Libero, l’omofobia non paga – Ristora toglie la propria pubblicità (e un’edicola si rifiuta di venderlo)

Fuga degli sponsor da Libero dopo l'indecente prima pagina di ieri. Ristora sbatte la porta dopo l'ennesima polemica.

Libero, l'omofobia non paga - Ristora toglie la propria pubblicità (e un'edicola si rifiuta di venderlo) - Libero lomofobia non paga - Gay.it
3 min. di lettura

Chi l’ha detto che l’importante è che se ne parli?

Il modo, persino nel 2019, ha sempre un suo peso. Se ne saranno resi conto nella redazione di Libero, nella giornata di ieri travolta dall’ennesima bufera per l’ennesimo titolo provocatorio, nonché omofobo. L’Ordine dei giornalisti si è detto indignato, dal Governo hanno annunciate immediati interventi e dall’opposizione hanno fatto fuoco e fiamme, così come le associazioni LGBT, da 24 ore in trincea. Ma è dinanzi alla decisione di Ristora, marchio di bevande solubili che fa capo all’azienda bresciana Prontofoods, che in casa Libero hanno probabilmente percepito di averla fatta fuori dal vaso.

Ristora ha infatti comunicato di voler ritirare le proprie pubblicità da Libero, diretto da Pietro Senaldi (direttore responsabile) e Vittorio Feltri (direttore editoriale). In testa al quotidiano non comparirà più il marchio, come annunciato a Lettera43.it da un portavoce dell’azienda.

«Abbiamo ricevuto una valanga di critiche ma anche di insulti, ed è la terza o quarta volta che succede per un titolo di Libero. Ci hanno detto che siamo conniventi, ma noi pianifichiamo e compriamo la pubblicità con programmi trimestrali e non possiamo certo conoscere i titoli in anticipo». «Senza entrare nel merito dei contenuti dell’articolo non vogliamo in nessun modo che il nostro nome venga accostato a quello di Libero. Abbiamo chiamato il giornale, ci avevano detto che forse non era tecnicamente possibile togliere la pubblicità dal giornale già a partire dall’edizione in edicola il 24 gennaio. Abbiamo insistito e abbiamo chiesto che il logo di Ristora venisse eliminato già a partire da quella data».

Libero, l'omofobia non paga - Ristora toglie la propria pubblicità (e un'edicola si rifiuta di venderlo) - libero 2019 01 24 5c491eb1ebb36 - Gay.it

E così è stato, visto che nella prima pagina di questa mattina, in cui il direttore Pietro Senaldi veste gli abiti della vittima con un editoriale urlato in cui parla di ‘massacro mediatico’ ai danni del quotidiano, compare Immobildream, proprio nello spazio fino a ieri riservato a Ristora.

Una fuga degli sponsor che Daniele Viotti, europarlamentare del Partito democratico, aveva chiesto a gran voce, sui social, appellandosi proprio al marchio di bevande solubili. “Ho deciso di scrivere a Ristora per chiedergli di dissociarsi immediatamente dal vergognoso titolo di Libero di oggi e di valutare se continuare la sponsorizzazione di quel giornale che da anni semina odio e istiga alla discriminazione. L’ho fatto perché quando parlo di responsabilità sociale delle imprese intendo anche che le aziende hanno il dovere di schierarsi, di dire a quale clientela si rivolgono e che modello economico hanno in mente. Ho scritto per la mia dignità, per la dignità delle persone LGBTI, per la dignità di tutte le minoranze colpite a colpi di clava ripetutamente da Libero. Il mio è un piccolo gesto: non comprerò più – e chiederò a tutti di fare altrettanto – prodotti Ristora fino a quando l’azienda non prenderà distanza dalle posizioni del giornale“.

Distanze prese, pubblicità rimossa. Perché l’omofobia, persino in Italia, non paga, come ribadito da un’edicola di Mantova che, come segnalato da I Sentinelli di Milano e daArcigay La Salamandra, si è letteralmente rifiutata di vendere la copia dello scandalo. Applausi.

Libero, l'omofobia non paga - Ristora toglie la propria pubblicità (e un'edicola si rifiuta di venderlo) - 50523378 1120396928142726 1065319685190320128 n - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
lucaiacopino94gmailcom 24.1.19 - 9:52

Indignato. NO WORDS! Perché la gente non impara a guardare nel proprio orticello? Comunque personalmente su Instagram ho segnalato la loro storia dove hanno pubblicato il giornale di oggi penso dove evidenziavano l'articolo in cui si difendevano dagli "attacchi mediatici", e Instagram l'ha rimossa immediatamente. Segnalate sempre per molestie e incitazione all'odio è l'unica via!

Trending

Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Carolina Morace

Europee 2024, intervista a Carolina Morace (M5S): “Pace e diritti, sì alla GPA regolamentata. Atlete trans? È difficile”

News - Federico Boni 13.5.24
locali gay a bari 2024

Guida queer di Bari e provincia: serate e locali friendly, festival LGBTIQ+, saune e luoghi di cruising

News - Gio Arcuri 19.2.24
Marciona Pride 2024 il 21 Giugno a Milano

Marciona Pride 2024: venerdì 21 giugno torna la “marcia in/festa/zione” di Milano

News - Redazione 27.5.24
Harvey Milk

94 anni fa nasceva Harvey Milk, l’uomo che voleva “reclutarci tuttə”

News - Federico Boni 22.5.24
bergamo pride 2024, il 15 giugno

Bergamo Pride 2024: il 15 giugno

News - Redazione 11.2.24
roma-svastica-locandina-manifestazione-trans

Roma, svastica sulla locandina della manifestazione trans* del 18 maggio

News - Francesca Di Feo 14.5.24
Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com'è andata - GALLERY - torino pride 2024 17 - Gay.it

Torino Pride 2024, i 150.000 volti della lotta intersezionale: ecco com’è andata – GALLERY

News - Francesca Di Feo 17.6.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è il pericolo più brutto del nostro tempo”

News - Redazione 1.3.24