Polonia, il nuovo sindaco di Cracovia si unirà al Pride e isserà la bandiera rainbow sul Municipio

L'ultimo di una serie di segnali positivi da una Polonia che sta gradualmente scrollandosi di dosso la pesante eredità dell'ultradestra di Diritto e Giustizia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Aleksander Miszalski al cracovia pride
Aleksander Miszalski alla Marcia per l'Uguaglianza
2 min. di lettura

Aleksander Miszalski, neo-eletto sindaco di Cracovia, in Polonia, ha dichiarato che tra i suoi primi atti ufficiali figurerà la partecipazione alla Marcia per l’Uguaglianza (evento locale equivalente al Pride) prevista per la prossima settimana. Per la prima volta, la facciata del Municipio sarà inoltre adornata con una bandiera rainbow in occasione dell’evento.

In netto contrasto con le politiche del suo predecessore, Jacek Majchrowski – che durante il suo lungo mandato ha ripetutamente declinato gli inviti del comitato organizzatore –Miszalski si appresta quindi a diventare il primo politico di alto profilo a Cracovia a partecipare all’evento.

“Voglio lavorare per una Cracovia più sensibile e tollerante, una casa per tutti e aperta a tutti” – si legge nella lettera inviata dal sindaco al collettivo Pride, che quest’anno festeggia il suo 20esimo anniversario. “Sarebbe per me un immenso piacere unirmi alla parata”.

cracovia-pride
La Marcia per l’Uguaglianza di Cracovia

Si tratta solo dell’ultimo di una serie di segnali positivi provenienti dalla Polonia, finalmente liberatasi nel tardo 2023 dalla morsa della destra ultracattolica di Diritto e Giustizia (PiS) – sostenuta in Italia da figure del calibro di Giorgia Meloni e Matteo Salvini – che da quasi un decennio teneva le redini del paese.

Con la vittoria del fronte europeista guidato da Donald Tusk e dal suo partito Piattaforma Civica (KO), si concludeva l’era della repressione LGBTQIA+ e si apriva nel contempo un nuovo capitolo di speranza per il ritorno alla centralità dei valori europei.

Il che non cancella però il profondo impatto delle politiche repressive e marginalizzanti adottate negli ultimi anni (tra cui le famigerate NO-LGBT Zone), i cui effetti duraturi si possono riscontrare ancora oggi: uno uno studio della Lehigh University, in collaborazione con il National Bureau of Economic Research (NBER) degli Stati Uniti, ha infatti recentemente analizzato come il discorso d’odio istituzionale e la caccia alle streghe verso le identità non conformi abbiano influenzato negativamente la salute mentale e il benessere sociale degli individui LGBTQIA+, con un aumento sostanziale dei casi di ansia, depressione e isolamento sociale.

A febbraio, Wojciech Szelag, noto presentatore della TV nazionale, ha invitato due attivisti LGBTQIA+ a partecipare al suo programma, scusandosi pubblicamente con la comunità per il pregiudizio causato dalla copertura omobitransfobica della rete sotto l’influenza del governo. 

Se il cammino verso la piena accettazione della comunità LGBTQIA+ in Polonia sembra ancora lungo e pieno di ostacoli, data la persistente omobitransfobia sistemica e sociale, almeno si intravedono segnali che il paese si stia muovendo nella direzione giusta. Purtroppo, non si può dire lo stesso per tutti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L'annuncio video - Alfonso Signorini - Gay.it

Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L’annuncio video

Culture - Redazione 21.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
tuscia pride 2024, 1 giugno a viterbo

Tuscia Pride 2024: a Viterbo sabato 1° giugno

News - Redazione 29.3.24
laguna pride 2024, domenica 9 giugno

Laguna Pride 2024: a Venezia domenica 9 giugno

News - Redazione 9.5.24
Europee 2024, Marrazzo, Zela e Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed è polemica - Europee 2024 Marrazzo Zela ed Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed e polemica - Gay.it

Europee 2024, Marrazzo, Zela e Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed è polemica

News - Redazione 3.4.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
Bruxelles Pride il 18 maggio: tutti i motivi per cui dovresti andarci! - bruxelles pride 2024 44 - Gay.it

Bruxelles Pride il 18 maggio: tutti i motivi per cui dovresti andarci!

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24
ragusa pride 2024, il 29 giugno

Ragusa Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 22.1.24
Elly Schlein

Donne LGBTI+ e politica: pregiudizi, molestie, violenze, così la resistenza patriarcale tenta di dissuaderle

News - Francesca Di Feo 29.3.24