Pisa, bruciata bandiera arcobaleno appesa alla finestra di una coppia di papà: “Atto intimidatorio”

La bandiera era appesa alla finestra della stanza dove solitamente dorme il figlio della coppia gay. Durissimo il sindaco di San Giuliano Terme.

Pisa, bruciata bandiera arcobaleno appesa alla finestra di una coppia di papà: "Atto intimidatorio" - Pisa incendiata bandiera arcobaleno - Gay.it
2 min. di lettura

Pride Month iniziato oggi, primo giugno, e nuova denuncia a tinte omofobe in arrivo questa volta da San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, come riportato da FamiglieArcobaleno. È stata infatti bruciata la bandiera arcobaleno appesa alla finestra di casa da una coppia di papà. La bandiera, tra le altre cose, era stata appesa alla finestra della stanza dove dorme il loro figlio di pochi anni. Durissimo il commento di Gianfranco Goretti, presidente di Famiglie Arcobaleno.

Mentre il Parlamento ancora non si decide ad approvare una legge contro l’omo-lesbo-bi-transfobia, a farne le spese intanto sono le persone gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e transgender. E se il più delle volte la violenza contro di noi è verbale, fatto già di per sé stesso grave, molte, troppe volte si arriva addirittura alla violenza fisica o ad atti intimidatori come quello verificatosi ieri in un comune toscano. È ora che lo Stato italiano si assuma la propria responsabilità se non vuole, per la sua inerzia, essere tacciato di colpevolezza di fronte ai continui episodi di omofobia. Per fortuna pare che i nostri soci e il piccolo, ai quali va tutta la nostra solidarietà e vicinanza, non fossero in casa in quel momento e grazie all’intervento di alcuni passanti le fiamme sono state spente subito prima che si propagassero. Questa non è una semplice bravata. Questo è un atto intimidatorio nei confronti delle persone lgbt e dei genitori arcobaleno. Speriamo che i colpevoli vengano presto individuati e puniti per un gesto che solo il caso ha voluto non si trasformasse in una vera e propria tragedia.

Netta anche la presa di posizione del sindaco della cittadina toscana, Sergio Di Maio, che ha affidato ad un lungo post su Facebook la propria condanna. «La condanna ferma e assoluta non è solo per il gesto in sé, che ha messo a rischio l’incolumità delle persone che ci abitano. Ciò che fa rabbrividire è la mancanza di rispetto e consapevolezza: quella bandiera ha un preciso significato, parla di libertà, inclusione, rispetto, non violenza. Il lavoro da fare all’interno delle famiglie è grande, a quanto sembra. Il nostro compito è promuovere una socialità basata sui valori completamente differenti da quelli che considerano l’atto di bruciare una bandiera arcobaleno un “divertimento”, magari da bollare come semplice “ragazzata”. Niente di più sbagliato. Il Comune di San Giuliano Terme ha lavorato e continuerà a lavorare affinché questi singoli gesti non vengano solo condannati, ma affinché nelle scuole, nella comunità e nelle famiglie di promuova un impegno concreto nell’ambito della lotta alle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. Perché inclusione ed educazione alle differenze prevengono la violenza».

A seguire sono arrivate anche le parole dell’assessora comunale alle Pari Opportunità e all’Integrazione, Lara Ceccarelli. «Invito la cittadinanza a esporre da finestre e balconi la bandiera arcobaleno. Dobbiamo agire come comunità di fronte a un gesto gravissimo che non deve passare inosservato. Invito eventuali testimoni a raccontare tutto all’amministrazione comunale o alle forze dell’ordine. Inoltre, nella zona sono presenti delle telecamere, i cui filmati verranno presto visionati».

Anche Alessandro Zan, deputato PD nonché relatore della legge contro l’omobilesbotransfobia, ha così commentato quanto accaduto, esordanto la politica nazionale a non perdere più tempo: “Il gesto di questi vigliacchi non è una bravata, né una provocazione. Bruciare una bandiera arcobaleno a casa di una famiglia è un atto criminale, è istigazione all’odio e alla violenza. E come tale va punito. Approviamo la legge contro l’omotransfobia.  Solidarietà a questa famiglia!”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24

Leggere fa bene

Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: "Non potevo restare indifferente" - San Lazzaro di Savena la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino - Gay.it

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: “Non potevo restare indifferente”

News - Federico Boni 14.12.23
Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all'assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO - Gay Center - Gay.it

Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all’assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO

News - Redazione 1.2.24
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby - Roma Lazio il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti in vista del derby - Gay.it

Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby

News - Redazione 5.4.24