I RAGAZZI DEL PRIDE

Parlano i gay e le lesbiche che hanno sfilato

I RAGAZZI DEL PRIDE - pridemilano03 - Gay.it
3 min. di lettura

Normalità. E’ un concetto ricorrente tra i 50 mila del Pride milanese. La sfarzosità, la stravaganza che spesso ha caratterizzato negli anni passati i Gay Pride sta lasciando sempre più spazio alla normalità anche nello scendere in piazza, senza rinunciare ai colori e all’allegria che è propria di una manifestazione come il Pride.

A Milano sono venuti un po’ da tutta Italia, ma soprattutto dall’estero, dal nord Europa, Svizzera, Francia, Germania, ma anche Canada e Argentina.

Proprio come Marcos: 25 anni, argentino dice di aver accompagnato il “suo muchacho”. E ci racconta che vorrebbe un passaporto italiano, venire ad abitare in Italia perché essere gay in Argentina è ancora troppo difficile.

Non fanno nulla di diverso, rispetto agli altri giorni dell’anno, Silvia e Monica. Da due anni fidanzate e conviventi sfilano mano nella mano. Ma “mano nella mano” –ci raccontano- vanno anche al supermercato, in birreria, al cinema. Per Silvia manifestare un giorno solo all’anno come si è fatto ieri a Milano, è troppo poco.

I RAGAZZI DEL PRIDE - pridemilano02 - Gay.it

"La gente ha bisogno di capire, di abituarsi – dice – La prima volta ti guarda male, la seconda sorpreso, dopo un mese, tre mesi… non ci fa più caso… e allora ecco che l’obiettivo è stato raggiunto".

Luca e Aldo il Pride se lo sono fatto sui rollerblade. A dorso nudo, occhiali da sole, auricolari, assolutamente maschietti e “insospettabili” confessano che è stato “difficoltoso farsi il percorso sui pattini, ma molto bello e divertente”. E poi aggiungono di essere “venuti per far vedere alla gente che il gay è una persona normale, proprio come loro”.

Stefano, invece, arriva da Torino. Si è fatto 150 km perché, dice, “per ogni 10 che manifestano ce ne sono 100 ancora chiusi in casa, e forse molti non sanno nemmeno di essere gay. Noi siamo qui per quei 100”.

Tra i colori di bandiere, magliette e cappellini non passa inosservata

I RAGAZZI DEL PRIDE - pridemilano01 - Gay.it

Ilaria, 21 anni, da uno a Londra ma al Pride non ha voluto mancare e, soprattutto farsi notare, vestita da coniglietta color fucsia con tanto di orecchiette in tinta. “Londra è molto diversa, la comunità gay è molto più integrata, ma Milano – conferma – l’ho trovata molto cambiata nell’ultimo anno, anche da questo punto di vista, ma c’è ancora molta strada da fare”.

Non sono mancati nemmeno X e Y, i due mascherati, i due ragazzi che già si erano fatti notare (paradossalmente) a Roma per il loro anonimato. E anche ieri qui a Milano hanno sfilato per le strade della città mascherati perché non possono permettersi di far sapere alla società che sono gay. X 27 anni, di Milano è manager in un’impresa editoriale e lì – assicura lui – essere gay dichiarato sarebbe una grave discriminante. Y, il fidanzato è originario della Cina e per la cultura che c’è nel suo Paese, ma anche in Italia, se i suoi genitori venissero a sapere che è gay avrebbero un dolore immenso.

Sabrina, invece, si dice costretta a manifestare per ottenere qualcosa che dovrebbe già avere… ma “in Italia sono troppo cattolici… troppo”: scuote la testa ed si allontana. Intanto però anche un’altra barriera è stata infranta. La barriera che si chiama Milano, che nonostante la sua folta rappresentanza gay che popola ogni giorno la città non aveva mai avuto un “gay pride”.

Le foto sono tratte da www.arcigaymilano.org

di Paolo Bollani

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24

Hai già letto
queste storie?

marche pride 2024, sabato 22 giugno ad ancona

Marche Pride 2024: sabato 22 giugno ad Ancona

News - Redazione 6.3.24
cosenza pride 2024, sabato 22 giugno

Cosenza Pride 2024: sabato 22 giugno 2024

News - Redazione 20.3.24
liguria pride 2024

Liguria Pride 2024: a Genova l’8 giugno

News - Redazione 23.1.24
aosta pride 2024, 12 ottobre

Aosta Pride 2024: il 12 ottobre

News - Redazione 15.1.24
Abruzzo Pride 2024: sabato 6 luglio a Pescara - abruzzopride pescara - Gay.it

Abruzzo Pride 2024: sabato 6 luglio a Pescara

News - Redazione 8.4.24
cremona pride: 6 luglio 2024

Cremona Pride 2024: il 6 luglio

News - Giorgio Romano Arcuri 12.12.23
milano pride 2024, il 29 giugno

Milano Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 18.12.23
Taiwan Pride - Taipei, 28 ottobre 2023 - foto: IG

La Cina trema, al Taiwan Pride 180.000 per la più grande marcia LGBTQIA+ dell’Asia Orientale

News - Francesca Di Feo 30.10.23