Napoli: trans umiliata dal personale ospedaliero rinuncia al ricovero

Nonostante i documenti d’identità della donna fossero in sintonia con la sua identità di genere, gli operatori sanitari incaricati di portarla in reparto l’hanno continuamente derisa.

Napoli: trans umiliata dal personale ospedaliero rinuncia al ricovero - trans ospedale - Gay.it
2 min. di lettura

Nunzia, trans registrata come donna all’anagrafe, ha preferito rinunciare alle cure e andare via dall’ospedale San Giovanni Bosco, piuttosto che continuare a subire le battute e le provocazioni del personale paramedico della struttura a cui si era rivolta per problemi cardiaci. “Questa dove la mettiamo?” ripetevano gli inservienti dopo il suo arrivo. Nonostante i documenti d’identità della donna fossero in sintonia con la sua identità di genere, gli operatori sanitari incaricati di portarla in reparto l’hanno continuamente derisa rivolgendosi a lei al maschile e discutendo su quale reparto fosse il più adatto.

A denunciare il fatto è stato l’assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, Daniela Villani: “La signora Nunzia per non sostenere l’attacco gratuito e inaccettabile ha deciso di rinunciare alle cure ed è andata via. L’Amministrazione comunale di Napoli è da sempre in prima fila sui diritti civili e contro le discriminazioni, per l’inclusione e il rispetto alle diversità. Combattiamo l’ignoranza e vogliamo costruire una città contro ogni discriminazione, in cui le persone (maschi, donne, etero e LGBT) siano educate al rispetto reciproco per la vittoria della comunità e della sensibilità”. L’assessore comunale si è detta “costernata per l’accaduto” e ha rivolto le sue scuse alla signora Nunzia “a nome della città. Siamo al suo fianco”, invitandola poi a contattare l’assessorato.

Come esponente della Razza UMANA, come donna e come Assessore alle Pari Opportunità Comune di Napoli condanno il…

Pubblicato da Daniela Villani su Sabato 30 luglio 2016

Arcigay Napoli è intervenuta, per ribadire che bisogna “garantire l’uguaglianza e la dignità di tutti i cittadini”. Arcigay ha ricordato anche che “non si tratta del primo caso di questo tipo che si verifica nello stesso ospedale: nel 2014 Pina, una donna transgender, fu ricoverata nel reparto maschile e denudata alla presenza degli altri degenti. L’intervento di alcuni attivisti ha portato il sindaco Luigi de Magistris a emanare una direttiva rivolta a tutti i presidi ospedalieri della città in cui si ribadiva la responsabilità dei professionisti, la dignità dei pazienti, i diritti umani inviolabili alla salute, la privacy e spazi riservati in casi doppiamente sensibili”.

Arcigay Napoli ha richiesto allora “ancora una volta un tavolo di confronto tra tutte le autorità responsabili delle Pari Opportunità a livello locale”. Perché il diritto alla salute e alla cure non può essere in discussione e in contesti sensibili come quello ospedaliero è inaccettabile che ci si possa imbattere in fenomeni del genere, soprattutto ci si trova nel momento del bisogno, vulnerabili e in cerca di aiuto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
nicola83 31.7.16 - 22:11

Vergognoso.

Trending

Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24

Hai già letto
queste storie?

Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico - Lia Thomas - Gay.it

Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico

Corpi - Federico Boni 26.1.24
A sin: Giorgia Meloni con Elena Donazzan (è noto che la prima non ami la seconda) - a destra Cloe Bianco

Nessuna pace per Cloe Bianco, Elena Donazzan sarà candidata alle Europee da Fratelli d’Italia

News - Redazione Milano 7.12.23
Trace Lysette in MONICA (2022)

Independent Spirit Awards 2023, pioggia di nomination LGBTQIA+. Trace Lysette candidata come miglior attrice

Cinema - Redazione Milano 6.12.23
@vittoria_schisano

La storia di Vittoria Schisano, finalmente protagonista

Culture - Redazione Milano 18.10.23
La Vita che Volevi, Ivan Cotroneo e la serie con Vittoria Schisano: "Volevo una donna trans finalmente protagonista" - La Vita che Volevi VITTORIASCHISANO IVANCOTRONEO - Gay.it

La Vita che Volevi, Ivan Cotroneo e la serie con Vittoria Schisano: “Volevo una donna trans finalmente protagonista”

Serie Tv - Federico Boni 19.9.23
Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: "Ho paura, temo ripercussioni" - stupro - Gay.it

Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: “Ho paura, temo ripercussioni”

News - Redazione 15.1.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022 - La transfobia istituzionale dilaga negli USA - Gay.it

USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022

News - Federico Boni 19.10.23