Palazzo Chigi finanzia corsi di formazione per i giornalisti contro la discriminazione LGBT

Al via dei corsi di formazione per aiutare i giornalisti a non discriminare e offendere le persone LGBT, in particolare quando si parla di transessualità e stereotipi.

Palazzo Chigi finanzia corsi di formazione per i giornalisti contro la discriminazione LGBT - giuseppe conte - Gay.it
2 min. di lettura

Il Governo Conte punta anche sull’istruzione dei giornalisti per evitare di cadere nella trappola della discriminazione LGBT ed etnico-sessuale.

Palazzo Chigi, infatti, tramite il Dipartimento per le Pari opportunità ha approvato dei corsi di formazione riservati ai cronisti.  L’obiettivo è quello di aiutare gli operatori a utilizzare i termini consoni senza (incidentalmente) discriminare e offendere.

Inclusa anche la discriminazione LGBT

Se si parla di termini specifici per non discriminare, non si possono ignorare gli errori commessi dai media ad esempio quando si parla delle persone transgender.  E soprattutto del caos tra pronomi maschili e femminili. Per questo motivo, parte integrante dei corsi riguarderanno anche la discriminazione LGBT. In particolare, si occuperanno della “sensibilizzazione, il contrasto e la prevenzione di fenomeni discriminatori nei confronti delle persone LGBT“.

L’associazione Gaynet ha previsto tre seminari sulle tematiche sulla discriminazione LGBT, di genere, sui diritti umani. Si porrà attenzione sul linguaggio specifica da utilizzare in tutti i casi, focalizzandosi non solo sulla terminologia, ma anche per non basarsi solamente sugli stereotipi non più validi.

Si terranno due convegni in particolare sulla transessualità anche in occasione della decima edizione di “Divergenti Festival Internazionale di Cinema Trans” dal 19 al 28 novembre a Bologna.

I primi corsi di formazione previsti

Con la stipulazione di due contratti per un totale di 78.000 euro, Palazzo Chigi ha incaricato l’associazione “Carta di Roma” per portare avanti il primo pacchetto di corsi. Naturalmente, non riguarderà solo la discriminazione LGBT. Come riporta Il Tempo, punterà:

  • Corso sull’uso non discriminatorio delle parole nell’ambito dell’informazione, della correttezza dell’informazione, dei principi deontologici in materia di discriminazione, razzismo, xenofobia e tutela delle minoranze.
  • Seminario di formazione a carattere laboratoriale sulle modalità di raccolta e definizione dei dati sulle discriminazioni in ambito etnico-razziale.
  • Contributo all’interno dell’VIII Rapporto annuale dell’associazione relativo alla rappresentazione mediatica del fenomeno migratorio e dei suoi protagonisti con un focus specifico sul tema delle seconde generazioni e del loro ruolo all’interno dei mass media tradizionali e non.

Il Tempo: Il governo “in confusione” vuole “rieducare” i giornalisti

Il Tempo, parlando della notizia, non sembra però capire quanto sia irrispettoso parlare al maschile di una donna trans, oppure parlare di bacio gay (e non semplicemente “bacio”), come capitato alcune settimane fa, come gesto che ha scatenato un’aggressione omofoba. Non si rende conto, quindi, del disagio che prova una persona nell’essere definita in modo sbagliato: questa è la discriminazione LGBT dei media.

Ma per il quotidiano, si tratta solo della decisione di un un “governo in confusione”, con il premier Conte che vuole “rieducare” i giornalisti. Ma si definiscono corsi di formazione proprio perché aggiornano i professionisti su un determinato tema. Come può essere appunto la discriminazione, ed evitare così di contribuire a stereotipi, disinformazione ed errori.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anonimo 11.11.20 - 19:53

Questo tipo di formazione per i giornalisti è doverosa e necessaria. Il modo errato e grossolano con cui la stragrande maggioranza dei media italiani hanno raccontato il dramma di Caivano è solo una delle tante e più recenti dimostrazioni quindi bene ha fatto il governo a finanziarla, altro che confusione! Dovrebbe essere prevista anche in altri settori pubblici e privati. Per quanto riguarda Il Tempo, purtroppo non mi stupisce affatto che liquidi così questo tema, fingendo di non comprenderne l'importanza e parlando addirittura "governo in confusione" e presunta volontà di "rieducare" i giornalisti. Si tratta di un quotidiano di destra che si rivolge agli elettori di Salvini e Meloni.

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24

Hai già letto
queste storie?

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
scritta morte ai froci salerno

“MORTE AI FR*CI” e falce e martello, scritta shock a Salerno

News - Redazione Milano 24.8.23
omofobia

Foggia, minacce di morte e botte al figlio gay di 20 anni. Arrestato padre 57enne

News - Redazione 25.9.23
vittorio menozzi gay iti mirko brunetti grande fratello

Grande Fratello, omofobia su Vittorio Menozzi, le battute di Mirko e Marco

Culture - Francesca Di Feo 1.12.23
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
torino padre figlio gay 14 anni

Torino, le atrocità di un padre al figlio di 14 anni, perché gay

News - Redazione Milano 25.10.23
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23