Cos’è la Gayropa: “Quasi tutti gli Europei sono gay, noi no!”, così parlano i giovani in Armenia

Il reportage di East Journal fornisce un quadro chiaro su come la propaganda della Russia di Putin associ la comunità LGBTIAQ+ a un'idea di debolezza dell'Unione Europea.

ascolta:
0:00
-
0:00
Armenia LGBT
Armenia LGBT
3 min. di lettura

L’Armenia si trova a un bivio culturale e politico, particolarmente evidente nella questione dei diritti LGBTQIA+. L’eco della propaganda russa risona forte nel paese, dove il termine dispregiativo Gayropa viene utilizzato per denigrare l’Unione Europea, descrivendola come un continente debole e dominato da omosessuali. Una strategia del Cremlino per mantenere l’influenza culturale e politica sui paesi dell’ex Unione Sovietica, tra cui – appunto – l’Armenia.

La discriminazione contro la comunità LGBTQ+ in Armenia è palpabile. Eppure, nonostante le difficoltà, vi sono segni di progresso. Tempo fa Mukaev, un cittadino ceceno rifugiato in Armenia, non è stato estradato nonostante la richiesta russa. Mukaev sarebbe stato giustiziato dalla Cecenia dell’omocausto, ma per fortuna l’estradizione non è stata concessa. Una vicenda che ha segnato uno spartiacque nella percezione dell’omosessualità nel paese, sebbene il cammino verso l’accettazione piena sia ancora lungo. Qui di seguito il post nel quale l’associazione LGBTIAQ Pink Armenia esulta per il verdetto di asilo a Mukaev: “Il Tribunale amministrativo della Repubblica d’Armenia ha emesso un verdetto senza precedenti. Grazie agli sforzi di SK-SOS e al supporto legale di Pink, il 29.01.2023 il Tribunale amministrativo ha soddisfatto la richiesta di un cittadino della Federazione Russa, il ceceno Salman Mukaev contro il Servizio Migrazioni, che si è rifiutato di concedergli asilo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pink Armenia (@pinkarmenia)

In un interessante articolo apparso su East Journal, il giornalista Sebastiano Teani fornisce un desolante ritratto del paese, schiacciato tra l’influenza straripante di Mosca e l’aspirazione a sentirsi dentro un’Unione Europea che appare tuttavia ancora troppo lontana e diversa. Quando chiede ad alcuni giovani armeni cosa ne pensino della possibilità che l’Armenia entri nell’Unione Europea, si sente rispondere “Ci piacerebbe ma siamo troppo diversi” e quindi aggiungono:

In Europa è normale vedere due uomini baciarsi in pubblico, ragazze con minigonne cortissime e bambini che denunciano i propri genitori. In più quasi tutti gli europei sono gay, noi no!”.

Nel reportage si racconta anche del giornalista ceceno Sergey, fuggito in Armenia per sfuggire alla persecuzione in Russia. Quarant’anni, Sergey racconta la sua fuga precipitosa dalla Russia, dove fino a poco tempo fa conduceva una vita tranquilla. La scoperta della sua relazione con un altro uomo ha stravolto la sua esistenza, costringendolo a lasciare tutto alle spalle e a cercare rifugio prima in Georgia (dove la popolazione sta protestando per la legge anti-LGBTI con la quale il governo locale vuole avvicinarsi alla Russia e allontanarsi da un possibile ingresso nell’Unione Europea) e poi in Armenia, con la speranza di raggiungere l’Europa. L’angoscia per il destino del suo compagno, di cui ha perso ogni contatto, pesa su di lui: in Russia, come sappiamo, il movimento LGBTQ+ è considerato estremista e illegale, e chi viene identificato come tale rischia fino a dodici anni di carcere, o peggio, la scomparsa senza tracce. “La polizia uccide, e tutti lo sanno,” afferma Sergey, sottolineando la brutalità con cui vengono trattati gli omosessuali in Cecenia (qui il racconto delle deportazioni omosessuali e del cosiddetto omocausto ceceno). Ora, la sua disperazione è amplificata dallo stigma che l’omosessualità rappresenta per la sua famiglia, costretta a isolarsi per la vergogna.

Sono gli effetti della propaganda di Putin” ha spiegato Armen, che per 32 anni ha vissuto in Russia e ora è rientrato in Armenia. È lui a dipingere uno spietato ritratto di come Putin sia riuscito a mettere in campo una propaganda che associa l’Unione Europea alla comunità LGBTIAQ+ in senso negativo e dispregiativo. Scrive East Journal:

La macchina comunicativa del Cremlino mira a descrivere gli europei come un popolo debole, fatto di uomini gay e effeminati, a cui si contrappone il forte e rude uberman russo. Per denigrare il vecchio continente è stato addirittura coniato un termine: Gay-vrop (traducibile come Euro-gay, o Gayropa), un gioco di parole che fonde l’identità europea con quella omosessuale, secondo banali schemi omofobi.

L’eco della propaganda russa in Armenia è forte, un retaggio sovietico ancora in voga che permea la società con l’obbiettivo di influenzare il dibattito pubblico. Mosca vuole rimanere il punto di riferimento culturale e valoriale per i paesi dell’ex-Urss e il posizionamento geopolitico dell’Armenia non fa eccezione.

 

Foto copertina: repertorio (credit Unplash)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

Continua a leggere

Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
Marilena Grassadonia Intervista Elezioni Europee 2024 Verdi e Sinistra Italiana

Europee 2024, intervista a Marilena Grassadonia: “Pace, ambiente, battaglie transfemministe e del movimento LGBTQIA+”

News - Federico Boni 16.5.24
Matteo Salvini a Firenze per il meeting di Identità e Democrazia

Gli imbarazzanti alleati europei di estrema destra della Lega di Salvini

News - Lorenzo Ottanelli 4.12.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
Barbara Masini Azione Elezioni Europee

Europee 2024, intervista a Barbara Masini di Azione: “Italia peggiorata sui diritti, le famiglie sono tutte uguali”

News - Federico Boni 14.5.24
Unione Europea Diritti Transgender

L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l'88% dei voti - cover Putin1 - Gay.it

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l’88% dei voti

News - Redazione 18.3.24
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24