L’arcivescovo: i preservativi sono infetti con l’Hiv

Il capo della chiesa cattolica in Mozambico ha accusato alcune ditte di preservativi di infettarli deliberatamente con il virus dell’Hiv.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

L’arcivescovo Francisco Chimoio, alle celebrazioni per i 33 anni di independenza del Mozambico, ha dichiarato alla BBC: «i preservativi non sono sicuri. So per certo che due paesi europei stanno producendo profilattici infettati col virus, e lo stanno facedo consapevolmente».

Il prelato si è rifiutato di rivelare i nomi dei paesi chiamati in causa e ha aggiunto: «Vogliono farla finita col popolo africano. Lo scopo è questo. Vogliono colonizzare il continente e se non staremo attenti il piano sarà completato per la fine del secolo.»

Secondo le utlime stime il 19,2% della popolazione del Mozambico è stata contagiata dall’AIDS e ogni giorno 500 nuove persone si ammalano.

Ti suggeriamo anche 

Passi in avanti sulla lotta all'HIV: una possibile svolta?

Omofobia

DDL Zan, dibattito aberrante da parte dell’opposizione: Lega, FDI e FI a braccetto tra menzogne e benaltrismo

Deputati di Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia tristi protagonisti della prima giornata di dibattito parlamentare sulla legge contro l'omotransfobia.

di Federico Boni