Due papà e l’odissea per ottenere la carta d’identità elettronica dei propri figli, il video social

L'identità negata ai figli delle famiglie "non tradizionali". La denuncia di Christian De Florio e Carlo Tumino, celebri Papà per Scelta.

ascolta:
0:00
-
0:00
Due papà e l'odissea per ottenere la carta d'identità elettronica dei propri figli, il video social - Papà per Scelta con figli - Gay.it
3 min. di lettura

L’Italia dei diritti negati torna ancora una volta a far parlare di sé. Nel 2022, una coppia omosessuale riminese si trova a dover fare i conti con il bigottismo burocratico, che impedisce ai loro figli di ottenere qualcosa che tutti noi diamo per scontato: un’identità.

Christian De Florio e Carlo Tumino, influencer, hanno deciso insieme di diventare papà, e insieme si sono recati negli Stati Uniti per accedere al metodo della “gestazione per altri” – in Italia conosciuto come “utero in affitto”.

Così sono nati due gemelli, a tutti gli effetti figli di entrambi. Due bambini che – nonostante la giovane età – devono già scontrarsi con un paese che si rifiuta di riconoscerli e di rilasciare loro i documenti di identità.

«Sono anni che ci battiamo per ottenere la carta d’identità elettronica per i nostri due gemelli. Ma un decreto risalente al governo Conte I, voluto dall’allora ministro dell’Interno, Salvini, ne rende impossibile il rilascio».

Ma cosa implica questo decreto? Secondo la legge, la consegna dei documenti d’identità è vincolata alla dicitura madre e padre, non più al termine più generico di “genitore”. Una complicanza burocratica che non mette in difficoltà solo le famiglie arcobaleno, ma anche tutte quelle che rientrano nella dicitura “non tradizionale”.

«Una questione diventata burocratica, ma che, invece, è di natura squisitamente politica – spiegano De Florio e Tumino -. L’obiettivo di quell’atto governativo ancora in vigore, infatti, è quello di non riconoscere i nostri diritti, in quanto coppia omosessuale. Come evidenziato, proprio ieri (mercoledì, ndr), anche da una sentenza del tribunale di Roma, che lo ha riconosciuto illegittimo. Ci spieghiamo meglio. Fino alla norma introdotta da Salvini, i documenti d’identità per i figli minori presentavano il termine generico genitore. Dopodiché, sulla scorta di un’ideologia identitaria, mirata ad esaltare la famiglia tradizionale, attraverso quel decreto sono state inserite le diciture madre e padre. Da qui l’inevitabile stop alla consegna delle tessere, se non a terminologia differenziata».

Una gabula burocratica che è stata aggirata temporaneamente grazie all’utilizzo dei vecchi documenti cartaceo – in pochi oggi ne hanno ancora uno, ma almeno per i figli di Christian e Carlo pare essere l’unica soluzione.

È da sottolineare però la dicitura “temporanea” – la carta di identità dei gemelli scadrà infatti entro un anno, e si tornerà punto e a capo.

La risposta delle istituzioni

All’appello pubblico lanciato dai due papà, ha risposto prontamente l’assessore con delega all’Anagrafe, Francesco Bragagni.

Sulla scorta della sentenza dei giudici romani, con gli uffici comunali abbiamo cercato di individuare una strada burocratica da poter seguire. Anche perché sono diverse le famiglie omogenitoriali che hanno fatto richiesta di documenti d’identità elettronici. È evidente che il decreto Salvini abbia modificato le procedure da seguire. Perché se prima sul documento figurava la semplice dicitura genitore, adesso l’Anagrafe è tenuta ad emettere carte con diversa terminologia: madre, per la donna, e padre, per l’uomo. Vedremo come operare da un punto di vista amministrativo. Una cosa, comunque, è certa: faremo del tutto per soddisfare le giuste istanze di queste coppie».

Tuttavia, il problema del riconoscimento genitoriale – che qui può solo venire aggirato e mai risolto – porta con sé tutta una serie di implicazioni gravissime, come evidenziano De Florio e Tumino.

«Parliamo dell’impossibilità per il padre o per la madre non biologici di far valere il loro stato di genitori a tutti gli effetti – denuncia la coppia -. In Italia, infatti, vige ancora la norma per cui solo il componente della coppia omogenitoriale riconosciuto come genitore biologico può assistere i figli in ospedale o a scuola. L’altro no. Non viene ritenuto genitore, anzi nemmeno parente, insomma un semplice sconosciuto. Per fortuna che noi, durante l’operazione di “gestazione per altri” effettuata negli Stati Uniti, decidemmo di unire i nostri semi, ottenendo così lo status legale di genitori, altrimenti ci saremmo trovati nella disgraziata situazione in cuoi versano migliaia di coppie omogenitoriali italiane, in cui solo uno dei due è padre. E questo, nel 2022, è davvero inquietante. Surreale».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron - La bellissima storia di Kenny e Aaron - Gay.it

Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron

Culture - Redazione 29.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24

Continua a leggere

Luca Trapanese replica a Roccella: “Sono seriamente preoccupato, considero l’idea di lasciare l’Italia” - Luca Trapanese replica a Roccella - Gay.it

Luca Trapanese replica a Roccella: “Sono seriamente preoccupato, considero l’idea di lasciare l’Italia”

News - Redazione 11.9.23
incontro-ambasciata-americana-diritti-lgbt

Condizioni della comunità LGBTIQ+ in Italia, così l’alleato USA è stato informato

News - Francesca Di Feo 29.9.23
Foto di Max Böhme su Unsplash

La destra vorrebbe arrestarlo, ma a Trento diventa papà di suo figlio

News - Redazione Milano 4.9.23
Alessia Crocini vs. Pro Vita: "Nuove affissioni dei talebani nostrani, ma dove li prendono tutti quei soldi?". VIDEO - Alessia Crocini - Gay.it

Alessia Crocini vs. Pro Vita: “Nuove affissioni dei talebani nostrani, ma dove li prendono tutti quei soldi?”. VIDEO

News - Federico Boni 23.11.23
Shane Dawson, il celebre youtuber e l'amato Ryland sono diventati genitori - Shane Dawson - Gay.it

Shane Dawson, il celebre youtuber e l’amato Ryland sono diventati genitori

Culture - Redazione 12.12.23
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
Sul Washington Post la vergognosa persecuzione del Governo Meloni alle famiglie arcobaleno - LItalia di Meloni vista dal Washington Post - Gay.it

Sul Washington Post la vergognosa persecuzione del Governo Meloni alle famiglie arcobaleno

News - Federico Boni 9.2.24
lgbt european union

Il Parlamento UE verso il riconoscimento universale delle famiglie omogenitoriali

News - Francesca Di Feo 8.11.23