Video

Le Paradis, recensione. I ragazzi perduti e innamorati di Zeno Graton nel Mare Fuori belga

Un istituto di correzione giovanile, due adolescenti travolti dalla passione, con il tempo e lo spazio a giocare contro i loro sentimenti.

ascolta:
0:00
-
0:00
3 min. di lettura

Le Paradis, recensione. I ragazzi perduti e innamorati di Zeno Graton nel Mare Fuori belga - Le Paradis - Gay.it

Presentato in anteprima mondiale alla 73ma Berlinale nella sezione Generation 14plus, Le Paradis dell’esordiente Zeno Graton ha suscitato non pochi e meritati entusiasmi al Lovers Film Festival di Torino, raccontando una storia d’amore adolescenziale in un contesto a dir poco complicato.

Produzione belga/francese, Le Paradis prende infatti forma in un istituto di correzione giovanile, senza mare fuori da ammirare oltre le sbarre bensì con adolescenti costantemente impegnati con lavori manuali, da apprendere in prospettiva futura, quando saranno finalmente liberi di tornare ad una vita lontana dal crimine. Joe, ormai quasi maggiorenne, si sta preparando per il suo ritorno in società, senza genitori ad aspettarlo e per questo tremendamente incerto, impaurito, su come possa essere il quotidiano oltre quel cancello, in solitudine e totale autonomia. Tutto cambia quando all’interno dell’istituto arriva William, coetaneo taciturno e appassionato di disegno che fa sua la cella accanto. Tra i due scatta subito una palpabile alchimia, che si fa presto ardente passione.

Le Paradis, recensione. I ragazzi perduti e innamorati di Zeno Graton nel Mare Fuori belga - Le Paradis - Gay.itLe Paradis, recensione. I ragazzi perduti e innamorati di Zeno Graton nel Mare Fuori belga - Le Paradis 2 8 - Gay.it

Lezione dopo lezione, tra fotografia, disegno, danza e rap, Joe e William maturano insieme, fianco a fianco, scoprendo di provare sentimenti fino a quel momento mai abbracciati, nè sfiorati, diventando dipendenti l’uno dell’altro.

Meglio essere liberi da lacciuoli sentimentali o legati da un desiderio irrefrenabile che si può chiamare amore? Dovendo necessariamente scegliere l’uno o l’altro, quale strada prendere? Come gestire il paradosso del dover rinunciare a qualcosa, pur di essere finalmente liberi?

Domande centrali nel primo splendido film di Zeno Graton, 33enne che ha trattato con estrema grazia, sia estetica che narrativa, il primo amore di due adolescenti alla deriva, divisi dal muro di una cella e inevitabilmente separati da un contesto che non autorizza simili rapporti di coppia. Graton sta addosso ai suoi giovani protagonisti, con una macchina a mano che osserva da vicino le emozioni vissute da minorenni ingabbiati in vite troppo presto andate incontro ad inciampi dalle conseguenze spesso devastanti.

Khalil Gharbia e Julien de Saint Jean (visto anche in Arrête avec tes mensonges, sempre in gara al Lovers) sono straordinariamente bravi e credibili nel dare forma ad una storia d’amore che oscilla tra dolcezza e rabbia, istinto e pentimento, travolgente passione e inevitabile paura. Costretti a tacere un rapporto nato all’improvviso, Joe e William lo vivono segretamente ad ogni occasione che capita loro, cedendo all’amore fisico lontani da occhi indiscreti, pur consavoli che tempo e spazio non giochino a loro favore. Perché Joe si appresta ad uscire, mentre occhi indiscreti li monitorano quasi h24, negando loro la possibilità di vivere liberamente emozioni che obbligatoriamente devono limitarsi a sorrisi e sguardi sognanti.

A differenza del nostro Mare Fuori, fenomeno televisivo sempre più inarrestabile che nell’ultima stagione andata in onda su Rai2 ha palesato anche una sottotrama gay, l’istituto di correzione giovanile di Le Paradis è meno romanzato e fortunatamente tenuto lontano da stereotipi criminali, meno fiction e più delicato nel gestire realtà adolescenziali che necessitano di regole ed educazione, sociale, professionale e perché no, persino sentimentale. Graton ha inoltre il merito di non aver ceduto ad un finale fastidiosamente scontato, scegliendo una strada dolceamara, impulsiva, coraggiosa, dolorosa ma al tempo stesso bagnata da onde di improvvisa felicità, con la libertà di amare a vincere su tutto, sempre e comunque. Costi quel che costi.

Le Paradis, recensione. I ragazzi perduti e innamorati di Zeno Graton nel Mare Fuori belga - Le Paradis 3 1 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

Ti Porto Con Me, arriva su Netflix l'acclamato film queer messicano - I Carry You with Me - Gay.it

Ti Porto Con Me, arriva su Netflix l’acclamato film queer messicano

Cinema - Redazione 11.12.23
Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei - All of Us Strangers (VIDEO) - All of Us Strangers - Gay.it

Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei – All of Us Strangers (VIDEO)

Cinema - Redazione 26.1.24
Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer - Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos 2 - Gay.it

Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer

Cinema - Redazione 27.3.24
Wish, esce al cinema il nuovo classico animato Disney con le voci di Gaia e Amadeus - WISH ONLINE USE 390.0 107.00 frame56 2K - Gay.it

Wish, esce al cinema il nuovo classico animato Disney con le voci di Gaia e Amadeus

Cinema - Redazione 19.12.23
Rai3 celebra il 17 maggio con la prima tv di Il Signore delle Formiche di Gianni Amelio, film sul "caso Braibanti" - il Signore delle Formiche - Gay.it

Rai3 celebra il 17 maggio con la prima tv di Il Signore delle Formiche di Gianni Amelio, film sul “caso Braibanti”

Cinema - Redazione 17.5.24
Luca Guadagnino adatterà per il Cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli - Luca Guadagnino adattera per cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli - Gay.it

Luca Guadagnino adatterà per il Cinema Camere separate di Pier Vittorio Tondelli

Cinema - Redazione 14.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
Cannes 2024, sarà Palma d'Oro per il musical trans-gangster Emilia Pérez di Jacques Audiard? - Emilia perez poster 1 - Gay.it

Cannes 2024, sarà Palma d’Oro per il musical trans-gangster Emilia Pérez di Jacques Audiard?

Cinema - Federico Boni 21.5.24