Milano, parla l’uomo aggredito dal vicino omofobo con una sega

Omofobo e razzista, l'uomo 50enne che ha aggredito il web designer teneva addirittura la porta di casa aperta, per vedere che entrava e usciva dal palazzo, e aggredire chi non gli andava a genio.

ragazzo gay omofobia Cagliari aggressione milano donna trans pescara ragazza trans
Aggressione omofoba da parte di un branco.
2 min. di lettura

Igor, web designer 44enne di Milano, ha raccontato al Corriere come viveva all’interno del condominio, “assediato” dal vicino omofobo, che venerdì lo ha aggredito con una sega. “Non è esistenza, questa“: le parole di Igor, ripensando a quanto ha dovuto passare negli ultimi due anni. Due anni di terrore, che ha vissuto da prigioniero in casa sua. Ad essere perseguitati, erano lui e il suo compagno, ma anche i suoi parenti, gli amici che andavano a trovarli, chiunque entrasse nel loro appartamento.

Per proteggersi, aveva installato anche una telecamera fuori dalla porta di ingresso. Solo così poteva uscire con la sicurezza che Edoardo Pucci, l’omofobo ora in stato d’arresto, non lo stesse aspettando. Per essere più sicuro, Igor aveva sempre in tasca lo spray al peperoncino, che già avevo utilizzato contro l’aggressore. A gioire per l’arresto non sono solo Igor e il suo fidanzato, ma anche molti condomini. Tutti sapevano quel che faceva il 50enne, già accusato di stalking dalla sua ex fidanzata.

I trascorsi dell’aggressore omofobo di Milano

Pucci, in passato, non si era accanito solo verso la coppia gay. Aveva insultato anche una famiglia egiziana e un vicino di origine marocchina, che vivevano nello stesso condominio. E teneva sempre la porta dell’appartamento aperta per vedere chi entrava e usciva dal palazzo, aggredendo chi non gli andava a genio. Una vita povera e disperata, quella di Edoardo Pucci. Igor, invece, pacato e con un lavoro soddisfacente, ha già spiegato che non intende sporgere denuncia. E spiega anche il perché:

Lui non ha un lavoro, una casa di proprietà, una macchina, non ha nulla, e dunque finirà che, nel caso, dovrò rifarmi sui suoi poveri genitori e no, non mi va proprio. Non hanno responsabilità.

Nel condominio di Milano, ora si vive con meno angoscia. In particolare per Igor, che a causa di Pucci ha dovuto anche modificare i suoi comportamenti e gli orari, per evitare di trovarselo davanti senza nessuno che lo aiutasse. Sempre al Corriere, Igor ha affermato:

Questa è casa mia, nel quartiere mi trovo bene. In alcune circostanze, ho risposto per le rime a quell’uomo, sperando, ma sinceramente non troppo, che potesse servire… Invece niente, ha ricominciato come prima. Peggio di prima. Ha generato un clima di terrore nell’intero stabile. Una volta, in piena notte, è andato a bussare e a giurare vendetta alla porta di un signore marocchino che, a suo dire, aveva fatto baccano… Che cosa aveva davvero in testa Pucci venerdì? Beh, vedete un po’ voi… era appunto armato e urlava che mi avrebbe tagliato la gola e fatto a pezzi.

Le continue minacce, anche di morte, e la recente aggressione, per i Carabinieri che sono intervenuti confermano la premeditazione. Un punto s sfavore per l’uomo, e di cui il Tribunale terrà conto, per formalizzare il suo arresto. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Il bianco coniglio 21.5.19 - 11:32

In galera e buttar via le chiavi...e la speranza Troveranno le attenuanti di problemi mentali , sicuramente perché è così che va le legge in questo stato.. Io sto con IGOR !

Trending

CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
BigMama

BigMama vola a New York, interverrà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: le ultime news

Musica - Luca Diana 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

turchia spot lgbtiq erdogan

Turchia, minacce di morte per lo spot contro l’omobitransfobia, che è stupendo – VIDEO

News - Redazione 29.9.23
andria omofobia 18 anni gay

Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

News - Francesca Di Feo 26.10.23
io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
dua lipa omofobia transfobia misoginia

Dua Lipa: “Omofobia e transfobia sono parenti della misoginia”

Musica - Redazione Milano 27.8.23
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23