Foto

Nata per Te, la storia di Luca Trapanese e Alba è diventata emozionante film che andrebbe proiettato nelle scuole e in parlamento

Dal 5 ottobre al cinema, con Fabio Mollo alla regia e Pierluigi Gigante negli abiti di Luca Trapanese.

ascolta:
0:00
-
0:00
Nata per Te, la storia di Luca Trapanese e Alba è diventata emozionante film che andrebbe proiettato nelle scuole e in parlamento - nata per te foto - Gay.it
5 min. di lettura

Nata per Te, la storia di Luca Trapanese e Alba è diventata emozionante film che andrebbe proiettato nelle scuole e in parlamento - nata per te - Gay.it

In un Paese come l’Italia Nata per Te di Fabio Mollo, in uscita al cinema il 5 ottobre con Vision Distribution, andrebbe proiettato in tutte le scuole, in Vaticano al cospetto di Papa Francesco e a Montecitorio con il parlamento riunito, senatori a vita inclusi. Il 43enne regista esploso 10 anni or sono con Il sud è niente torna al cinema grazie all’adattamento dell’omonimo libro scritto da Luca Mercadante e Luca Trapanese, edito da Einaudi, con protagonista Trapanese e la piccola Alba, bambina con la sindrome di Down abbandonata in ospedale e da Luca adottata, al termine di una lunga, faticosa, apparentemente impossibile e storica battaglia. Questo perché mai nessun single aveva adottato un bambino in Italia, prima di Alba e del suo papà.

Luca, single, omosessuale, cattolico con un passato in seminario e un presente di impegno assoluto nel sociale, da sempre è mosso da un forte desiderio di paternità. Nel momento in cui scopre la storia di Alba, rifiutata da decine di famiglie considerate “tradizionali”, lotta con tutte le proprie forze per ottenerne l’affidamento. D’altronde Luca di battaglie ne ha combattute tante, conosce il dolore e ha imparato a trasformarlo, abbattendo muri e costruendo spazi di solidarietà. Il suo non è un gesto caritatevole, in Alba lui non vede nessuna disabilità, nessun ostacolo. Luca vuole semplicemente una famiglia.

Nata per Te, la storia di Luca Trapanese e Alba è diventata emozionante film che andrebbe proiettato nelle scuole e in parlamento - NPT 01185 - Gay.it
Nata per Te – Pierluigi Gigante e Viola Carbone. Foto di Gianni Fiorito

È una storia straordinaria, quella vissuta da Luca e Alba, venuti al mondo per trovarsi, per viversi e crescere assieme, per diventare una cosa sola. Una storia d’amore, una storia di diritti negati e faticosamente conquistati, una storia sulla paternità e sulla disabilità, una storia che si fa battaglia politica e sociale, in un Paese che da un anno vede il governo in carica attaccare quotidianamente le famiglie arcobaleno. Fabio Mollo ha realizzato un’opera fortemente emozionante, in cui Luca e Alba sono il centro di un Universo ai più sconosciuto. Con Trapanese è stato inaugurato il registro degli affidi previsti dalla legge per i single. Il primo caso in Italia. Un caso eccezionale, reso possibile da una legge vecchia 40 anni, all’epoca all’avanguardia e oggi semplicemente obsoleta. Perché Alba è una bimba affetta dalla sindrome di Down, con il tribunale di Napoli che prova ad affidarla a decine e decine di famiglie considerate più idonee al solo Luca, perché composte da “un padre e una madre”. Ma la piccola Alba viene sempre rispedita al mittente, se non subito rifiutata, perché in un Paese come l’Italia non ci sono aiuti, non c’è sufficiente sostegno per quelle famiglie che hanno ragazzi e ragazze con disabilità al loro interno. Trapanese invece è ben disposto a crescerla, ad amarla, a farla sentire a casa. Al fianco di una battagliera avvocata riesce in un’impresa che pareva impossibile. Per riuscirci pone fine ad una storia d’amore in essere, perché l’ex compagno che voleva come lui diventare genitore avrebbe preferito percorrere altre opzioni, vedi la gestazione per altri, rispetto all’adozione. Luca va avanti per la sua strada, sostenuto da una rumorosa famiglia allargata che da subito si innamora di Alba, così solare e piena di vita, così bisognosa e meritevole d’affetto.

L’ottima sceneggiatura di Furio Andreotti, Giulio Calenda e Fabio Mollo riempie di sfumature tutti quei personaggi apparentemente secondari che anche con poche battute riescono a trovare una loro decisiva collocazione all’interno di una storia che ruota unicamente attorno ai suoi due protagonisti. Il regista osserva da vicino tutti loro, dando ad ognuno di loro profondità. Nei panni di Luca troviamo il 31enne Pierluigi Gigante, ai più sconosciuto e qui chiamato a dare tridimensionalità ad un personaggio fortemente complesso e a tratti contraddittorio. Perché Trapanese è gay e cattolico, è arrivato ad un passo dal diventare prete e non si sente parte di una comunità, non vuole tramutare Alba in una bandiera del Pride ma al tempo stesso è consapevole dell’importanza storica della battaglia legale che l’aspetta, vive pubblicamente al fianco dell’amato compagno ed è dichiarato in famiglia, è taciturno e ha già vissuto mille vite, prima di trovare la sua strada nel sociale, nella paternità al fianco di Alba.

Nata per Te, la storia di Luca Trapanese e Alba è diventata emozionante film che andrebbe proiettato nelle scuole e in parlamento - NPT 01413 - Gay.it
Nata per Te – Pierluigi Gigante e Viola Carbone. Foto di Gianni Fiorito

Il resto del cast è uno spettacolo per gli occhi. Teresa Saponangelo è un’esilarante e combattiva avvocata mamma single di due pestiferi gemelli; Barbora Bobulova un’intransigente giudice che a lungo cercherà solo e soltanto famiglie ‘tradizionali’ per Alba; Alessandro Piavani è il fidanzato di Luca, innamorato ma incapace di accettare quella paternità tramite adozione che in un Paese come l’Italia lo vedrebbe comunque uno sconosciuto al fianco di Alba, perché “io per loro non sarei nessuno”; Antonia Truppo è una materna infermiera d’ospedale mentre Iaia Forte la splendida mamma di Luca, incantevole sin dal suo ingresso in scena grazie ad un canto napoletano profondamente toccante.

Nata per Te è un film dalle mille facce. Non solo una battaglia legale, ma anche il coming of age di un uomo fuori dal comune, il racconto di una comunità, di una bambina rifiutata dal mondo, ma soprattutto una grande storia d’amore tra un padre e una figlia e della famiglia che hanno creato insieme. Grazie a vari flashback scopriamo l’adolescenza di Luca, la vicinanza ad un amico d’infanzia che divenne suo primo amore, l’arrivo della vocazione, la sua scomparsa, il sogno dello Spazio, con uno sbarco su Marte metafora di un viaggio impossibile che diventa improvvisamente realtà. Con l’arrivo di Alba tutto cambia. Mollo si sofferma sull’incontro tra queste due anime. Inizialmente complicato, poi presto diventato non solo concreto ma indivisibile. Le primi difficili poppate, i primi rumorosi sonni, i pianti, i primi bagnetti. Luca è un uomo solo insieme a questa minuscola bambina che nessuno parrebbe volere, se non lui. Perché Alba è nata per Luca, e Luca è nato per Alba, nel film interpretata dalla dolcissima Viola Carbone.

In un’Italia che non è certamente la Svezia ma che anzi guarda sempre più pericolosamente all’Ungheria di Orban, in cui la ministra per la famiglia e le pari opportunità trascorre le proprie giornate ad attaccare le coppie omogenitoriali e le famiglie arcobaleno, Nata per Te ribadisce ed esplicita l’ovvio. Una famiglia è dove c’è amore. Nè più, nè meno.  Un sentimento nato in mezzo al pianto, cantava Lucio Battisti, che si innalza altissimo e vola sulle accuse della gente, rimanendo indifferente a tutti i suoi retaggi, sorretto semplicemente da un anelito d’amore. Di vero amore.

E l’amore non conosce né generi, né contratti, né bandiere. L’amore è amore, amore e basta.

Nata per Te, la storia di Luca Trapanese e Alba è diventata emozionante film che andrebbe proiettato nelle scuole e in parlamento - NPT 02605 - Gay.it
“Nata per te” di Fabio Mollo – Pierluigi Gigante e Viola Carbone – foto Gianni Fiorito.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Carlotta D'Amico e mamma Erika vincono "Io Canto Family"

Carlotta D’Amico e mamma Erika vincono “Io Canto Family”

Culture - Luca Diana 13.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Sanremo 2025, parla Carlo Conti: "Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival" - Carlo Conti - Gay.it

Sanremo 2025, parla Carlo Conti: “Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival”

Culture - Redazione 13.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Maestro, Bradley Cooper è Leonard Bernstein: "La sua fluidità sessuale non è mai stata nascosta" - Maestro 20221020 23291r - Gay.it

Maestro, Bradley Cooper è Leonard Bernstein: “La sua fluidità sessuale non è mai stata nascosta”

Cinema - Redazione 19.12.23
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Pillion, Harry Melling e Alexander Skarsgard motociclisti innamorati nel perverso film queer di Harry Lighton - Pillion - Gay.it

Pillion, Harry Melling e Alexander Skarsgard motociclisti innamorati nel perverso film queer di Harry Lighton

Cinema - Redazione 9.5.24
La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: "Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature" - La Petite cover - Gay.it

La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: “Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature”

Cinema - Redazione 17.1.24
Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: "Non ci può essere Ken senza Barbie" - Barbie Margot Robbie - Gay.it

Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: “Non ci può essere Ken senza Barbie”

Cinema - Redazione 24.1.24
La minaccia di Kristen Stewart: "Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film" - Kristen Stewart - Gay.it

La minaccia di Kristen Stewart: “Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film”

Cinema - Federico Boni 30.1.24
Tutto su mia Madre di Pedro Almodovar compie 25 anni - tutto su mia madre - Gay.it

Tutto su mia Madre di Pedro Almodovar compie 25 anni

Cinema - Federico Boni 26.3.24
Sundance Film Festival 2024, i film LGBTQIA+ più attesi - Sundance 2024 - Gay.it

Sundance Film Festival 2024, i film LGBTQIA+ più attesi

Cinema - Federico Boni 19.1.24