Omofobia e voglia di vivere: “La memoria del corpo” di Carlo Deffenu

Un romanzo di grande attualità. Nella sua crudezza, un autentico inno alla vita.

Omofobia e voglia di vivere: "La memoria del corpo" di Carlo Deffenu - omofobia memoria del corpo - Gay.it
3 min. di lettura

La recensione di oggi riguarda un libro molto bello. Un romanzo che ho apprezzato così tanto da leggerlo tutto d’un fiato. Si tratta di La Memoria del corpo di Carlo Deffenu (Alter Ego Edizioni, 2018). Non è una nuova uscita (sono passati quasi tre anni dalla sua pubblicazione), tuttavia un romanzo come questo, che tratta a fondo il problema dell’omofobia, rischia di rimanere attuale ancora a lungo. Soprattutto – e mi dispiace dirlo – in Italia, dove il DDL Zan fa fatica ad arrivare in Parlamento e una larga parte dell’opinione pubblica stenta a capirne la necessità.

Trama

Elsa, la protagonista, è la madre di Sebastiano. È la madre di un figlio morto. Ucciso. Sono stati l’odio e la cattiveria, l’ignoranza e la crudeltà a portarglielo via. È stata l’omofobia, proprio lei. E ora Elsa vuole giustizia. Anzi, vendetta. Perché sì, ancora una volta, quando fa del male a qualcuno, quando uccide, l’omofobia lo fa nella maniera più spregevole e vile. E la vendetta è l’unico sentimento in grado di riflettere il calvario dei congiunti.

Elsa non sa chi abbia fatto scempio del corpo di suo figlio. La polizia brancola nel buio quanto e più di lei. La storia che Sebastiano aveva col suo attuale ragazzo, Michele, era complicata da fattori esterni, questo lo sapeva bene, ma ciò non prova nulla. Nemmeno quel particolare che Michele stesso, non volendo, le ha rivelato per telefono è una prova, al limite solo un indizio. Un indizio che per Elsa si trasforma però in forte sospetto quando su internet riesce ad allacciare i contatti col presunto assassino di suo figlio. È allora che capisce che deve fare tutto da sola, scoprendosi decisa a partire in pullman per Cagliari pur di portare a termine l’unica cosa per la quale ormai vive.

Omofobia e voglia di vivere: "La memoria del corpo" di Carlo Deffenu - la memoria del corpo - Gay.it
Carlo Deffenu, La memoria del corpo, Alter Ego Edizioni, Viterbo, 2018.

Durante il viaggio, Elsa si immerge nella rilettura del suo diario. Ha iniziato a scriverlo per elaborare il lutto su consiglio della psicoterapeuta, e in esso la donna ha raccontato la sua storia insieme a Sebastiano. Il primo ricordo è di quando suo figlio, a sette anni, con tutta l’innocenza che un bambino di quell’età può avere, grida di essere gay e di voler sposare il protagonista della sua serie tv preferita. Elsa rimane trafelata, ma decide comunque di minimizzare: Sebastiano è solo un bambino e non sa quello che dice. Gay? È assurdo solo pensarlo! A quell’età non si può sapere chi si è né cosa si vuole dalla vita.

A questo pensa Elsa per darsi forza nei giorni che seguono, eppure una parte di sé rimarrà per sempre incastrata in quella giornata, iniziata apparentemente come tante altre. Solo l’effettivo coming out di Sebastiano, a diciassette anni, la libera definitivamente dal dubbio. La verità tanto temuta è infine giunta, eppure non fa più male dell’incertezza nella quale è vissuta fino a quel momento. Il suo amore per il figlio non è mai stato in discussione, e mai lo sarà.

Analisi

La memoria del corpo è un romanzo davvero sorprendente. I suoi punti di forza sono molteplici e Carlo Deffenu ha saputo valorizzarli uno a uno. La storia procede avanti e indietro nel tempo seguendo il viaggio di Elsa in pullman e quello che la donna compie nella sua memoria. Il lettore si ritrova così non una, bensì due volte incuriosito: vuole infatti sapere cosa farà Elsa, ma anche quale è stata la vita di Sebastiano, e tutto questo lo spinge a proseguire nella lettura come se avesse due motori. Difficile staccarsi dalle pagine di questo libro anche per la scrittura di Deffenu: piacevole, lucida, modulata e mai banale nelle scelte lessicali o stilistiche.

L’omofobia – il tema portante del romanzo – viene raccontata nella sua veste più cruda. Le reazioni che suscita superano lo schifo e lo sdegno (comunque presenti e ineludibili, com’è naturale che sia) e innescano qualcosa di molto  più puro e prezioso: la voglia di mettersi in gioco, di uscire dal guscio e di vivere la vita per quella che è. Così com’è. La risposta migliore che si può dare all’omofobia è proprio questa, e Carlo Deffenu la fornisce non solo fra le righe. Viverla, questa vita. Appieno, fino in fondo. Viverla con sé stessi e per sé stessi. E anche per chi non avrebbe voluto che questo, ma non ce l’ha fatta.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

Sardegna Pride 2024 il 22 Giugno a Cagliari

Sardegna Pride 2024: sabato 29 giugno a Cagliari

News - Redazione 26.2.24
turchia-libri-censura

Turchia, libri su teorie riparative e correlazione tra omosessualità e pedofilia negli scaffali delle biblioteche pubbliche

News - Francesca Di Feo 5.2.24
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
libri hiv stigma Rebecca Makka Hervé Guibért Giulia Scomazzon Elena Di Cioccio

Oltre lo stigma Hiv: libri, narrazioni e discorsi

Culture - Federico Colombo 30.11.23
Cambiare la rappresentazione: intervista ad Alice Urciuolo - Sessp 26 - Gay.it

Cambiare la rappresentazione: intervista ad Alice Urciuolo

Culture - Federico Colombo 7.2.24
Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi - Sisters arriva il libro biografico di Paola e Chiara Iezzi - Gay.it

Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi

Culture - Redazione 7.2.24
mood club, locali gay in sardegna, locali gay a cagliari

Guida 2024 alla Sardegna queer: locali, serate, eventi ed associazioni LGBTIQ+ tra Cagliari, Sassari e La Maddalena

Viaggi - Redazione 4.4.24
Sardegna Partito Gay Alessandra Todde

Sardegna al voto, la vittoria di Alessandra Todde potrebbe incrinare lo strapotere di Meloni

News - Lorenzo Ottanelli 21.2.24