MARINAI A TEATRO

"Querelle" di Jean Genet ha debuttato a Palermo, per la regia di Antonio Latella. Che mette in scena una trilogia da non perdere: ecco le date e le città.

MARINAI A TEATRO - querelle latella01 - Gay.it
4 min. di lettura

PALERMO. Jean Genet (1910-1968) scrisse "Querelle" nel 1947. Tre anni prima, in carcere, aveva dato alla luce: "Notre-dame-des-fleur"; il manoscritto gli fu sottratto dalle autorità carcerarie e distrutto, e Genet lo riscrisse affidandosi alla sua tenacia e memoria.

MARINAI A TEATRO - querelle latella02 - Gay.it

Le immense opere del drammaturgo francese, le cui spoglie riposano affacciate sul mare vicino a Larache, in Marocco sono da sempre studiate, rappresentate in molti teatri del globo, stampate, applaudite.

E applauditissimo da critica e pubblico è stato il "Querelle" messo in scena da Antonio Latella, al Teatro Garibaldi di Palermo, con la collaborazione del Teatro Nuovo di Napoli. Il teatro palermitano rischia peraltro la chiusura, causata dall’incuria e dagli spregevoli giochi di potere di un centro-destra che ha oggi il totale controllo dell’isola.

MARINAI A TEATRO - querelle latella03 - Gay.it

Latella, un bravo regista che ha lavorato su Shakespeare, ora si cimenta in questa trilogia di Genet: "Stretta Sorveglianza"; "I Negri"; "Querelle", conquistando i palermitani in uno dei loro più antichi teatri. «Genet – dice il regista – ha sempre pensato i suoi teatri rappresentati in un cimitero o tra le macerie. Il Teatro Garibaldi sembra studiato per mettere in scena i lavori del drammaturgo d’oltralpe». L’opera, per stessa ammissione di Latella, non ha nulla della versione cinematografica di Fassbinder, sul marinaio approdato a Brest, mentre raccoglie nei colori dalle tinte sfumate e morbide, aliti d’ispirazione da Lindsay Kemp.

MARINAI A TEATRO - querelle latella04 - Gay.it

La scenografia firmata da Mela Dell’Erba ha trasformato l’intero teatro in una "feria"; un locale notturno berlinese attraversato al centro da una lingua rossa che taglia lo spazio scenico su cui si muovono gli attori. Ai lati sono sistemate le sedie con tavolinetti dove si accomoda il pubblico, creando così uno spazio unico. Come ha reagito Palermo? «Inizialmente eravamo spaventati – racconta Latella – chiaramente il pubblico è diverso da quello che va a vedere Carlo Cecchi, che fa un teatro garantito. Il nostro è un pubblico di ragazzi, molte signore e tanti gay che a Palermo, con coraggio, si stanno rendendo visibili».

MARINAI A TEATRO - querelle latella05 - Gay.it

"Querelle" impegna 23 attori, per tre ore e mezza di spettacolo. La scena iniziale è affidata ad un funambolo che celebra l’atto preparatorio: ("Bisogna morire, prima di entrare in scena"); e a ricordare quello che disse Genet stesso: "Il pubblico è la bestia che viene ad immolarsi ogni sera". Antonio Latella ha mantenuto la liricità del testo/testamento di Genet, sublimandolo al Divino prima di una ineluttabile ridiscesa negli inferi.

Encomiabile Seblon (Danilo Nigrelli); Querelle (Rosario Tedesco) e tutti gli altri. Bravissimi! Gli incontri d’amore e sesso avvengono in un silenzio quasi sacrale.

MARINAI A TEATRO - querelle latella06 - Gay.it

Ma è una compagnia omosessuale? «Assolutamente no – precisa Federico Bellini – Antonio ha qualche bravissimo attore gay, ma le scene di sesso sono fatte da giovani eterosessuali che si sono spogliati così delle loro identità». L’unica donna, Madame Lysiane (Sabrina Jorio) è lì per riscattarsi ed additare gli omosessuali, rei di aver rinnegato la donna. La vendetta beffarda è simile ad una fatwa: ella entra in quei corpi maschili imponendo gestualità e parvenze femminili. Due sferzanti citazioni, fanno da corollario; la prima appartiene ad Heiner Müller, sulla Francia: ("Si condanna l’omosessualità come pornografica, ma è la cultura odierna ad esserlo; pornografica è la guerra. Questa Francia che non è capace di fare la rivoluzione, perché non è capace di fare sesso"). L’altra, non meno riflessiva, è tratta da "Frammenti" di Carmelo Bene, recitata da un attore en travesti (Marco Cacciola). Così Antonio Latella ci riconsegna il valore letterario e la classicità di Jean Genet, passato tra mille prigioni, con i suoi fantasmi di sesso e sangue, abbandono metafisico ed esaltazione suprema del bene e del male.

L’impegno futuro che attende il giovane regista, sarà un altro autore non meno "pericoloso": Pier Paolo Pasolini. Per ora, dopo Palermo, la trilogia di Jean Genet andrà al Teatro Nuovo di Napoli: "Stretta Sorveglianza" (dal 2/10); "I Negri" (dal 14/10); "Querelle" (dal 24/10). Dal 4 al 10 novembre la compagnia andrà al Festival dei Teatri d’Europa a Villeurbanne, in Francia.

di Mario Cirrito

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
"La Nostra Raffaella", sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video) - La Nostra Raffaella spot - Gay.it

“La Nostra Raffaella”, sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video)

Culture - Redazione 21.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

"Fiesta", il ritorno in teatro dell'omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l'intervista all'autore e regista Fabio Canino - Snapinsta.app 409955584 18303087 1 - Gay.it

“Fiesta”, il ritorno in teatro dell’omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l’intervista all’autore e regista Fabio Canino

News - Gio Arcuri 30.12.23
ROCKY HORROR SHOW

Perché Rocky Horror Picture Show è ancora uno spettacolo senza tempo

Culture - Riccardo Conte 27.11.23
Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale - Lorenzo Licitra e Gesu - Gay.it

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale

Culture - Redazione 28.2.24
Tootsie, Paolo Conticini sarà Dorothy a teatro - Tootsie Paolo Conticini sara Dorothy a teatro - Gay.it

Tootsie, Paolo Conticini sarà Dorothy a teatro

Culture - Redazione 30.4.24
Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24
Ho paura torero, Lino Guanciale è una Fata a teatro nel capolavoro queer di Pedro Lemebel - Ho Paura Torero - Gay.it

Ho paura torero, Lino Guanciale è una Fata a teatro nel capolavoro queer di Pedro Lemebel

Culture - Redazione 11.1.24
Holland Taylor e la dolcissima reazione alla prima nomination ai Tony dell'amata Sarah Paulson - Sarah Paulson festegglia gli 80 anni dellamata Holland Taylor - Gay.it

Holland Taylor e la dolcissima reazione alla prima nomination ai Tony dell’amata Sarah Paulson

Culture - Redazione 2.5.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24