Iran: la morte di Mahsa Amini scatena proteste in tutto il Paese, le donne si preparano alla rivoluzione

Aveva solo 22 anni ed è stata uccisa dalla polizia morale: forse la sua morte non sarà stata invano

ascolta:
0:00
-
0:00
Mahsa Amini Gay.it
5 min. di lettura

Una serie di proteste in Iran contro Khamenei e il suo regime stanno attraversando tutto il Paese a seguito della morte di Mahsa Amini. La giovane donna, secondo il resoconto dei media locali, è stata arrestata dalla polizia morale per le strade di Teheran con l’accusa di non aver indossato propriamente il velo. Da quanto raccontano il fratello e i testimoni, dal velo della donna erano visibili alcune ciocche di capelli fuoriuscite dal copricapo. Il che è bastato a far intervenire la polizia del regime.

Mahsa Amini Gay.it
Mahsa Amini, 22 anni, è stata uccisa dalla polizia morale in Iran

Originaria di Saqiz, nella provincia del Kurdistan, e in visita con la famiglia nella capitale iraniana, Mahsa Amini aveva solo 22 anni. Portata nel centro di detenzione dove, secondo quanto dichiarato dalla polizia, avrebbe ricevuto una “formazione educativa sulle regole dell’hijab”, è uscita dall’istituto su un’ambulanza. Un attacco di cuore, secondo gli ufficiali di polizia che la stavano interrogando. Massacrata di botte, secondo il fratello – che, rimasto fuori dal centro, avrebbe a un certo punto sentito delle grida – e secondo un testimone che lo avrebbe avvisato di una giovane donna all’interno uccisa dalla polizia.

Mahsa ha sofferto prima di morire. Una volta arrivata in ospedale, in condizioni gravi, è stata attaccata alle macchine per diverse ore. Una foto che la ritrae sul letto dell’ospedale, con un orecchio sanguinante e gli occhi lividi, ha fatto in poco tempo il giro del web. Diversi medici, anche senza conoscere la sua cartella clinica, hanno affermato che il sanguinamento era dovuto a un trauma riportato alla testa.

Mahsa Amini Gay.it
La foto di Mahsa Amini in ospedale circolata sul web

La famiglia ha subito chiesto spiegazioni alla polizia: Mahsa era in ottima salute prima di essere arrestata, non avrebbe potuto avere un infarto. E soprattutto, si chiedono, per cosa è stata arrestata? Il velo era leggermente spostato ma comunque lo indossava, secondo la legge entrata in vigore nel 1981 dopo la rivoluzione islamica che vieta alle donne di mostrare il capo scoperto quando per strada. La legge è sempre stata contestata e oggi il regime si sente minacciato da tutte quelle donne che stanno apertamente protestando, rifiutandosi di indossare il velo e di coprirsi.

Mahsa Amini Gay.it
La morte di Mahsa Amini ha scatenato la reazione del Paese

Non c’è da stupirsi, quindi, che la polizia morale abbia arrestato Mahsa. Liberi di agire come meglio credono, i suoi ufficiali sono spesso protagonisti di notizie assurde, che li vedono accanirsi sulle donne per piccoli dettagli o con stratagemmi, pur di incolparle di qualcosa. Coprirsi è solo uno dei tanti, come il fatto di non poter cantare per strada o distribuire fiori, non essere vestite adeguatamente o alzare lo sguardo in modo troppo sicuro. L’oppressione che le donne iraniane vivono ogni giorno ce l’ha raccontata anche l’attivista Masih Alinejad durante la nostra intervista.

Allo sdegno della famiglia, però, si è unito quello di un intero Paese. O meglio, di quella parte di popolazione che non vuole più sottostare alla violenza del regime islamico. Dopo l’annuncio ufficiale della sua morte, nella giornata di venerdì, i quartieri di Teheran si sono riempiti di folle decise a protestare al grido di “morte al dittatore” e “morte a Khamenei”. Le proteste vanno avanti da tre giorni ormai, la polizia ha già iniziato a usare idranti sulla folla e alcuni media locali riportano la morte di almeno cinque persone. I numeri, tuttavia, non sono sicuri e sono decisamente destinati ad aumentare.

I video delle proteste sono stati pubblicati sul canale persiano della BBC, mentre la tv nazionale di Stato ha fatto circolare un video in cui una donna non identificabile viene colta da un malore in una cella di detenzione. Ovviamente, la polizia nega di averne causato la morte con percosse e torture.

Mahsa Amini Gay.it
Il video fatto circolare dalla tv di Stato per convincere che la giovane sia morta di infarto

All’evidente tentativo di propaganda non hanno però dato retta le persone che chiedono giustizia per Mahsa. Insieme alle proteste, infatti, Twitter e Instagram sono stati inondati da video di donne che, da ogni angolo dell’Iran, si riprendono mentre si tagliano i capelli e stracciano il velo che dovrebbe coprirli.

Non è la prima volta che il regime di Khamenei scatena violente proteste: l’oppressione che esercita per imporre la sua ideologia è stato spesso contestato come accadde nel 2019, quando una protesta di tre giorni si trasformò in una sanguinosa repressione da parte della polizia, che uccise 2500 persone. Oggi come allora, il rivoltarsi della popolazione rischia di essere vano: in quei giorni il governo interruppe tutte le connessioni internet, impedendo alla popolazione di comunicare.

Mahsa Amini Gay.it
Le proteste a Teheran a seguito della morte della giovane

«Devono spiegare per quale crimine, per quale motivo l’hanno fatto? Sono sua madre e sto morendo dal dolore»

L’accusa della madre di Mahsa Amini è il riassunto di una tragica vicenda che ha tutta l’aria di essere la goccia che ha fatto traboccare il vaso. La repressione del regime negli ultimi anni si è inasprita a causa delle nuove generazioni: giovani donne che hanno trovato il coraggio di chiedere quello che alle loro madri e alle loro nonne era impossibile, chiedere un cambiamento.

La rivolta delle donne – stanche di essere picchiate, torturate e uccise per l’imposizione del velo – ha fatto puntare gli occhi del mondo sull’Iran e sulle inaudite violenze che sono costrette a subire. Sempre meno disposte a dover tollerare, le donne iraniane potrebbero aver innescato una nuova, attesa, rivoluzione. Se questo sarà davvero il punto di svolta per infliggere un duro colpo al regime di Khamenei, solo il tempo potrà dirlo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24

Hai già letto
queste storie?

alfonso signorini fluid

Alfonso Signorini ha sofferto d’amore con le donne

News - Redazione Milano 26.11.23
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
michela marzano intervista video

Dire “io ho subito” significa affermare la propria soggettività: intervista a Michela Marzano – VIDEO

Culture - Federico Colombo 23.10.23
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
Elly Schlein

Donne LGBTI+ e politica: pregiudizi, molestie, violenze, così la resistenza patriarcale tenta di dissuaderle

News - Francesca Di Feo 29.3.24
@nunziadegirolamo

La violenza di genere non è una chiacchierata: la lettera aperta alla RAI

News - Redazione Milano 8.11.23
Greta Gerwig (by Ellen Fedors for Rolling Stone)

Cannes 2024: Greta Gerwig, regista di Barbie, è la presidente della giuria!

Culture - Riccardo Conte 14.12.23
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24