Il presidente dello Yatch Club solca l’oceano della transizione

La nostra intervista a Daniele, che dopo aver attraversato in barca l'Atlantico e fondato un club nautico ha abbracciato la propria identità di genere.

Il presidente dello Yatch Club solca l'oceano della transizione - Daniele Oceano - Gay.it
3 min. di lettura

Daniele ha sempre avuto una vita avventurosa. Ha attraversato l’Atlantico in barca e fondato un club nautico. Un giorno ha preso una decisione ancor più coraggiosa e ha scelto di essere esternamente come lui sentiva di essere nel suo animo, iniziando una transizione FtM.

 

Il presidente dello Yatch Club solca l'oceano della transizione - Oceano Atlantico - Gay.it

  • Com’è stato attraversare l’oceano Atlantico?

Daniele – La traversata atlantica è un’esperienza che non si potrà mai dimenticare, ti entra dentro e rimane fotografata nei tuoi ricordi come un tatuaggio. Ancora ricordo il profumo del mare e il plancton fluorescente sulle creste delle onde nelle nottate di traversata. Siamo salpati il 5 dicembre del 2012, proprio quando ci sarebbe dovuta essere la fine del mondo, e se proprio così doveva andare avevo scelto di morire nel mio mare; dicevo… siamo salpati il 5 dicembre 2012 da Las Palmas e siamo atterrati a Barbados il 29 dicembre, splendida isola dei Caraibi. Eravamo in 6 in barca. Facevamo turni per tutto: per preparare il pranzo e la cena, per le pulizie della barca, per dormire, per fare acqua dissalata, per la navigazione.

  • Ad un certo punto della tua vita, ti sei “imbarcato” in un’impresa ancora più coraggiosa e hai deciso di fare una transizione di genere. Com’è andata?

Non è stato semplice, lo ammetto! Dalla tenera età di 4 anni avevo già capito che il mio corpo di aspetto femminile non mi calzava, ma solo all’età di 50 anni mi sono fatto coraggio per affrontare la mia famiglia. Lavoro e amicizie non erano per me uno scoglio, lo scoglio più grande erano solo mia mamma e mio papà. Solo loro contavano. Non volevo ferirli, ma non volevo invecchiare più in un corpo da donna, volevo essere finalmente me stesso. Ho vissuto una vita molto movimentata, passaggi lavorativi importanti, storie d’ amore intense, ma non riuscivo ad essere in equilibrio con l’universo. Era arrivato il tempo del percorso di transizione. Il mio passaggio da donna a uomo avrebbe dato il via a quella energia che avevo sempre desiderato. Oggi sono Daniele e fiero di aver avuto la forza di affrontare me stesso.

  • Il percorso però non è stato molto semplice, soprattutto all’inizio…

Mi è capitata una cosa che al tempo è stata spiacevole e oggi mi appare buffa. Quando mi sono presentato in tribunale per la sentenza del cambio nome e per l’avvio alle operazioni chirurgiche, ho trovato una giudice transfobica o se preferite, un po’ troppo prudente. Ho dovuto aspettare ben tre udienze perché il giudice chiudeva rimandava  sentenziando che non era ancora per lei (me) arrivato il momento di cambiare identità! Situazione quasi irreale, ma questo è accaduto purtroppo.

 

  • Hai un messaggio per i nostri lettori?

Ho sbagliato tante volte nella vita, ma non mi sono mai fermato al primo scoglio. Non abbiate paura di fare errori, sono opportunità per vivere. Vivete la vostra vita, non quella degli altri. Il coraggio e la vostra autostima vi porterà solo la magia per essere felici come vi meritate.

Il presidente dello Yatch Club solca l'oceano della transizione - Daniele Yatch club - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale - Lorenzo Licitra e Gesu - Gay.it

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale

Culture - Redazione 28.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

Continua a leggere

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO - Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans - Gay.it

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO

News - Redazione 21.11.23
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
Credit: Steve Russell

Cosa è cambiato per lə bambinə trans* nel Regno Unito

News - Redazione Milano 22.12.23
Marlon Wayans di Scary Movie: "Ho un figlio trans, sono così orgoglioso di lui" - marlon wayans figlio trans - Gay.it

Marlon Wayans di Scary Movie: “Ho un figlio trans, sono così orgoglioso di lui”

Culture - Redazione 15.11.23
Photo: Rogelio V. Solis

ll Parlamento inglese accoglie il primo panel per la tutela dellə bambinə trans*

News - Redazione Milano 7.2.24
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24