Lega e FDL si scagliano sull’iniziativa Pride del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Omegna

Per la destra, un Pride a Omegna è una mera questione propagandistica.

ascolta:
0:00
-
0:00
La Norvegia potrebbe includere un pronome neutro
Bandiera LGBTQ al Pride di Oslo
3 min. di lettura

Era arrivata pochi giorni fa la proposta – avanzata dal Consiglio Comunale dei Ragazzi – di organizzare un Omegna Pride. Un’idea particolare ma decisamente interessante, che va sul filone dei tanti mini-Pride organizzati in diversi comuni italiani.

L’iniziativa è stata ideata dai giovanissimi membri del CCR di Omegna, senza l’influenza da parte di alcun partito e – anzi – è arrivata proprio dalla volontà dei ragazzi di vedere un comune più inclusivo e aperto che ascolti le voci della comunità LGBTQIA+, secondo quanto dichiarato dagli stessi.

Proposta accolta con entusiasmo dalla giunta comunale, che l’ha inserita in programma per la primavera dando il proprio appoggio per tutte le procedure organizzative e di patrocinio.

Il nostro è un impegno a 360 gradi – aveva dichiarato Erica Borone, sindaca del CCR – Alcuni ragazzi hanno evidenziato che anche nel nostro territorio è necessario dare voce alle problematiche legate al mondo Lgbt perché nessuno è diverso e nessuno deve sentirsi diverso”.

Tuttavia, le polemiche non hanno tardato ad arrivare: prima di tutte, quelle del consigliere comunale Mattia Corbetta, che seppur non prendendosela con il gruppo organizzatore, si è scagliato sulla giunta, accusandola di “plagiare i giovani con ideologie di sinistra”.

Le amministrazioni passate hanno sempre saputo collaborare attivamente con i ragazzi del Ccr, senza mai influenzare la loro attività con battaglie politiche di parte – ha dichiarato Corbetta, rappresentante di FDL in comune e fervente sostenitore delle politiche anti LGBTQIA+ di Giorgia Meloni – Ormai è chiaro che tra le priorità della giunta Moscatiello ci sono le battaglie politiche della sinistra e non il benessere di Omegna e dei suoi cittadini. Riteniamo però vergognoso che, per farlo, usino i giovani del Consiglio comunale dei ragazzi”.

Dichiarazione prontamente replicata dalla vice sindaca reggente, Mimma Moscatiello.

Premesso che ho incontrato l’altro pomeriggio per la prima volta i giovani del CCR di Omegna, ho trovato ragazzi in gamba, aperti e preparati, dunque non capisco come posso averli influenzati. I contenuti del programma del CCR erano stati portati a conoscenza già alla giunta di centrodestra, gay pride compreso”.

Una dichiarazione sostenuta anche dalla lista civica “Omegna si Cambia”.

C’è ipocrisia nelle dichiarazioni di Fratelli d’Italia e la polemica è grottesca – sostiene Augusto Quaretta – In campagna elettorale tutti pronti a voler dare voce ai giovani, salvo poi alla prima occasione bacchettarli perché esprimono idee diverse. Il Ccr è un organismo autonomo: non siamo qui a difendere l’attuale amministrazione, ma i ragazzi, liberi nelle loro scelte”.

A sostegno di Corbetti è arrivata però anche la dichiarazione della Lega.

Sottolineiamo in negativo la strumentalizzazione che la vice sindaco Moscatiello e le sinistre fanno dei bambini, utilizzandoli per questioni politiche – dichiara in una nota Alberto Preioni, commissario di Lega – Ognuno nel suo letto è naturalmente libero di fare e di comportarsi come crede e noi non ci mettiamo certo a sindacare. Ma vice sindaco reggente e partiti di sinistra non devono usare i più giovani per fare propaganda”.

Una polemica certo attesa, ma comunque estremamente deludente, che tratta i diritti civili e la dignità dei cittadini come una mera questione politica e propagandistica. Secondo queste persone, esistono cittadini di serie A e di serie B, persone “tabù”, meri punti di un programma politico, da nascondere e sotterrare sbandierando il vessillo dei valori tradizionali.

Del resto, da Lega e FDL non ci si aspetta niente di diverso, ma rimane comunque tristissimo assistere – per l’ennesima volta – ad un attacco indiscriminato verso chiunque proponga iniziative volte a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle minoranze.

Ancora più triste, forse, è il fatto che persone adulte e – si penserebbe – responsabili, si ritrovino a discutere con dei ragazzi che dimostrano, in questo caso, molta più sensibilità e maturità di loro.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Jonathan Bailey per @orlebarbrown

Jonathan Bailey, chi è l’attore gay sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 22.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. "Mi hanno detto che sono stravaganti" - Yan Couto - Gay.it

Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. “Mi hanno detto che sono stravaganti”

Corpi - Redazione 24.6.24

Hai già letto
queste storie?

Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
@simoneriflesso

“Impareremo mai a parlare di disabilità?”: intervista con Simone Riflesso, tra autodeterminazione e orgoglio queer

Corpi - Riccardo Conte 30.5.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati - Pride libri - Gay.it

Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati

Culture - Federico Colombo 11.6.24
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
SAFFFO QUEER 1-DAY FEST(A)

“La rivolta queer è fatta anche di piacere”, intervista con il SAFFFO Queer Fest(a)

Culture - Riccardo Conte 27.5.24
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24