Nigeria, parteciparono a un matrimonio gay, 69 persone dovranno portare le prove della propria innocenza: rilasciate su cauzione

Nel paese occidentale d'Africa l'omosessualità è perseguitata, la pena detentiva prevede fino a 14 anni di prigione.

ascolta:
0:00
-
0:00
nigeria matrimonio omosessale rilasciate 69 persone su cauzione - cover: The legend of the underground HBO
nigeria matrimonio omosessale rilasciate 69 persone su cauzione - cover: The legend of the underground HBO
2 min. di lettura

In Nigeria più di 100 persone erano state arrestate per aver partecipato a un matrimonio gay, come dichiarato dalla polizia locale. Le autorità avevano reso nota l’operazione di arresto mediante Twitter / X

 

La polizia aveva inoltre annunciato che volti e nomi delle persone arrestate sarebbero state esposte alla gogna tramite una “parata dell’infamia” in diretta Facebook.

Oggi apprendiamo che maertedì 19 Settembre un tribunale nel Delta State ha rilasciato su cauzione 69 individui che erano stati arrestati in quell’occasione. Secondo quanto riferito da Reuters, i sospettati sarebbero stati rilasciati dopo aver pagato, ciascuno di essi, una cauzione di 500.000 naira (poco più di 600 €) al tribunale. Lo ha spiegato all’agenzia di stampa l’avvocato Ochuko Ohimor, che ha raccontato che le persone non sono comparse in tribunale e che si è trattato di un accordo complessivo. Nel quale è previsto che, fino alla prossima udienza, ciascuna persona si rechi una volta al mese presso il tribunale della città di Warri per firmare il registro di non allontanamento: una sorta di libertà vigilata.

L’avvocato Ohimor ha aggiunto che nella prossima udienza le persone accusate dovranno fornire garanzie da presentare alla corte, garanzie nelle quali dovranno dimostrare la propria estraneità in relazione alla propria presenza durante il rito di un matrimonio tra persone dello stesso sesso. Gli indagati dovranno esibire documentazione che ora, grazie a questa libertà vigilata, avranno modo di produrre. I pm si sarebbero opposti alla libertà mediante cauzione, ma il tribunale ha stabilito il rilascio, perché gli indagati non erano accusati di un reato capitale e dunque secondo il diritto corrente nigeriano non potevano essere trattenute.

Non è chiaro cosa ne sia delle restanti persone. La notizia riportata da Reuters (che ammette di non essere riuscita a contattare il tribunale di Warri) parla di 69 persone rilasciate mediante cauzione, mentre l’annuncio della polizia locale dichiarava l’arresto di più di 100 persone. È possibile – sperabile – che le altre persone fossero già state rilasciate poche ore dopo l’arresto.

In Nigeria, paese più popoloso d’Africa situato a ovest, la legge anti-LGBTIQ+ prevede fino a 14 anni per chi è condannato. Il matrimonio omosessuale è vietato. Qualsiasi relazione omosessuale è vietata e perseguitata. L’adesione a gruppi di sostegno e associazioni per i diritti LGBTIQ+ sono perseguibili penalmente.

Pochi giorni fa si è invece appreso che in Kenya l’Ong Nglhrc ha vinto un contenzioso per poter mantenere le parole gay e lesbica nel proprio nome e nel proprio statuto, di fatto ottenendo la possibilità di operare per il supporto alla causa LGBTIQ+ nel paese dell’est africano.

Terribili sono invece le notizie relative alla comunità LGBTIQ+ in Uganda. In generale ricordiamo che si aggrava ogni giorno di più la situazione della popolazione LGBTIQ+ in Africa: tutte le notizie su Gay.it qui > (gf)

 

immagine di copertina: foto dal set di “Legend of the underground” documentario HBO sull’omosessualità vissuta in clandestinità in Nigeria.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24

Hai già letto
queste storie?

kenya-divieto-incitamento-violenza-lgbt

Kenya, la Corte Suprema vieta l’incitamento alla violenza contro la comunità LGBTQIA+. Ma è solo una misura temporanea

News - Francesca Di Feo 3.5.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
africa lgbt

Storia di un mondo al contrario, così i diritti LGBTIQ+ spaccano il mondo

News - Giuliano Federico 6.12.23
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Mahmood Tuta Gold Remake Video Still I Rise Nairobi

Mahmood, per ‘Tuta Gold’ ecco il remake video dei bambini di Nairobi

Musica - Mandalina Di Biase 28.3.24
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23