Le persone transgender si iscrivono a Miss Italia e il sistema va in tilt

La comunità risponde in massa al regolamento transfobico di un concorso che continua a tirarsi la zappa i piedi.

ascolta:
0:00
-
0:00
miss trans international
miss trans international
2 min. di lettura

Lo scorso 17 Luglio Patrizia Mirigliani ha messo le cose in chiaro: niente donne trans* a Miss Italia. Il concorso ammetterà solo donne “che lo son fin dalla nascita”, ha sottolineato l’organizzatrice dell’evento, aggiugendo che (per carità) lei non ha nulla contro le persone transgender, ma questo è così dall’alba dei tempi e non possiamo inventarci “strategie assurde”.

A differenza dei concorsi internazionali (vedi la vittoria di Rikkie Valerie Kollé in Olanda), nel 2023 Miss Italia rimarca non solo la propria natura anacronistica, ma anche un po’ di sana transfobia per mantenere salda la tradizione.

Così la comunità ha agito d’astuzia: Federico Barbarossa, ragazzo transgender si è iscritto a Miss Italia col proprio deadname, attenendosi (letteralmente) al regolamento che vuole solo concorrenti “assegnate femmine alla nascita.

Barbarossa ha dato il via alla risposta collettiva, con una valanga di persone transgender e non binarie che si sono iscritte in massa al concorso, mandando in tilt il sistema.

Un gesto di scherno per dimostrare che il genere è solo un costrutto sociale da smontare e ribaltare, mettendo una mano sul cuore di Mirigliani e la sua vetusta manifestazione.

Come ha fatto Marte Pezzatini, attore transgender e drag king, che si è presentato al casting di Roma indossando make up, fascia su scritto ‘Miss Gendering‘ sopra il body, tacchi alti e peli sulle gambe.

Alla giuria ha regalato dei volantini con su scritto ‘w la pace nel mondo’ e ‘attenzione la transfobia imbruttisce, l’inclusività è antiossidante‘ dedicati “amorevolmente a Patty Mirigliani”: “Se voi pensate che il vostro parlare di biologia sia giusto, vi fa passare solo come un branco di scemi” ha dichiarato Marte durante i casting, evidenziando che la biologia non prevede solo uomo o donna, ma uno spectrum molto più ampio che va ben oltre ‘maschio’ o ‘femmina’.

In quel quarto d’ora, la sala casting che ha rimbalzato ogni responsabilità a Mirigliani, dichiarando di non avere nessun potere sul regolamento: “Ma se voi interni non avete potere, figuratevi noi” ha risposto Pezzatini “Se non cambiate il regolamento, noi continueremo ad intralciarvi il lavoro e farvi perdere tempo“.

Come spiega Gianleone Orvieto, attivista e militante transgender, è ovvio che la liberazione transgender non avverrà attraverso l’iscrizione a Miss Italia. Ma quel regolamento – stantio e fuori tempo massimo – riflette un’invisibilizzazione sistemica che ricade ogni giorno su un’ampia parte della comunità: “In Italia, una volta rettificati i documenti e quindi la lettera M o F, smetti ddi esistere con la lettera che ti era stata assegnata alla nascita. Ma il tuo corpo no, questo si ripercuote ad esempio a livello sanitario spiega Orvieto “Quando questo succede in un concorso frivolo come Miss Italia, ridiamo del fatto che uomini trans possono parteciparvi, ma quando questo lede il diritto alla salute diventa una questione più seria. Miss Italia è solo un pretesto per mostrare quanto le persone trans* siano invisibilizzate dal sistema binario e cisgender”.

Per alcune femministe (cisgender) le donne transgender non dovrebbero nemmeno preoccuparsi di partecipare ad un concorso come Miss Italia, perché non solo transfobico, ma anche patriarcale, classista, e grassofobico dagli antipodi –  ma Orvieto sottolinea che l’autodeterminazione non è uguale per tuttə: “C’è una tendenza  a una universalizzazione egemonica degli standard, ma contestualizzare le lotte è alla base dell’approccio intersezionale” spiega a Gay.it “Non si può applicare lo stesso standard per persone cisgender e transgender, semplicemente perché le seconde passano per violenza istituzionale e sociale per il solo fatto di vuole affermare il proprio genere, che per le prime è invece scontato”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
johnwhite 29.7.23 - 12:50

Per quanto presumo sia stato fatto per provocazione nulla... si potrebbe farlo davvero Mr. Italia Trans se i numeri sono buoni. Mi pare il bodybuilding ha già una sezione.

Trending

Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron - La bellissima storia di Kenny e Aaron - Gay.it

Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron

Culture - Redazione 29.2.24

Hai già letto
queste storie?

Pacemaker, il bellissimo ed emozionante corto animato con protagonisti un nonno e suo nipote trans (VIDEO) - Pacemaker il bellissimo ed emozionante corto animato con protagonisti un nonno e suo nipote trans VIDEO - Gay.it

Pacemaker, il bellissimo ed emozionante corto animato con protagonisti un nonno e suo nipote trans (VIDEO)

Culture - Federico Boni 17.11.23
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
Stati Genderali

Contro la violenza di Stato corteo nazionale degli Stati Genderali a Bologna

News - Redazione Milano 17.10.23
Peter Tatchell attivista LGBTIQ+ arrestato Mumbai Olimpiadi 2036

“Le Olimpiadi 2036 spartite tra dittature che violano diritti”: arrestato l’attivista LGBTIQ+ britannico Peter Tatchell

News - Redazione Milano 15.10.23
rischi sunak twitter

Regno Unito, Rishi Sunak vuole cestinare la legge contro le teorie riparative

News - Redazione 27.9.23
Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo - stella cadente 2 - Gay.it

Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo

News - Redazione Milano 13.11.23
Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24
Lia Thomas nella storia: prima nuotatrice trans a vincere alla NCAA

La categoria “open” alla Coppa del Mondo di nuoto è stata cancellata perché nessunə si è iscrittə

Corpi - Redazione 5.10.23