Alessandra Todde vince in Sardegna anche grazie all’appoggio della comunità Lgbtq+

Alessandra Todde è la nuova presidente della Regione Sardegna. Vince anche con il sostegno del Partito Lgbtq+ e con il sostegno della comunità

ascolta:
0:00
-
0:00
Conte Schlein Todde Sardegna
Conte, Schlein e Todde alla conferenza stampa per
4 min. di lettura

Dopo un lunghissimo scrutinio, nella notte di oggi la notizia è arrivata: Alessandra Todde è la nuova Presidente della Regione Sardegna. Una vittoria non scontata, sul filo del rasoio, per soli 0,4 punti percentuali. Il che significa uno scarto di poco più di duemila voti. E per il Campo largo questa è una notizia perché rappresenta la svolta per una possibile rimonta alle amministrative. Per la destra, invece, è un’amara sconfitta. Proprio ieri è stato annunciato il Sardegna Pride che si terrà a Cagliari il 29 Giugno.

I primi a rendersi conto che tutto stava girando per il verso giusto sono Conte e Schlein. I due leader partono per la Sardegna ieri nel primo pomeriggio e arrivano nell’isola, ma non si fanno vedere. È troppo presto, se Todde è inizialmente in vantaggio, a un certo punto lo diventa Truzzu, per poi rimontare e vincere. Solo la sera, quando ormai è certa la vittoria, i due leader si presentano al comitato elettorale. È una festa, con la certezza di poter essere un’alternativa, anche nel Continente.

Il dato è storico: il centrosinistra non riusciva a strappare una regione al centrodestra dal 2014 e non riusciva a ottenere una maggioranza per governarne una dal 2020. Oggi, invece, la prima rimonta potrebbe spingere l’alleanza progressista ad essere più appetibile anche altrove. È il caso dell’Abruzzo (regione che ha qualche fantasma di estrema destra da affrontare), che tra meno di un mese voterà nelle elezioni gemelle a quelle della Sardegna. E così potrebbe accadere anche in Basilicata, Piemonte e Umbria. Oltre alle elezioni per le amministrazioni locali e per le europee dell’8 e del 9 giugno.

Il Partito Democratico non festeggia solo la vittoria di Alessandra Todde, candidata unitaria ma di appartenenza pentastellata. Festeggia anche il fatto di essere primo partito in Sardegna, sopra a Fratelli d’Italia. Un dato incoraggiante, che potrebbe spingere parte dell’elettorato finora scettico a ricredersi sul primo partito all’opposizione e su Elly Schlein, tornando a votarlo.

Per la destra, invece, si apre una fase di instabilità, anche in termini di maggioranza governativa. Già presenti le fibrillazioni, soprattutto tra Fratelli d’Italia e Lega, adesso la coalizione apparirà meno unita. La Lega farà presente di avere per tempo sostenuto un’altra candidatura più forte di quella di Paolo Truzzu, vale a dire la riconferma di Christian Solinas, presidente uscente. Fratelli d’Italia terrà il punto dicendo che la sconfitta è stata di misura e la partita è stata giocata male, soprattutto con ritrosia, proprio da parte della Lega. Tuttavia, ora i due partiti di coalizione cercheranno di sgomitare per prendere decisioni e sorpassare Giorgia Meloni, che finora ha voluto intestarsi tutte le decisioni.

In tutto ciò, Alessandra Todde ha vinto di misura. È una vittoria non scontata, nonostante un candidato della destra, Paolo Truzzu, non molto amato. Soprattutto a Cagliari, dove è sindaco. C’è però un dato da considerare: Paolo Truzzu poteva contare su una coalizione di centrodestra che lo appoggiava completamente. Il centrosinistra, invece, si era nuovamente frantumato: Renato Soru, ex presidente della Sardegna tra il 2004 e il 2009 e fondatore del Pd, era appoggiato da Azione, Italia Viva, Rifondazione Comunista e dagli indipendentisti sardi. Ha preso l’8,6%. Se questi voti fossero, invece, stati a favore di Todde, il risultato sulla destra sarebbe stato ancora più evidente.

Sardegna Partito Gay Alessandra Todde
Alessandra Todde, Foto Social

L’appoggio della comunità LGBTIAQ+ sarda ad Alessandra Todde

Notevole è stato anche l’appoggio della comunità Lgbtq+, che ha espresso la sua preferenza su Todde. Anche il Partito Gay Lgbtq appoggiava la candidatura della nuova presidente. Con il partito rappresentato da Fabrizio Marrazzo, Todde aveva raggiunto un accordo programmatico, che vi avevamo raccontato qui poco più di un mese fa. La volontà di un cambiamento di tipo progressista, anche sui diritti civili, è stata di fondamentale importanza.

Fabrizio Marrazzo del Partito Gay Lgbtq+ è orgoglioso del risultato e in una nota scrive:

“Con Alessandra Todde Presidente della Regione Sardegna, vincono i diritti ed ora in Italia ci sono 5 Regioni a maggioranza progressista per chiedere il Referendum sul Matrimonio Egualitario per le persone LGBT+. La comunità LGBT+ in Sardegna ha fatto la differenza accogliendo il nostro appello al Voto Utile. questo è un segnale chiaro: il desiderio di uguaglianza trascende le divisioni politiche. Molte persone LGBT+, pur votando liste non presenti nella coalizione progressista, hanno scelto di votare Alessandra Todde per il suo sostegno al Matrimonio Egualitario e per gli oltre 12 punti sulla nostra comunità LGBT+. La lotta per l’uguaglianza è lontana dall’essere conclusa, ma oggi, con la Sardegna e Alessandra Todde in testa, l’Italia fa un passo coraggioso verso il riconoscimento pieno dei diritti LGBT+”.

Fabrizio Marrazzo ha rilasciato una dichiarazione a Gay.it, su Matrimonio Egualitario e sul suo incontro ieri con Elly Schlein:

“Alla serata di festeggiamento per la vittoria di Alessandra Todde, ho incontrato la segretaria del Partito Democratico Elly Schlein, alla quale ho nuovamente richiesto di coordinarsi con le altre 4 regioni progressiste per avviare l’iter per richiedere il Referendum per il Matrimonio Egualitario, in quanto elemento presente nel programma della neo-eletta Presidente, auspicando che il PD dia pieno sostegno alla proposta”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Shannen Doherty Addio

Addio Shannen Doherty, sempre al fianco dei fragili, in bilico tra forza e vulnerabilità

Serie Tv - Mandalina Di Biase 15.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24

Leggere fa bene

Alessandro Zan PD Elezioni Europee

Europee 2024, intervista ad Alessandro Zan: “Faremo l’Europa più politica, Meloni come Orban, Vannacci come il Ku Klux Klan”

News - Federico Boni 15.5.24
Elly Schlein Fabrizio Marrazzo

Cos’è il referendum sul Matrimonio Egualitario e perché la vittoria di Todde in Sardegna potrebbe essere rilevante

News - Lorenzo Ottanelli 27.2.24
Elly Schlein Fabrizio Marrazzo

Marrazzo del Partito Gay LGBT: “Il Pd ci dica chiaramente Sì o No al referendum sul matrimonio egualitario”

News - Lorenzo Ottanelli 30.4.24
Elly Schlein Partito Democratico Europee 2024

Il PD di Elly Schlein dica subito “Mai alleati di Giorgia Meloni nell’Unione Europea”

News - Giuliano Federico 10.6.24
Marina Zela, Giuseppe Conte e Fabrizio Marrazzo - Movimento Cinque Stelle e Partito Gay LGBT

Elezioni Europee, il M5S non vuole candidare Marrazzo e Zela del Partito Gay LGBT, appello a Conte

News - Redazione Milano 22.4.24
Sardegna Pride 2024 il 22 Giugno a Cagliari

Sardegna Pride 2024: sabato 29 giugno a Cagliari

News - Redazione 26.2.24
Movimento 5 Stelle LGBTI Elezioni Europee programma Giuseppe Conte

Elezioni Europee 2024 e comunità LGBTI+: cosa dice il programma del Movimento 5 Stelle

News - Gay.it 3.6.24
Alessandro Zan Elezioni Europee PD Collegio Nord Est Nord Ovest

“Contro i neofascismi, per un’Europa antifascista” Alessandro Zan candidato PD alle Elezioni Europee

News - Redazione Milano 23.4.24