La Fiera delle Illusioni – Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro

Nightmare Alley è un melodramma e al tempo stesso un thriller, un noir con venature horror, un film di spettri e rimpianti, con un brutale protagonista che ispira repulsione, pietà e attrazione, in un'intelaiatura da b-movie d'altri tempi.

La Fiera delle Illusioni - Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro - Nightmare Alley 3 - Gay.it
Cate Blanchett and Bradley Cooper in the film NIGHTMARE ALLEY. Photo by Kerry Hayes. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved
4 min. di lettura

Quattro anni dopo il Leone d’Oro, il Golden Globe, il DGA e i due Oscar vinti con La forma dell’acqua – The Shape of Water, Guillermo del Toro torna finalmente al cinema con La Fiera delle Illusioni – Nightmare Alley, candidato a 8 Critics’ Choice Awards tra cui miglior film e miglior regia, in odore di pioggia di nomination Academy e in uscita il 27 gennaio nelle sale italiane distribuito da The Walt Disney Company Italia.

La Fiera delle Illusioni - Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro - Nightmare Alley 7 - Gay.it
Bradley Cooper in the film NIGHTMARE ALLEY. Courtesy of Searchlight Pictures. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved

Nuovo adattamento cinematografico del romanzo del 1946 Nightmare Alley scritto da William Lindsay Gresham, già portato sul grande schermo nel 1947 da Edmund Goulding, La Fiera delle Illusioni è un seducente noir d’altri tempi, ambientato nell’America degli anni ’30, da poco uscita dalla Grande Depressione e pronta ad entrare in Guerra contro la Germania di Adolf Hitler. Un Paese che vede il proprio celebrato ‘sogno’ disintegrarsi tra le proprie mani.

Indiscusso protagonista Stanton “Stan” Carlisle, interpretato da un ipnotico Bradley Cooper, giovane, bello, ambizioso e misterioso truffatore vagabondo scivolato all’inferno. Non si conosce il suo passato, nè da dove venga. Un giorno questo fascinoso e spietato manipolatore si presenta in un circo di creature deformi, con l’intenzione di arricchirsi, di puntare al mondo intero, al successo, dopo aver appreso/rubato i trucchi del mestiere ad un ex mentalista alcolizzato. Stan punta a truffare l’alta società newyorkese degli anni quaranta, dopo aver soggiogato la virtuosa Molly e affabulato una misteriosa psichiatra, con la quale pianifica un imbroglio ad un miliardario magnate. Assai pericoloso…

Un mondo popolato da mostri, quello pennellato con straordinaria maestria da Guillermo del Toro, a fine 2022 atteso su Netflix con una nuova versione dark e in stop motion di Pinocchio. L’imbonitore Cooper, che si conferma ancora una volta attore poliedrico, di rara bravura e tendenzialmente sottovalutato, è un uomo spaventoso, privo di umanità, con intercambiabili maschere che vanno ad illuminare un volto segnato da avidità, aridità e malvagità. Ma attorno a lui ruotano figure ugualmente terribili, travolte da follia e degrado. Il regista di Cronos dipinge un’America nera, nerissima, in cui pioggia e neve si alternano senza mai lasciar spazio a cieli nitidi, dove la disperazione umana trionfa su tutto, senza cedere terreno a qualsivoglia traccia di speranza.

La Fiera delle Illusioni - Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro - Nightmare Alley 4 - Gay.it
Rooney Mara and Bradley Cooper in the film NIGHTMARE ALLEY. Photo by Kerry Hayes. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved
La Fiera delle Illusioni - Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro - Nightmare Alley 5 - Gay.it
Cate Blanchett and Bradley Cooper in the film NIGHTMARE ALLEY. Photo by Kerry Hayes. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved

Nightmare Alley è un melodramma e al tempo stesso un thriller, un noir con venature horror, un film di spettri e rimpianti, con un brutale protagonista che ispira repulsione, pietà e attrazione, in un’intelaiatura da b-movie d’altri tempi da 60 milioni di dollari di budget. Registicamente sontuoso, con ricche scenografie anni ’40 e sgargianti colori che infiammano ombre, La Fiera delle Illusioni si dipana lentamente tra segreti mai svelati e misteri volutamente taciuti. Uscito negli USA con un divieto ai minori di 17 anni non accompagnati da adulti per la presenza di “scene sanguinolente e violente, contenuti sessuali, scene di nudo e linguaggio volgare”, Nightmare Alley, primo film scritto da Del Toro con sua moglie Kim Morgan, gioca costantemente con l’imbroglio e l’apparenza, tra sensi di colpa mai sopiti e sfrenate ambizioni, mentre l’America devastata dalla Grande Depressione prova a rialzarsi.

Al fianco di un Bradley Cooper da Oscar, magnetico “contadino dai denti dritti” assolutamente convinto di poter sconfiggere persino il fato nascondendosi dietro un costume da sensitivo, si fa strada un’indecifrabile Cate Blanchett, a caccia della sua terza statuetta Academy, con Toni Collette, Willem Dafoe, Richard Jenkins, Rooney Mara, Ron Perlman e David Strathairn a completare un cast perfettamente calibrato.

La Fiera delle Illusioni - Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro - Nightmare Alley - Gay.it
Cate Blanchett in the film NIGHTMARE ALLEY. Courtesy of Searchlight Pictures. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved
La Fiera delle Illusioni - Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro - Nightmare Alley 2 - Gay.it
Rooney Mara and Bradley Cooper in the film NIGHTMARE ALLEY. Photo by Kerry Hayes. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved

Centratura che il film fatica a trovare con la sua ultima parte, la più complessa nel bilanciare colpi di scena e verità nascoste, in un intreccio narrativo che lontanamente ricorda Shutter Island di Martin Scorsese, a cavallo tra realtà e finzione, pazzia, dolore e tragedia. Anche se ambientato tra la fine degli anni ’30 e l’inizio degli anni ’40 del secolo scorso, Nightmare Alley riesce con credibilità a prendere a picconate il capitalismo odierno, la cieca sete di successo che inesorabilmente porta a catapultarci verso gli inferi sfuggendo al lieto fine, ribaltando quel falso mito da sempre chiamato “sogno americano”. Qui visto come autentico incubo ad occhi aperti.

Voto: 7.5

La Fiera delle Illusioni - Nightmare Alley, recensione: Freaks nel cupo Circo della vita di Guillermo Del Toro - Nightmare Alley 8 - Gay.it
Guillermo del Toro, Ron Perlman, Bradley Cooper, Toni Collette, Roony Mara and Mark Povinelli in the film NIGHTMARE ALLEY. Photo by Kerry Hayes. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24

Leggere fa bene

"Estranei" - All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro - 003 001 S 02013 - Gay.it

“Estranei” – All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro

Cinema - Federico Boni 29.2.24
Saltburn è uscito, ecco dove vederlo e cosa sapere - Saltburn - Gay.it

Saltburn è uscito, ecco dove vederlo e cosa sapere

Cinema - Redazione 22.12.23
Settembre 2023, un mese di uscite LGBTQIA+ tra cinema, teatro, serie tv e album - settembre queer - Gay.it

Settembre 2023, un mese di uscite LGBTQIA+ tra cinema, teatro, serie tv e album

Culture - Federico Boni 6.9.23
I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 gennaio tra tv generalista e streaming - film tv gennaio - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 gennaio tra tv generalista e streaming

Culture - Redazione 8.1.24
American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson - American Fiction - Gay.it

American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson

Cinema - Redazione 17.1.24
Saltburn, recensione. Barry Keoghan e Jacob Elordi tra sesso, bugie e satira sociale - Saltburn Jacob Elordi - Gay.it

Saltburn, recensione. Barry Keoghan e Jacob Elordi tra sesso, bugie e satira sociale

Cinema - Federico Boni 19.10.23
Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: "Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure" - Nuovo Olimpo di Ozpetek - Gay.it

Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: “Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure”

Cinema - Federico Boni 22.10.23
amanda Bynes in she's the man

She’s The Man è ancora un (inconsapevole) classico queer del cinema

Cinema - Riccardo Conte 22.11.23