Nigeria, comunità gay terrorizzata dopo le condanne a morte per omosessualità. Si teme escalation

Più della metà dei nigeriani ha affermato che non accetterebbe un membro LGBTQ+ in famiglia, in un sondaggio del 2019.

ascolta:
0:00
-
0:00
zambia
2 min. di lettura

Due settimane fa un tribunale islamico che si rifà alla sharia nello stato settentrionale di Bauchi, in Nigeria, ha condannato a morte per lapidazione tre uomini con l’accusa di omosessualità. Una decisione, quella presa dal tribunale, che ha scosso la comunità gay nigeriana, terrorizzata dall’ipotesi che simile sentenza possa essere applicata sull’intero territorio nazionale, scatenando un’autentica ondata di violenza omofoba.

In Nigeria le relazioni tra uomini dello stesso sesso sono punibili fino a 14 anni di carcere, secondo la legge nazionale, ma 12 Stati nel nord, a maggioranza musulmana, utilizzano tribunali paralleli della sharia per punire i cittadini accusati di crimini che vanno dall’adulterio alla blasfemia. E in questi casi scatta la pena di morte.

Questa sentenza apre la porta a giudizi più draconiani contro le persone LGBTQ. È un appello alla violenza“, ha detto alla Thomson Reuters Foundation William Rashidi, direttore del gruppo per i diritti LGBTQ+ Equality Triangle. “Con questa sentenza, siamo tornati indietro nel tempo. Colpisce l’essenza stessa della libertà di espressione e di associazionismo. Alle persone è stato concesso un qualche tipo di diritto per attaccare, mutilare e aggredire le persone LGBTQ+”.

I tre uomini condannati a morte a Bauchi, uno dei quali aveva 70 anni, non sono stati rappresentati da alcun avvocato. Gli uomini hanno ora 30 giorni di tempo per impugnare la sentenza. Qualsiasi pena di morte approvata dai tribunali della sharia, infatti, necessita dell’approvazione del governatore dello stato. Ma qualunque sia la risposta definitiva, è probabile che il caso susciti ostilità e violenza ulteriore contro le persone LGBTQ+ in un Paese in cui l’omosessualità è gampiamente considerata inaccettabile. “È un pendio molto scivoloso“, ha affermato Marline Oluchi, membro del consiglio di ILGA. “Questi sono terreni pericolosi“.

Si tratta del primo caso di un tribunale della sharia nigeriano che ha emesso una condanna a morte per omosessualità, ha precisato Ayomide Adebayo-Oyetoro, avvocato di Lilywood Legal. Nel 2014, un uomo gay era stato costretto a 20 frustate dopo essere stato condannato per sodomia a Bauchi. Le associazioni LGBTQ+ africane stanno lavorando al fianco dei 3 condannati, che hanno 20, 30 e 70 anni, per cancellare la loro sentenza a morte. L’assenza di avvocati ha chiaramente violato i loro diritti costituzionali, ha precisato Adebayo-Oyetoro.

“Credo che se ci sarà un giusto processo, cioè l’appello, la sentenza sarà annullata”. Il caso potrebbe anche alimentare un confronto a dir poco doveroso sull’autorità della sharia in Nigeria, che possiede una costituzione laica. Il mese scorso, un cantante ha chiesto alla Corte d’Appello di dichiarare incostituzionale il codice penale della sharia in un altro Stato del nord. La sentenza è attesa entro ottobre.

La sicurezza è qualcosa che non sentiamo nostra come persone apertamente queer che vivono in Nigeria“, ha sottolineato Oluchi. “C’è sempre una forma di violenza dopo l’altra… a ricordarci che i nostri diritti vengono violati quotidianamente“.

Più della metà dei nigeriani ha affermato che non accetterebbe un membro LGBTQ+ in famiglia, in un sondaggio del 2019.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Jordan Bardella Gay.it Roberto Vannacci

Ai Patrioti piace così, Vannacci è troppo anti-gay,: l’omosessualità e le voci manipolatorie su Bardella gay

News - Mandalina Di Biase 21.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Carmine d'Anelli, insulti omotransfobici e sessisti dal sindaco di Rodi Garganico: "Mezza femmina" - Carmine dAnelli insulti omotransfobici e sessisti 11 - Gay.it

Carmine d’Anelli, insulti omotransfobici e sessisti dal sindaco di Rodi Garganico: “Mezza femmina”

News - Redazione 22.7.24
Simona Ventura palinsesti Rai

Simona Ventura e la stoccata all’Isola dei famosi, Super Simo si candida?

News - Emanuele Corbo 22.7.24
La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24
Emma, Paola e Chiara e Annalisa contro l'omofobia: "Sta diventando una piaga dilagante, basta!" (VIDEO) - Emma Annalisa Paola e Chiara - Gay.it

Emma, Paola e Chiara e Annalisa contro l’omofobia: “Sta diventando una piaga dilagante, basta!” (VIDEO)

News - Redazione 22.7.24

Continua a leggere

burkina-faso-lgbt-africa

Burkina Faso, la giunta militare criminalizza l’omosessualità

News - Redazione 12.7.24
congo-legge-anti-lgbt

Congo, avanza una proposta di legge anti-LGBTIQ in chiave anti-Occidentale

News - Francesca Di Feo 31.5.24
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, legge anti-gay, parla un attivista LGBTI: “La comunità viene già perseguitata, ma abbiamo una speranza”

News - Francesca Di Feo 12.3.24
Ghana LGBTQ+

Ghana, a rischio 4 miliardi a causa della legge anti-LGBT. E il presidente non l’ha ancora firmata

News - Redazione 6.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Camerun, il bacio all'amata contro l'omofobia di Brenda Biya, figlia del presidente Paul Biya - Brenda Biya - Gay.it

Camerun, il bacio all’amata contro l’omofobia di Brenda Biya, figlia del presidente Paul Biya

News - Federico Boni 4.7.24
gran-bretagna-ruanda-rifugiati-lgbtqia

Gran Bretagna, rifugiati LGBTI+ da deportare in Ruanda, approvato il piano immigrazione

News - Francesca Di Feo 24.4.24