Novara, violenta aggressione omofoba ai danni di una lesbica: “Sei una vergogna, ti ucciderò”

Jen, soprannome dell’attivista, ha rivendicato il proprio essere lesbica con rara ed ammirevole determinazione.

Novara, violenta aggressione omofoba ai danni di una lesbica: "Sei una vergogna, ti ucciderò" - novara omofobia - Gay.it
2 min. di lettura

Arriva da Novara l’ultima denuncia di omofobia all’italiana di questo 2019 che è stato un autentico bollettino di guerra quotidiano. Pochi giorni fa un’attivista nigeriana di AfricArcigay, con sede a Vercelli, è infatti stata vittima di una violenta aggressione omofoba nei pressi della stazione di Novara. A denunciare l’accaduto Arcigay Rainbow Vercelli Valsesia.

L’autore del crimine ha fisicamente e verbalmente aggredito la ragazza in seguito al rifiuto di alcune avance da lui manifestate. Jen, soprannome dell’attivista, ha rivendicato il proprio essere lesbica con rara ed ammirevole determinazione.

Due giorni fa, all’uscita della stazione di Novara, intorno alle ore 18, una nostra iscritta nigeriana è stata aggredita da un connazionale, tale Solomon. La ragazza, il cui soprannome è Jen, aveva conosciuto il suo aggressore in precedenza e fin da subito, in seguito ad alcune prime avances, aveva chiarito di non essere interessata alla compagnia di uomini e di essere lesbica. All’uscita della stazione Jen ha cercato di evitare Solomon, che però l’ha seguita e per l’ennesima volta le ha insistentemente chiesto di uscire, non accettando un ulteriore rifiuto. Solomon le ha indirizzato con rabbia frasi del tipo “nel nostro Paese queste cose non sono ammesse” ma Jen è stata nuovamente molto chiara rispondendo “ora sono in Italia, sono libera di fare ciò che mi fa stare bene”. A quel punto Solomon ha continuato ad insultarla, dicendole “sei una vergogna!”, per poi arrivare ad aggredirla colpendola al volto proseguendo con “non finisce qui, nel nostro Paese uccidono le lesbiche e ti ucciderò”. Mentre Solomon la picchiava, un capannello di italiani che osservavano la scena non hanno mosso un dito, neanche per chiamare le forze dell’ordine. Jen è riuscita a telefonare a Junior, un suo amico, collega di lavoro e nostro iscritto anche lui, il quale ha chiamato un’ambulanza. Tre giorni di prognosi. Ieri Jen si è recata in Questura per sporgere denuncia, spera che la giustizia faccia il suo corso, e che quella italiana funzioni meglio di quella in Nigeria. Jen ora è spaventata, dopo tutto quello che ha passato crede di non poter essere al sicuro neanche in Italia. Ha passato così tanti anni a nascondersi e a vergognarsi di essere lesbica che non vuole ripiombare la propria vita nell’invisibilità e nella paura. Ci ha chiesto di parlarne pubblicamente, perché è una donna, nera e lesbica e sa quanto può essere difficile reagire per tante donne come lei: vuole diffondere la sua storia per dare coraggio a chi non riesce a denunciare un’aggressione. Chiediamo a gran voce una legge contro l’omotransfobia perché questi atti succedono ogni giorno e dobbiamo smettere di credere che sia normale.

Vicinanza a Jen è arrivata anche da NovarArcobaleno. Una legge contro l’omotransfobia, attualmente in discussione in Parlamento, è chiaramente sempre più urgente.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
massimom76icloudcom 22.12.19 - 21:17

Mi dispiace sempre sentire queste notizie. Invio quindi un caloroso abbraccio e un bacio a Jen....

Avatar
bacibaci 22.12.19 - 16:26

Questa donna è meravigliosa, tra gli altri motivi, perchè ha piena consapevolezza dell'importanza del coming out, dell'importanza di denunciare le aggressioni che si subiscono, dell'importanza di dare risalto mediatico a queste vicende così che i giovani gay si sentano meno soli, in questo caso in primis quelli di colore, e prendano coscienza dei pericoli cui è esposta la comunità lgbt e della necessità di lottare, perchè nascondersi significa solo accettare l'idea omofobica che il nostro posto sarebbe nel buio di luoghi di cruising o nel chiuso delle proprie case. Inoltre questa storia parla di 2 africani, uno non integrato e l'altra, Jen, invece ben integrata, conscia dei principi di laicità, di autodeterminazione delle persone, dell'importanza dell'attivismo nelle associazioni lgbt. Baci abbracci ed applausi a Jen.

Trending

stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Letizia Petris, Grande Fratello

Grande Fratello, Letizia Petris aveva una fidanzata. Gli attacchi dell’ex e della sua attuale compagna

News - Redazione 14.9.23
some-prefer-cake-2023

A Bologna “Some Prefer Cake” 15° edizione del festival di cinema lesbico

Cinema - Francesca Di Feo 22.9.23
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
Corea del Sud, Kim Kyu-jin prima storica donna dichiaratamente lesbica a partorire - Kim Kyu jin e Kim Sae yeon - Gay.it

Corea del Sud, Kim Kyu-jin prima storica donna dichiaratamente lesbica a partorire

News - Redazione 8.9.23
Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto” - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 7.11.23
Nyad, Annette Bening è l'atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer - NYAD - Gay.it

Nyad, Annette Bening è l’atleta lesbica che nuotò da Cuba alla Florida. Il trailer

Cinema - Redazione 30.10.23