Israele manda un tweet alla comunità LGBTIQ+ a proposito di Hamas dopo la bandiera queer-palestinese

Per Netanyahu questa è una guerra del bene contro il male e la comunità queer dovrebbe schierarsi con Israele.

ascolta:
0:00
-
0:00
palestine queer flag israel x tweet
palestine queer flag israel x tweet
3 min. di lettura

In questi giorni in tutto l’Occidente si svolgono manifestazioni a sostegno di un “cessate il fuoco” a Gaza, dopo che Hamas il 7 Ottobre ha scagliato un violento e ignobile attacco terroristico in terra di Israele, provocando 1.400 morti e infliggendo decapitazioni, stupri, torture, rapendo ostaggi e causando la reazione dello stesso stato di Israele, che ha bombardato con cieca violenza per giorni e giorni la Striscia di Gaza e che sta conducendo una vera e propria invasione di terra.

Nella manifestazioni in corso di svolgimento in tutto il mondo sta prevalendo un certo spirito di supporto alla causa palestinese e purtroppo da quei cortei e slogan emerge, talvolta e per ora in modo fortunatamente circoscritto, un chiaro, visibile e vergognoso spirito anti-semita. Un fantasma del quale il popolo della sinistra di tutto il mondo non riesce a liberarsi.

Il premier di estrema destra Netanyahu – affiliato alla internazionale di destra che sta sconvolgendo le democrazie liberali d’Occidente – ha tuttavia definito l’escalation di guerra scatenata da Israele a Gaza come una guerra del bene contro il male.

Una provocazione dal sapore populista che prova a sedurre la comunità internazionale, in verità sempre meno incline a giustificare la reazione di Israele.

Attualmente il Governo Netanyahu ha una maggioranza di unità nazionale, ma sul quotidiano della sinistra liberal israeliana Haaretz si discute da settimane sull’ipotesi di deporre il primo ministro (per manifesta accusa di neofascismo), storicamente responsabile di aver abbracciato il progetto politico dell’estrema destra ultra-religiosa del partito “Sionismo religioso“, la quale – ricordiamo – aveva parlato di un’associazione tra comunità LGBTIQ+ e nazismo  e che esprime l’attuale ministro Bezalel Smotrich che si è dichiarato fieramente omofobo e per il quale “i Palestinesi non esistono“. È ormai accertato che Netanyahu ha i giorni politicamente contati.

Il tweet/X di Israele recita:

“Non vediamo l’ora di vedere Hamas issare la bandiera arcobaleno su tutta Gaza come segno di ringraziamento per la vostra solidarietà. 

 

 

 

Il tweet/X di Israele prende di mira quella bandiera sventolata in quel momento, in quella piazza di New York, tuttavia è noto il sentimento anti-Israele che serpeggia in chiave pro-Palestina all’interno di un’ampia fetta di comunità LGBTIQ+, in particolare quella politicamente collocata a sinistra.

 

Come mai ci sono così tanti ‘queer PER la Palestina’, ma assolutamente nessun ‘queer IN Palestina’? scrive il ricercatore e imprenditore ebreo Eli David (mezzo milione di follower su X/Twitter)

 

 

Il principio che anima legittimamente un certo popolo queer della sinistra è che non si possono avvallare azioni di violenza e repressione verso il popolo palestinese  – ripetutamente si utilizza a sinistra la parola “genocidio”, forse con troppa superficialità dettata dalla furia attivista inquinata dall’ansia da performance socialnetworkista,? – in nome della difesa dello stato di diritto nel quale le persone queer possono vivere liberamente.

Di contro i sostenitori di Israele difendono quel principio e – come si evince dal tweet di Israele – ricordano che in Palestina – come in tutti gli stati nazione del Medio Oriente – le persone LGBTIQ+ sono perseguitate, in molti casi condotti alla pena di morte per il semplice fatto di essere persone queer. (gf)

 

 

 

 

 

 

Leggi:

Israele mi ha tradito? 

israele

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24

Leggere fa bene

palestina lgbtiq

Commozione per le storie d’amore e lutto della comunità LGBTQIA+ palestinese su Queering The Map

News - Francesca Di Feo 24.10.23
madonna israel palestine

Madonna: quell’amore gay “proibito” tra un palestinese e un israeliano – VIDEO

Musica - Redazione Milano 13.10.23
israele

Israele mi ha tradito?

News - Giuliano Federico 28.10.23
And Just Like That 3, Sara Ramirez licenziata perché ha criticato Israele ed espresso sostegno ai palestinesi? - and just like that - Gay.it

And Just Like That 3, Sara Ramirez licenziata perché ha criticato Israele ed espresso sostegno ai palestinesi?

Serie Tv - Redazione 19.1.24
Sagi Golan e Omer Ohana gayit omosessuali vedovi di guerra

In Israele ora anche gay e lesbiche sono vedovə di guerra, la storia di Sagi e Omer – VIDEO

News - Redazione Milano 13.11.23
israele palestina queer satira

Studenti queer anti-Israele irrisi nel feroce sketch satirico – VIDEO

News - Redazione Milano 8.11.23
FOTO: SONJA FLEMMING/CBS

Grammy 2024, Annie Lennox omaggia Sinead O’Connor e chiede il cessate il fuoco: “Pace nel mondo!” – VIDEO

Culture - Redazione Milano 5.2.24
zerocalcare-fumettibrutti-lucca-comics

Zerocalcare e Fumettibrutti, la grande fuga dal Lucca Comics dopo il patrocinio dell’ambasciata di Israele

News - Francesca Di Feo 31.10.23