Luxuria: “Mordetevi la lingua prima di dire che schifo”

In collegamento con la trasmissione di R101 condotta da Desi e Davoli, Vladimir Luxuria ha ribattutto punto per punto alle affermazioni dei due a proposito di Gabriele e della transessualità.

Luxuria: "Mordetevi la lingua prima di dire che schifo" - vladi101BASE 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Luxuria: "Mordetevi la lingua prima di dire che schifo" - vladi101F1 - Gay.it

La puntata di ieri sera della trasmissione di R101 condotta da Alberto Davoli e Dario Desi, la stessa durante la quale, il 18 marzo scorso uno dei conduttori (Desi, ndr) si era espresso dicendo "che schifo" a proposito della transizione di Gabriele Belli, è iniziata con la cronaca del caso sollevato da Gay.it su segnalazione di un ascoltatore del programma. In collegamento telefonico, Vladimir Luxuria, tirata in causa sia dalla radio che dai due conduttori quasi a garanzia di estraneità a qualsiasi forma di omofobia o transfobia.

Luxuria: "Mordetevi la lingua prima di dire che schifo" - R101F2 - Gay.it

"Intanto non ve la cavate con il fatto che in radio ci lavora Vladimir Luxuria, che lo fa per volere del direttore – inizia l’ex parlamentare, con tono scherzoso -. Io non sono per il pensiero unico, ognuno può pensarla come vuole, però la prossima volta prima di dire ‘che schifo’ di fronte alle scelte dirette delle persone, che comportano anche sofferenze, mordetevi la lingua. (..) Quello che contesto è il linguaggio. Una cosa del genere la puoi sentir dire da una persona qualunque, ma non da chi lavora in una prestigiosa radio". "E’ un linguaggio – ha aggiunto Luxuria con una battuta – che mi fa cadere i peli dalle gambe". Appellatisi alla libertà di espressione i conduttori portano Luxuria a spiegare che "bisogna avere rispetto per chi sceglie di adeguare il corpo all’anima, seguendo un percorso che non è come bere un bicchier d’acqua e richiede sacrifici e sofferenze".

Luxuria: "Mordetevi la lingua prima di dire che schifo" - R101F1 - Gay.it

I due conduttori, a questro punto, chiedono se forse l’avere rispetto comprende non affrontare certi argomenti "alle cinque del pomeriggio".
"Ma perché? La censura è quello che crea pregiudizio. Bisogna parlare di tutto, ma bisogna vedere come se ne parla. Abbiamo vissuto epoche in cui anche pronunciare la parola omosessuale o transessuale in televisione era impossibile. Dieci anni fa io me lo sarei sognata di apparire in televisione, di partecipare a un reality, di condurre una trasmissione in radio. Quindi, forse, è anche grazie ad un’apertura mentale che oggi si può parlare di certe cose anche alle tre del pomeriggio o alle nove di sera. Nelle parole di Barbara d’Urso di Gabriele, in quello spezzone di audio, non c’era nulla di volgare o diseducativo".

Luxuria: "Mordetevi la lingua prima di dire che schifo" - Gay.it

Lo scambio di battute e opinioni è durato ancora, mostrando anche un po’ di confusione sulla differenza tra omosessuali e transessuali, ovvero tra orientamento sessuale e identità di genere, e con qualche accusa di scarsa tolleranza del mondo gay nei confronti di chi la pensa diversamente (con riferimento ai commenti alla vicenda apparsi sul forum di Gay.it). "Non penso che sia così – ha risposto Luxuria -, ma voi non potete pensare che se pestate il piede a qualcuno questo non dica ‘ahi’. Se qualcuno mi dice ‘che schifo’, non si può pensare che la cosa passi sotto silenzio e che nessuno se ne accorga o che se qualcuno lo fa notare al portale più importante, Gay.it, non venga commentato. Io sono contenta che ci sia questa dialettica. Molto probabilmente quindici anni fa questo vostro ‘che schifo’ sarebbe passato inosservato e le reazioni non sarebbero state notate. Fino a vent’anni fa dovevamo incassare offese e un linguaggio volgare senza poterci difendere o senza che le nostre risposte venissero prese in considerazione. Ora, invece anche le nostre reazioni vengono registrate e da questo punto di vista sono ottimista".

Luxuria: "Mordetevi la lingua prima di dire che schifo" - Gay.it

L’intervento di Vladimir in trasmissione si chiude con una battuta a Dario Desi, autore dell’ormai famigerato "che schifo": "Senti, tu dovresti essere incazzato nero con la natura prima di parlare di ‘contronatura’. Guardati allo specchio e pensa che non sempre tutto ciò che è naturale è positivo".

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24
elezioni-argentina-reazioni-comunita-lgbtqia

“L’Argentina rischia la regressione come l’Italia, ma non passeranno”: la comunità LGBTQIA+ Argentina e l’elezione di Javier Milei – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
milano pride 2024, il 29 giugno

Milano Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 18.12.23
gen z gerenazione zeta

Gli americani della generazione Z hanno maggiori probabilità di essere LGBTQIA+ che repubblicani

News - Federico Boni 26.1.24