Perché Nightmare 2 è il film horror più gay di sempre

Sapevate che il secondo capitolo di Nightmare è un (quasi) inconsapevole cult del cinema queer?

ascolta:
0:00
-
0:00
NIGHTMARE 2
NIGHTMARE 2 CLASSICO QUEER
3 min. di lettura

Cinema horror e mondo LGBTQIA+ hanno molto più in comune di quanto pensiamo. Ne parliamo meglio con Queer Horror, una rubrica settimanale che vi farà compagnia da oggi al 31 Ottobre, per scoprire tutti film più (imprevedibilmente) queer della storia del cinema horror. Prontə?

Nel 1984, tra valanga di titoli usa e getta, Wes Craven re-inventa il genere dello slasher movie: Nightmare dal profondo della notte (A Nightmare On Elm Street) è un classico istantaneo pronto a popolare la paranoia degli spettatori di tutto il mondo e consacrare una delle più grandi icone del cinema anni ottanta: Freddy Krueger – interpretato dall’insostituibile Robert Englund – è l’uomo nero dal maglione a righe rosse e verde, volto ustionato, e guanto con le lame al posto delle dita, che infesta i sogni degli adolescenti di Elm Street, trasformandoli in incubi che uccidono anche nella realtà.

Il successo del primo film ha dato carta bianca ad una valanga di sequel, crossover, reboot, fino un increscioso remake nel 2010. Freddy Krueger non era solo l’ennesimo serial killer di teenager arrapati, ma una personificazione delle paure più universali, del terrore della crescita, una sanguinolenta metafora del passaggio dall’adolescenza alla vita adulta, con tutto il trauma che porta dietro. Rito di passaggio che nel secondo capitolo della saga tocca (in)direttamente anche la comunità queer: Nightmare 2 – La Rivincità arriva nel 1985 (un anno dopo il primo capitolo) ed è tutto spudoratamente gay. Freddie torna per tormentare Jessie Walsh, adolescente che si presenta al pubblico con un adorabile balletto ammiccante in camera sua, sculettando sulle note di Touch Me (All Night Long).

nightmare 2 è un classico queer
Mark Patton e Robert Rusler in Nightmare 2

L’uomo nero questa volta risiede dentro il corpo di Jessie (interpretato da Mark Patton), come un male ignoto che scalcia per uscire allo scoperto contro la sua volontà, qualcosa di terribile da reprimere e tenere nell’armadio. Una metafora della sessualità e del coming out che il film non fa nulla per ridurre a velata coincidenza: in uno dei suoi sogni Jessie si ritrova dentro un bar gay, con uomini che ballano tra costumi di pelle e pettorali sudati, tra cui il suo insegnante di ginnastica. Quest’ultimo viene seviziato nelle docce della palestra, con tanto di frustate sulle chiappe al vento. Dai primi piani dei lati B maschili a Freddy che seduce Jesse mettendogli una lama in bocca, l’intera sceneggiatura di Nightmare 2 è un freakshow omoerotico così evidente che lo stesso Patton non può non renderlo presente al regista Jack Sholder, e ancor più allo sceneggiatore David Chaskin: ma Chaskin nega tutto, sottolineando come ogni riferimento è puramente casuale. Patton – all’epoca gay non dichiarato –cozza con ogni stereotipo del tipico personaggio maschile: delicato, sensibile, espressamente effemminato, e protagonista di un film che non fa altro che metterlo ulteriormente in risalto pur prendendone le distanze. Nightmare 2 è un disastro al botteghino, sbertucciato da critica e pubblico, e nel frattempo Patton vive il suo personale incubo ad occhi aperti: nel 1988 il compagno Murphy muore di AIDS, e Patton, anche lui positivo all’HIV e malato di tubercolosi, abbandona Hollywood per trasferirsi in Messico, dove apre un negozio di souvenir e diventare “introvabile”.

nightmare 2
Mark Patton nel documentario Scream, My Queen: My Nightmare on Elm Street (2010)

Ma il tempo fa il suo corso e negli anni successivi, il film trova il sostegno di un nuovo pubblico: la comunità queer. Tutti gli elementi che l’hanno ridicolizzato e bastonato vent’anni prima, conquistano il cuore del mondo LGBTQIA+ tanto da eleggerlo a “film horror più gay mai realizzato”. Nelle parole di una drag queen durante una proiezione speciale nel 2010: “Al confronto Priscilla la Regina del Deserto sembra propaganda repubblicana“. Patton è stato invitato a numerosi panel, incontrando fan adoranti dal mondo queer ringraziandolo per uno dei pochi titoli del cinema horror con un protagonista (dichiaratamente o meno) gay.

Solo quasi un decennio dopo, nel documentario del 2010  Scream, Queen My Nightmare On Elm Street, Chaskin ammetterà che il sottotesto gay non era una coincidenza, ma completamente voluto, ai danni di un attore lanciato in pasto all’omofobia  degli anni Ottanta. Oggi non solo Nightmare 2 non è solo un piccolo grande oggetto di culto, ma Patton ha ripreso controllo della sua narrazione, libero da stigma e vergogna.

Leggi anche: Nightmare, Robert Englund vuole un remake a tinte gay

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Chi e Noah Williams il tuffatore che affianchera Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Gay.it

Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024

Corpi - Redazione 19.7.24
Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Giorgia, Elisa e Tiziano Ferro insieme in un'iconica foto presto diventata virale - Laura Pausini Eros Ramazzotti Giorgia Elisa e Tiziano Ferro - Gay.it

Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Giorgia, Elisa e Tiziano Ferro insieme in un’iconica foto presto diventata virale

Musica - Redazione 19.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24

Leggere fa bene

Ian McKellen ricoverato in ospedale - Ian McKellen e John Falstaff - Gay.it

Ian McKellen ricoverato in ospedale

Culture - Redazione 18.6.24
Levante live all'Arena di Verona

Levante Ventitrè – Anni di voli pindarici, su Paramount+ il racconto di un anno da incorniciare su e giù dal palco

Musica - Emanuele Corbo 23.1.24
Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero - Lil Nas X - Gay.it

Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero

Cinema - Redazione 19.3.24
Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell'omofoba Dubai. Pioggia di critiche - Jennifer Lopez - Gay.it

Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell’omofoba Dubai. Pioggia di critiche

Musica - Redazione 13.2.24
Paola Iezzi: "Se penso a tutte le cattiverie che ci dicevano quando facevamo il nostro pop. Massacrate" - Paola e Chiara Blu - Gay.it

Paola Iezzi: “Se penso a tutte le cattiverie che ci dicevano quando facevamo il nostro pop. Massacrate”

Musica - Federico Boni 16.2.24
Courtney Love stronca tutte. Parole di fuoco contro Taylor Swift, Madonna, Beyoncé e Lana Del Rey - Courtney Love stronca tutte. Parole di fuoco contro Taylor Swift Madonna Beyonce e Lana Del Rey - Gay.it

Courtney Love stronca tutte. Parole di fuoco contro Taylor Swift, Madonna, Beyoncé e Lana Del Rey

News - Redazione 17.4.24
Jonathan Bailey corre la maratona per i giovani LGBTQ: "Sosteniamoli e cambiamo le loro vite" - Jonathan Bailey - Gay.it

Jonathan Bailey corre la maratona per i giovani LGBTQ: “Sosteniamoli e cambiamo le loro vite”

Culture - Redazione 21.5.24
Uncoupled 2, dopo Netflix la serie con Neil Patrick Harris viene cancellata anche da Showtime - Uncoupled - Gay.it

Uncoupled 2, dopo Netflix la serie con Neil Patrick Harris viene cancellata anche da Showtime

Serie Tv - Redazione 22.3.24