Intervista alle Rivoltelle, il gruppo di musiciste escluse dalla festa di paese “perché lesbiche”

“Sono lesbiche e questa è una festa religiosa e quindi potrebbero offendere la morale cattolica di ogni singolo cristiano facente parte di questa comunità": questo si sono sentite dire.

Intervista alle Rivoltelle, il gruppo di musiciste escluse dalla festa di paese "perché lesbiche" - rivoltelle - Gay.it
3 min. di lettura

Rossano Calabro, Provincia di Cosenza. Le Rivoltelle, una rock band cittadina di sole donne con una lunga esperienza musicale, è stata esclusa da una festa di paese con la seguente motivazione:

sono lesbiche e questa è una festa religiosa e quindi potrebbero offendere la morale cattolica di ogni singolo cristiano facente parte di questa comunità”.

Elena, Alessandra, Paola e Angela sono state discriminate nel 2016 per i loro presunti gusti sessuali, non per mancanza di talento, e dopo questo ennesimo episodio hanno deciso di denunciare quanto accaduto. Noi di Gay.it abbiamo intervistato Elena per capire un po’ meglio com’è andata la questione e cosa pensano Le Rivoltelle su alcuni temi caldi degli ultimi tempi.

Rossano Calabro, secondo Wikipedia, è un comune di 36842 abitanti, come molti altri in Italia. Che tipo di festa era quella a cui dovevate suonare?

Era una festa religiosa.

Davanti a chi sono state pronunciate le parole con le quali si cancellava la vostra data, in che luogo e in che modo si è sparsa la voce dopo in Paese?

Durante lo svolgimento di una riunione cui presenziavano il nostro impresario di zona e il comitato organizzativo della festa. La notizia è diventata virale e si è propagata nel paese dopo la mia nota sulla nostra pagina Facebook, Le Rivoltelle.

La frase di Elena Palermo: “Cara signora, finché la Calabria sarà abitata da persone come lei sarà ancora più forte, feroce e stimolante la nostra rivoluzione” che condividiamo appieno, a chi si rivolge? Chi è la signora Maria Antonietta?

La nostra rivoluzione vuole combattere ogni tipo di pregiudizio e discriminazione ed è rivolta a chi impedisce la libertà di espressione. Sappiamo che la signora Maria Antonietta fa parte del comitato organizzativo ma non siamo a conoscenza di altro su di lei.

Le-Rivoltelle-band-femminista-sud-italia

Iniziamo con le domande più personali… Siete femministe? Prima la lotta al sessismo o quella contro l’omofobia?

Se per femminismo intendiamo emancipazione e liberazione della donna e rivendicazione dei diritti civili, sociali e politici del genere femminile…decisamente sì. Lottiamo allo stesso modo e con la stessa forza contro i pregiudizi sessisti e omofobi e crediamo che vadano combattuti entrambi in modo deciso e senza riserve.

Chi di voi è davvero lesbica ha fatto coming-out in famiglia? Vive o vivete il lesbismo, le relazioni e l’amore alla luce del sole calabro?

Abbiamo scelto da sempre di tutelare le nostre vite private e di vivere la nostra sessualità liberamente ma in una dimensione intima e personale. Non abbiamo mai ritenuto necessario dichiarare i nostri gusti o le nostre preferenze sessuali.

A che livello di sessismo e omotransfobia è Rossano secondo voi, rispetto a Cosenza? E rispetto al resto dell’Italia? Vi sembra che le persone non etero vivano o reprimano la propria identità sessuale e/o il proprio orientamento?

Più ci si allontana dal centro e più si fa fatica a metabolizzare alcuni concetti e a liberarsi da preconcetti e pregiudizi. Credo sia una questione culturale che poco ha a che vedere con il sud ma che riguardi piuttosto un tipo di crescita che può essere aiutata e alimentata da una dimensione e da un respiro universale che è più facile avere in una grande città. Siamo comunque dell’idea che sia difficile per le persone non etero vivere apertamente e liberamente la propria identità sessuale in una piccola provincia.

Infine, leggendo il vostro comunicato non abbiamo potuto fare a meno di notare che i plurali sono tutti al maschile, tendenza che si sta un po’ invertendo forse negli ultimi mesi, specie dopo le elezioni di due sindache donne a Roma e Torino per le quali il quesito è stato se farsi chiamare “sindaco” o “sindaca”. Che cosa ne pensate voi del sessismo nella nostra lingua e quanto, secondo voi, è importante il linguaggio per abbattere il patriarcato?

Amo molto la lingua italiana e credo sia giusto che il linguaggio, fonte principale della comunicazione, sia rispettoso del genere femminile e maschile e che quindi smetta di tramandare pregiudizi negativi nei confronti delle donne.

Concludiamo questa bella intervista con “Taglia 38“, il manifesto rock dove Le Rivoltelle denunciavano i problemi dell’anoressia e della bulimia, temi sui quali si sono spese per molto tempo. Il videoclip è ispirato alla vicenda di Mariafrancesca Garritano (presente nel video), la cosentina licenziata dal Teatro La Scala dov’era ballerina solista, per aver avuto il coraggio di denunciare il dilagare dell’anoressia nel mondo della danza.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 3.8.16 - 22:02

Di sicuro in vacanza o per turismo io non ci vado da quelle parti i miei soldi non li vedono

Trending

10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Grande Fratello 2023 - Alfonso Signorini

Al via i casting per la nuova edizione del Grande Fratello: il prossimo potresti essere tu!

Culture - Luca Diana 29.5.24
Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv? - 300 - Gay.it

Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv?

Serie Tv - Redazione 30.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24

Hai già letto
queste storie?

Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
Billie Eilish arriva in concerto in Italia

Billie Eilish e la vagina: “Innamorata delle ragazze da sempre, ecco come l’ho capito”. Annunciata l’unica data italiana del tour

Musica - Emanuele Corbo 30.4.24
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024 - Sessp 24 - Gay.it

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024

Musica - Federico Colombo 31.1.24
Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia

Chi è Daria Kasatkina, tennista LGBTI russa che critica la Russia di Putin e solleva dubbi sulla finale WTA in Arabia Saudita

Corpi - Francesca Di Feo 30.4.24