, rannicchiati e intrecciati nei corpi, adagiati sui sedili ribaltati, in un’automobile che è lo spazio di una temporanea e fragile rassicurazione, in quell’altrove generico, costretto dalla forma e privo di continuità sostanziale, che per Elmgreen & Dragset, i due artisti autori della scultura, è un’ossessione in ripetizione. Un’ossessione che raccorda le differenti installazioni della mostra “Useless bodies?”, da qualche giorno alla Fondazione Prada di Milano.

Elmgreen & Dragset - Fondazione Prada - Useless bodies?
Elmgreen & Dragset – Fondazione Prada – Useless bodies?

 

Elmgreen & Dragset - Fondazione Prada - Useless bodies?
Elmgreen & Dragset – Fondazione Prada – Useless bodies?

All’ingresso della mostra, e disseminati nelle aree di raccordo del museo, spuntano pali rivestiti di superfici specchianti. Trattasi di riproduzioni di cartelli stradali che tuttavia non sorreggono messaggi relativi a divieti d’accesso o limiti di velocità (eccetera). Sono semplicemente rivestiti di specchi, e rimandano l’immagine di chi guarda, il riflesso dell’ambiente circostante, in una snervante mancanza di punti di riferimento.

Michael Elmgreen (Danimarca) e Ingar Dragset (Norvegia) sono già famosi (anche) per l’indimenticabile memoriale al Tiergarten di Berlino, installazione in ricordo delle sofferenze inflitte agli omosessuali dal regime nazista: un cubo di cemento che nega i fasti grandiosi e statici dell’idea di memoriale, e custodisce segretamente nel suo ventre alcuni ben più espliciti video che testimoniano il divenire dell’affettività (in fondo all’articolo ho inserito uno dei video).

Alla Fondazione Prada il duo di artisti propone, con “Useless bodies?”, una riflessione sul corpo e sulla perdita della sua centralità. Un corpo, quello umano, in balia delle forme definitive impresse dagli artifici del progresso. Che modifica abitudini, posture, percezioni, coscienza del sé.

Ci sono corpi sospesi nel vuoto, corpi deformati dalle abitudini odierne, e che si aggirano in mezzo a plastiche e rassicuranti pose di statue neoclassiche, bambini che osservano fucili, ragazzi che guardano un qualsiasi nowhere, teenager fluttuanti nel metaverso, una piscina distrutta dall’abbandono e dalla voracità dei consumi, e poi ancora cani robot che sorvegliano i visitatori, caminetti domestici che paiono riproduzioni video e che sono invece illusioni di vaporacqueo spruzzato di luce, postazioni di lavoro tutte uguali e ripetute in agghiacciante continuità, panchine solo per omosessuali – o comunque solo per qualcuno di specifico ma non determinato -, spogliatoi di palestre disumanizzati, eppure pieni di tracce umane inorganiche. Un viaggio da incubo nelle peggiori staticità, allestite dal duo Elmgreen & Dragset per fissare il caos velocissimo della nostra epoca, così affannata dall’illusione della vita, da rappresentare la morte, immobile e presente in ogni istante.

 

Elmgreen & Dragset - Fondazione Prada - Useless bodies?
Elmgreen & Dragset – Fondazione Prada – Useless bodies?

 

E i due ragazzi abbracciati nella Mercedes rimandano a un contraccolpo. Una risacca, che Michael Elmgreen e Ingar Dragset ancora una volta sembrano svelare da quella penombra generata dalla superficialità degli schieramenti a priori che segnano i nostri tempi. Grazie all’idea di uno spazio narrativo preciso e altamente descrittivo, una vecchia Mercedes 280 TSE all’incirca del 1980, che in Europa vediamo circolare ormai soltanto in quella periferia dell’Unione Europea che è ormai la Russia Occidentale, proprio nei giorni della guerra d’Ucraina, Elmgreen e Dragset pongono l’attenzione sulle vittime che l’aggressore opprime in seno.

Nella facile e agghiacciante russofobia di questi giorni, questi due ragazzi gay russi che scappano dalle persecuzioni della Russia di Putin, fanno tremare qualsiasi certezza e ci presentano il conto di un’epoca in cui il nostro corpo è ormai un cumulo di cellule in balia dell’artificio e delle teorie da noi stessi creati.

 

 

 

Foto: Fondazione Prada – Aprile 2022, Elmgreen & Dragset “Useless bodies?”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24

Hai già letto
queste storie?

i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l'88% dei voti - cover Putin1 - Gay.it

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l’88% dei voti

News - Redazione 18.3.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
fashion drama milano, eventi lgbtq

FASHION DRAMA: torna a Milano il queer cabaret più grande d’Italia in occasione della Fashion Week

News - Giorgio Romano Arcuri 20.2.24
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23
Pavel Lobkov

Mosca, giornalista mostra segni di aggressione “Così picchiano un fr**io”

News - Redazione Milano 2.1.24
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23